Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL SENSO DI SMILLA PER LA NEVE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/9/10 DAL BENEMERITO AAL

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 20/11/12 5:47 - 11263 commenti

Un buon romanzo (di grande successo) dello scrittore danese Peter Hoeg, convertito in un film mediocre dal regista Bille August. Si perde quasi totalmente la "magia" letteraria della pagina scritta: il regista converte la storia in un thriller confuso e ingarbugliato che non sfrutta adegutamente la suggestiva ambientazione. Anche il cast scelto, potenzialmente di buon livello, non convince più di tanto.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 19/6/12 8:49 - 7662 commenti

Il film fa forza sul contesto inusuale e sul plot incalzante, dal romanzo del danese Høeg: un thriller che si trasforma nella scoperta del solito complottone dello scienziato pazzo. Ma poi il regista vola basso, limitandosi a svolgere (comunque bene) il compito, evitando di sfruttare le suggestioni glaciali potenzialmente notevoli, e addirittura sbagliando cast: attori anglo-irlandesi per personaggi scandinavi e inuit (con l’assurdità della protagonista groenlandese, che da bambina ha gli occhi a mandorla e da adulta gli occhioni da cerbiatto).
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 22/11/12 10:17 - 8951 commenti

Mezza danese e mezza inuit, una giovane donna indaga sulla morte di un bambino, ritenendo che non si tratti di un incidente come invece le apparenze fanno pensare... Da un bestseller baciato da un grande successo (per me inspiegabile), una trasposizione piatta e confusa, incolore sul piano visivo e sul piano emotivo, che non riesce a coinvolgere più di un qualsiasi giallo di routine trasmesso su Rai2. Julia Ormond è una Smilla più bella di come è descritta nel romanzo, ma anche, se possibile, meno interessante, gli altri attori noti sembrano di passaggio e/o sono sprecati. Film perdibile.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 18/6/12 0:28 - 4099 commenti

Smilla (una Julia Ormond piuttosto in parte) è cresciuta tra i ghiacci, il vento freddo della Groenlandia e vasti orizzonti e non sopporterebbe di stare rinchiusa in una cella; nonostante ciò continua le sue indagini e vuole sapere perché il suo piccolo amico Isaiah è stato ucciso. Interessante non solo per le atmosfere nordiche e una costante suspense che mantiene alta l'attenzione, ma anche per il fantasioso evolversi della storia e i suoi risvolti legati, come spesso succede, all'interesse e al potere. Notevole il cast, in cui spicca Harris.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Paulaster 14/11/17 10:10 - 2613 commenti

Un bambino precipitato da un tetto fa scaturire indagini per un omicidio legato a una scoperta scientifica. Thriller che nella prima parte di analisi della storia regge la tensione ma che avanzando perde ogni logica. Melodramma di azione, frasi sentimentali terribili e finale esagerato in cui le ambientazioni polari erano già di per sé suggestive. La Ormond è dipinta anche troppo duramente, Byrne non è mai credibile e la Redgrave è da comica religiosa; Harris è l’unico a offire buone espressioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Ormond che stritola i genitali alla fidanzata del padre; L’audio del nastrino.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Buiomega71 19/11/12 0:25 - 2192 commenti

Dopo un promettente prologo che sta tra Antarctica e un disaster movie, il film si affloscia inesorabilmente procurando solamente noia, sbadigli e ritmo del peggior tv movie da domenica pomeriggio. August, così sanguigno e viscerale nella Casa degli spiriti, qui è totalmente anonimo, svogliato, con una regia narcolettica e televisiva che regala banalità e pressapochismi a iosa. Brutto pure il finale, un mix tra un X-Files dei poveri e L'orca assassina (ma senza l'orca). Di rara antipatia la Smilla della Ormond e emozioni vicine allo zero. Pessimo fantathrillerino sottozero (in tutti sensi).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Ormond che prende per le "palle" l'amante giovane del padre; Il povero Richard Harris nella stessa situazione finale che aveva nell'Orca assassina.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Disorder 19/12/10 14:04 - 1406 commenti

Insolito, glaciale film danese, dallo strano sviluppo a metà tra thriller e dramma, con una punta di fantascienza. Il "giallo" in sè è debole, ma gli indizi sono lesinati quel tanto che basta a tenere sempre alta l'attenzione; i veri punti di forza sono altri, l'attenzione per i personaggi soprattutto ma anche l'uso accorto delle ottime location (una gelida Copenaghen prima, la Groenlandia poi). In qualche modo ha anche anticipato l'attuale successo del thriller scandinavo (e Smilla non è poi così diversa da Lisbeth Salander...). Bello, senza dubbio...
I gusti di Disorder (Avventura - Commedia - Drammatico)

Noodles 3/4/20 23:38 - 752 commenti

Partendo da un buono spunto (dovuto però al libro) il film inizia bene con una buona dose di suspense ma poi si perde subito in una sceneggiatura ingarbugliata zeppa di dialoghi spesso malfatti. Non convincono nemmeno l'incoerenza di alcune situazioni (la protagonista cambia un paio di volte modo di fare senza un perché) ma soprattutto non convince la regia, piatta e televisiva. Il cast recita bene ma il film proprio non va, è freddo come i luoghi in cui è ambientato.
I gusti di Noodles (Commedia - Drammatico - Horror)

Aal 11/9/10 7:25 - 321 commenti

Depresso e noioso thriller in salsa danese. La trama poi è confusa e inconcludente, i personaggi ambigui e irritanti. Julia Ormond e Gabriel Byrne sembrano capitati per caso in questa sceneggiatura tanto è il loro spaesamento. Più in parte il grande Richard Harris. Il problema è putroppo alla radice: i molti difetti del libro di Peter Hoeg sono stati riversati nel film. Non riesco a capire cosa ci abbiano visto migliaia di lettori o i produttori della riduzione cinematografica. Forse mi sfugge qualcosa: la Danimarca è davvero lontana da noi.
I gusti di Aal (Drammatico - Fantascienza - Horror)