Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• LA PIOVRA 8 - LO SCANDALO (2 PUNTATE)

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/8/10 DAL BENEMERITO LUCIUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Lucius  17/8/10 16:14 - 2620 commenti

Raffinata produzione, ambientata nella Sicilia degli anni cinquanta chiarisce la premesse della nascita della piovra e di taluni personaggi tipo Tano (Remo Girone). Un'attrazione senza limiti tra una nobildonna ed un tenente di polizia (la Kling e Raul Bova entrambi all'apice della loro bellezza) porterà il marito di questa (potente signorotto) pazzo di gelosia, a subire una trasformazione personale e scendere a patti con la mafia. Purtroppo poca azione ma un'ottima fotografia per una Sicila splendida più che mai.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Furetto60 10/11/15 8:30 - 1129 commenti

In questo riuscito prequel, con attori già visti nelle puntate precedenti e altri meno conosciuti, viene efficacemente ricostruita, tramite fascinose location, la Sicilia anni '50. Trame criminali si intrecciano con quelle passionali dando luogo a una vicenda appassionante. Spiccano le prove della Kling e di Bova, fisicamente splendenti, e di un bravissimo Contri. Appare Tano fanciullo, già lesto di cervello, e si chiariscono le sue misteriose origini.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Jorge 14/2/11 13:42 - 164 commenti

Qui Bova, che nella settima serie era vicecommissario, torna indietro nel tempo e diventa il carabiniere Arcuti. Buona l'idea di studiare "storicamente" la mafia e di approfondire l'infanzia di Tano. Ottima la fotografia, sceneggiatura un po' confusa e deludente; la regia, però, è solida e le interpretazioni (su tutti un cattivissimo Zingaretti) rendono piacevole la visione. Bella e brava la Kling, interessante il lavorio psicologico sul personaggio interpretato da Contri. Si resta un po' sospesi, in attesa dell'evidente sequel.
I gusti di Jorge (Giallo - Horror - Thriller)