Discussioni su Confessione di un Commissario di Polizia al Procuratore della Repubblica - Film (1971)

DISCUSSIONE GENERALE

7 post
  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Undying • 28/10/08 20:08
    Comunicazione esterna - 7574 interventi
    Assodato ormai un pò ovunque essere stato, il primo polizi(ott)esco del filone - poi codificato da Di Leo, Lenzi e altri - La Polizia Ringrazia (Steno, 1972).

    Va però aggiunto che, come già Pasolini aveva dato l'avvio a due sottogeneri (dalla "Trilogia della Vita" il decamerotico nelle sue derivazioni: la boccaccesca, quella orientale e quella di Chaucer; da Salò l'Eros-Svastika) così anche la "corrente" degli animati (e popolari, nell'accezione positiva del termine) polizieschi d'azione ha nobili antecedenti.

    Veri e propri precursori, dei quali, oltre al qui presente lavoro diretto da Damiani, possiamo ricordare quello di Elio Petri (Indagine su un Cittadino al di Sopra di ogni Sospetto, 1970).
  • B. Legnani • 28/10/08 23:56
    Pianificazione e progetti - 15001 interventi
    Undying ebbe a dire:
    Assodato ormai un pò ovunque essere stato, il primo polizi(ott)esco del filone - poi codificato da Di Leo, Lenzi e altri - La Polizia Ringrazia (Steno, 1972).

    Va però aggiunto che, come già Pasolini aveva dato l'avvio a due sottogeneri (dalla "Trilogia della Vita" il decamerotico nelle sue derivazioni: la boccaccesca, quella orientale e quella di Chaucer; da Salò l'Eros-Svastika) così anche la "corrente" degli animati (e popolari, nell'accezione positiva del termine) polizieschi d'azione ha nobili antecedenti.

    Veri e propri precursori, dei quali, oltre al qui presente lavoro diretto da Damiani, possiamo ricordare quello di Elio Petri (Indagine su un Cittadino al di Sopra di ogni Sospetto, 1970).



    Hai appena sentito Pezzotta, vero? ;-)
    p.s. se sì, sappi che ho già inserito il documentario sul Davinotti...
  • Undying • 29/10/08 00:20
    Comunicazione esterna - 7574 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:

    Hai appena sentito Pezzotta, vero? ;-)
    p.s. se sì, sappi che ho già inserito il documentario sul Davinotti...


    Per quel che riguarda il titolo specifico, cioè questo: sì.

    Hai fatto benissimo, era cosa che già mi frullava per la testa e mi hai anticipato...

    BIS IL CINEMA DI NOCTURNO

    P.s.:
    già aggiunto un commento...
    Ultima modifica: 29/10/08 08:40 da Undying
  • Fauno • 1/10/10 10:50
    Contratto a progetto - 2746 interventi
    Paradossalmente,tre ore prima che rivedessi questo film,era venuta da me una persona,la quale,al culmine di un amaro sfogo,aveva asserito che l'unico rimedio per cambiare in meglio,sarebbe quello di AMMAZZARE tutti i politici,indipendentemente dal colore!FAUNO.
  • Trivex • 5/08/15 11:26
    Archivista in seconda - 1317 interventi
    Ciao Tersilli, vedo che questo film ti è piaciuto parecchio!

    L'abbiamo proiettato in sala (in 35mm) qualche mese or sono, all'interno di una rassegna dedicata al cinema anni 70' "gialloEnero" a Lentate sul Seveso, insieme ad un altro film di Damiani (L'istruttoria è chiusa..) ed il capolavoro di Fulci "Non si sevizia un paperino".

    La rassegna non ha avuto un gran successo, per la verità..:(
  • Tersilli • 5/08/15 11:28
    Galoppino - 123 interventi
    Trivex ebbe a dire:
    Ciao Tersilli, vedo che questo film ti è piaciuto parecchio!

    L'abbiamo proiettato in sala (in 35mm) qualche mese or sono, all'interno di una rassegna dedicata al cinema anni 70' "gialloEnero" a Lentate sul Seveso, insieme ad un altro film di Damiani (L'istruttoria è chiusa..) ed il capolavoro di Fulci "Non si sevizia un paperino".

    La rassegna non ha avuto un gran successo, per la verità..:(


    Peccato che non ha avuto successo, io gli altri due film della rassegna li devo ancora vedere.
  • Reeves • 21/12/23 17:59
    Segretario - 711 interventi
    Nel film il personaggio interpretato da Calisto Calisti si chiama proprio Calisto