DISCUSSIONE GENERALE di Cobra Kai (3 stagioni) (2018)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/02/19 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Davvero notevole!:
    Herrkinski
  • Quello che si dice un buon film:
    Jandileida

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Redeyes • 6/04/21 13:16
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Stagione 1 (2018)

    **** Ricordate il maestro Miyagi e Daniel San, bene, sicuramente anche la mediocrità dell'iconico originale? Qua siamo su altri livelli, già dal titolo si dà il giusto risalto a Johnny Lawrence catapultandoci nel presente e nella loro "maturità". Il sogno americano fa da cornice alle arti marziali bistrattate ancora una volta nelle proiezioni ma centrali nel disegno. L'autoironia pervade tutte le dinamiche da quelle adolescenziali a le problematiche da adulti. Il Cobra Kai è tornato come la fenice dalle proprie ceneri! (Redeyes)
  • Zender • 6/04/21 14:10
    Consigliere - 44793 interventi
    Ok, come sempre aspettiamo tre commenti per aprire lo speciale.
  • Redeyes • 6/04/21 17:23
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ok, come sempre aspettiamo tre commenti per aprire lo speciale.
    Claro... intanto li inserisco via via!!! 

  • Redeyes • 9/04/21 09:05
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Redeyes ebbe a dire:
    Stagione 1 (2018)

    **** Ricordate il maestro Miyagi e Daniel San, bene, sicuramente anche la mediocrità dell'iconico originale? Qua siamo su altri livelli, già dal titolo si dà il giusto risalto a Johnny Lawrence catapultandoci nel presente e nella loro "maturità". Il sogno americano fa da cornice alle arti marziali bistrattate ancora una volta nelle proiezioni ma centrali nel disegno. L'autoironia pervade tutte le dinamiche da quelle adolescenziali a le problematiche da adulti. Il Cobra Kai è tornato come la fenice dalle proprie ceneri! (Redeyes)
    Stagione 2  (2019)

    **** Decisamente interessante l'evoluzione del personaggio di Lawrence, degno sensei del nuovo Cobra Kai, e sopratutto in grado di perpetuare nel netto cambiamento dalla sua adolescenza, parallelamente Daniel sacrifica quasi tutto nell cercare di replicare il Dojo di Miyagi. Su tutti cala, tuttavia, l'ombra di Kreese che accende, come se fosse necessario, la rivalità fra i ragazzi delle due scuole. Proprio l'ennesimo scontro porterà ad un drammatico finale di stagione che ci lascia con un disperato Lawrence sulla spiaggia. (Redeyes)
  • Redeyes • 3/05/21 08:17
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Redeyes ebbe a dire:
    Redeyes ebbe a dire:
    Stagione 1 (2018)

    **** Ricordate il maestro Miyagi e Daniel San, bene, sicuramente anche la mediocrità dell'iconico originale? Qua siamo su altri livelli, già dal titolo si dà il giusto risalto a Johnny Lawrence catapultandoci nel presente e nella loro "maturità". Il sogno americano fa da cornice alle arti marziali bistrattate ancora una volta nelle proiezioni ma centrali nel disegno. L'autoironia pervade tutte le dinamiche da quelle adolescenziali a le problematiche da adulti. Il Cobra Kai è tornato come la fenice dalle proprie ceneri! (Redeyes)
    Stagione 2  (2019)

    **** Decisamente interessante l'evoluzione del personaggio di Lawrence, degno sensei del nuovo Cobra Kai, e sopratutto in grado di perpetuare nel netto cambiamento dalla sua adolescenza, parallelamente Daniel sacrifica quasi tutto nell cercare di replicare il Dojo di Miyagi. Su tutti cala, tuttavia, l'ombra di Kreese che accende, come se fosse necessario, la rivalità fra i ragazzi delle due scuole. Proprio l'ennesimo scontro porterà ad un drammatico finale di stagione che ci lascia con un disperato Lawrence sulla spiaggia. (Redeyes)
    Stagione 3  (2020)
    ****I ragazzi dei due Dojo sono ormai senza alcun controllo e le scorribande per la città non terminano con l'episodio del Liceo, tutt'altro. Lawrence turbato finisce per mollare i suoi allievi che scivolano sotto le grinfie di Kreese, cui si dedicano molti flashback per meglio delinearne il personaggio. Daniel san dovrà tornare in Giappone per ritrovare se stesso, prima di trovarsi dalla stessa parte nell'atipico "triello" che finisce per nascere. Al solito l'autoironia la fa da padrona ma senza rendere il tutto una mera macchietta malinconica! (Redeyes)

  • Zender • 3/05/21 08:54
    Consigliere - 44793 interventi
    Red però - a parte la prima stagione che va bene -  le altre due sono praticamente le trame. Come al solito la cosa importante è il tuo parere, che dovrebbe comunque sempre comprendere metà dello spazio del commento. Va benissimo mettere la trama, però per la due e tre dovresti aggiungere tre o quattro righe col tuo parere.
  • Redeyes • 3/05/21 09:24
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Red però - a parte la prima stagione che va bene -  le altre due sono praticamente le trame. Come al solito la cosa importante è il tuo parere, che dovrebbe comunque sempre comprendere metà dello spazio del commento. Va benissimo mettere la trama, però per la due e tre dovresti aggiungere tre o quattro righe col tuo parere.
    Recepito...
    dopo modifico..

    Buona giornata!

  • Redeyes • 4/05/21 10:47
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Redeyes ebbe a dire:
    Redeyes ebbe a dire:
    Redeyes ebbe a dire:
    Stagione 1 (2018)

    **** Ricordate il maestro Miyagi e Daniel San, bene, sicuramente anche la mediocrità dell'iconico originale? Qua siamo su altri livelli, già dal titolo si dà il giusto risalto a Johnny Lawrence catapultandoci nel presente e nella loro "maturità". Il sogno americano fa da cornice alle arti marziali bistrattate ancora una volta nelle proiezioni ma centrali nel disegno. L'autoironia pervade tutte le dinamiche da quelle adolescenziali a le problematiche da adulti. Il Cobra Kai è tornato come la fenice dalle proprie ceneri! (Redeyes)
    Stagione 2  (2019)

    **** Decisamente interessante l'evoluzione del personaggio di Lawrence, degno sensei del nuovo Cobra Kai, e sopratutto in grado di perpetuare nel netto cambiamento dalla sua adolescenza, parallelamente Daniel sacrifica quasi tutto nell cercare di replicare il Dojo di Miyagi. Su tutti cala, tuttavia, l'ombra di Kreese che accende, come se fosse necessario, la rivalità fra i ragazzi delle due scuole. Proprio l'ennesimo scontro porterà ad un drammatico finale di stagione che ci lascia con un disperato Lawrence sulla spiaggia. Sicuramente è molto interessante il meltin' pot musicale fra 2000's e 80's, con i secondi che via via prendono il sopravvento sulle nuove hit. La stagione rende piuttosto bene il senso di apparente disorientamento dei protagonisti adulti loro malgrado calati un una società che finisce per recepire da loro per lo più i lati negativi. (Redeyes)
    Stagione 3  (2020)
    ****I ragazzi dei due Dojo sono ormai senza alcun controllo e le scorribande per la città non terminano con l'episodio del Liceo, tutt'altro. Lawrence turbato finisce per mollare i suoi allievi che scivolano sotto le grinfie di Kreese, cui si dedicano molti flashback per meglio delinearne il personaggio. Daniel san dovrà tornare in Giappone per ritrovare se stesso, prima di trovarsi dalla stessa parte nell'atipico "triello" che finisce per nascere. In questo capitolo si affrontano il tanto caro Vietnam, cui però non si danno nuovi tagli di lettura, e Okinawa. Quest'ultima fornisce un buono spunto di riflessione, mostrandocene l'aspetto meno interiore e più reale, pur apparentemente ponendo il focus sul primo. Si apprezza il politically uncorrect raziale sopratutto perchè figlio di una genuina ignoranza destinata a cadere. Al solito l'autoironia la fa da padrona ma senza rendere il tutto una mera macchietta malinconica! (Redeyes)



  • Redeyes • 4/05/21 10:48
    Formatore stagisti - 884 interventi
    Redeyes ebbe a dire:
    Redeyes ebbe a dire:
    Redeyes ebbe a dire:
    Redeyes ebbe a dire:
    Stagione 1 (2018)

    **** Ricordate il maestro Miyagi e Daniel San, bene, sicuramente anche la mediocrità dell'iconico originale? Qua siamo su altri livelli, già dal titolo si dà il giusto risalto a Johnny Lawrence catapultandoci nel presente e nella loro "maturità". Il sogno americano fa da cornice alle arti marziali bistrattate ancora una volta nelle proiezioni ma centrali nel disegno. L'autoironia pervade tutte le dinamiche da quelle adolescenziali a le problematiche da adulti. Il Cobra Kai è tornato come la fenice dalle proprie ceneri! (Redeyes)
    Stagione 2  (2019)

    **** Decisamente interessante l'evoluzione del personaggio di Lawrence, degno sensei del nuovo Cobra Kai, e sopratutto in grado di perpetuare nel netto cambiamento dalla sua adolescenza, parallelamente Daniel sacrifica quasi tutto nell cercare di replicare il Dojo di Miyagi. Su tutti cala, tuttavia, l'ombra di Kreese che accende, come se fosse necessario, la rivalità fra i ragazzi delle due scuole. Proprio l'ennesimo scontro porterà ad un drammatico finale di stagione che ci lascia con un disperato Lawrence sulla spiaggia. Sicuramente è molto interessante il meltin' pot musicale fra 2000's e 80's, con i secondi che via via prendono il sopravvento sulle nuove hit. La stagione rende piuttosto bene il senso di apparente disorientamento dei protagonisti adulti loro malgrado calati un una società che finisce per recepire da loro per lo più i lati negativi. (Redeyes)
    Stagione 3  (2020)
    ****I ragazzi dei due Dojo sono ormai senza alcun controllo e le scorribande per la città non terminano con l'episodio del Liceo, tutt'altro. Lawrence turbato finisce per mollare i suoi allievi che scivolano sotto le grinfie di Kreese, cui si dedicano molti flashback per meglio delinearne il personaggio. Daniel san dovrà tornare in Giappone per ritrovare se stesso, prima di trovarsi dalla stessa parte nell'atipico "triello" che finisce per nascere. In questo capitolo si affrontano il tanto caro Vietnam, cui però non si danno nuovi tagli di lettura, e Okinawa. Quest'ultima fornisce un buono spunto di riflessione, mostrandocene l'aspetto meno interiore e più reale, pur apparentemente ponendo il focus sul primo. Si apprezza il politically uncorrect raziale sopratutto perchè figlio di una genuina ignoranza destinata a cadere. Al solito l'autoironia la fa da padrona ma senza rendere il tutto una mera macchietta malinconica! (Redeyes)



    guarda un po' se pensi possa andare.


    ciao

  • Zender • 4/05/21 14:19
    Consigliere - 44793 interventi
    Sì, naturalmente così va bene, grazie.