The voices - Film (2014)

The voices
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/05/15 DAL BENEMERITO DANIELA
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 15/05/15 08:52 - 12731 commenti

I gusti di Daniela

Con qualche problema psichiatrico alle spalle, Jerry ora lavora in una fabbrica come magazziniere. Timido e gentile, vive in un'ex sala da boiling con un cane ed un gatto, con i quali parla. E loro gli rispondono... Tono iniziale bonario che lascia intravedere uno sviluppo in chiave sentimentale, ma ben presto si vira decisamente sul nero con un retrogusto tragico (il rapporto con la madre). Amalgama di toni non del tutto riuscito ma Reynolds risulta convincente come schizoide in bilico fra allucinazioni rassicuranti e realtà squallida ed alcune trovate restano impresse.
MEMORABILE: L'investimento del cervo; Il porzionamento di Gemma Artenton; I titoli di coda, con un ospite speciale davvero "speciale" che partecipa al balletto.

Pumpkh75 22/11/16 13:34 - 1768 commenti

I gusti di Pumpkh75

Rubizza riflessione sulla follia, impregnata di succulento humour nero ma terribilmente seriosa ove necessario, che soddisfa sia il cucciolo in noi (indovinati sia il cagnolone che il gatto) sia l’alter ego psicopatico, vedi le ciarliere teste in frigo della coppia Atterton/Kendrick (deliziose). La pazzia che altera non solo la mente ma tutto l’ambiente è una chicca, mirabolante è la fotografia vivida e pulsante, satura di viola e fucsia: a volte pare un macabro Senti chi parla sotto LSD. Non c’è una minima tregua: scoperto un cult personale.

Kinodrop 29/05/17 20:47 - 3018 commenti

I gusti di Kinodrop

Merito della Satrapi è di aver costruito una commedia nera ma con toni pastello, paradossale e riflessiva. Le voci della schizofrenia inducono il bonario e mite Jerry a essere cattivo e a diventare un serial killer "a fin di bene". Una storia e una regia sui generis che alternano con gusto e ironia il tragico e il surreale, alleggerendo con tocco fumettistico temi importanti: il condizionamento genetico, la malattia mentale e il bisogno di felicità e di accettazione. Stupisce la duttilità di Reynolds, che rende amabile persino il raccapricciante.
MEMORABILE: Bosco e Mr. Whiskers: le due anime di Jerry; Le teste nel frigo; Il finale, il balletto iper colorato e la canzone nei titoli di coda.

Didda23 10/07/19 10:16 - 2432 commenti

I gusti di Didda23

Un'opera indicibilmente disastrosa, orribile da qualsiasi punto la si provi a osservare. Micidiale negli imbarazzanti spunti comici, incapace nel creare empatia nello spettatore quando si vira in un registro più drammatico e zoppicante sia nel ritmo sia nella gestione complessiva delle inquadrature (stupisce - in negativo - per la presenza in regia della Satapri). Ciliegina sulla torta la prova di Reynolds, mai così inebetito e fuori parte. Un'opera che lascia spesso a bocca aperta per l'incredulità di talune scelte narrative. Inguardabile.
MEMORABILE: In negativo l'espressione di Reynolds; Gli inutili dialoghi con gli animali.

Cotola 25/07/19 09:39 - 9134 commenti

I gusti di Cotola

Parla al cane ed al gatto (ma anche ad "altro") però non si chiama Francesco e non viene da Assisi: tutt'altro. Stavolta la Satrapi dirige una commedia nera con qualche innesto grandguignolesco. Ma se la prima parte funziona abbastanza bene sia per divertimento che per ritmo, ad un certo punto il film si arena e diventa ripetitivo. E per uscirne nell'ultima parte, tra l'altro frettolosa, sceglie la più usuale strada del dramma con finale scontato. Ottima la prova di Reynolds. Accettabile il risultato finale.

Pinhead80 13/08/19 18:49 - 4868 commenti

I gusti di Pinhead80

Un uomo con un passato burrascoso sente le voci (alcune angeliche, altre luciferine) dei propri animali domestici. Questo lo porterà inevitabilmente a mettersi in un mare di guai. Il film sin dalle premesse prometteva molto bene e in effetti alcune trovate sono molto divertenti. Alla lunga però la black comedy comincia a ripetersi sino ad arrivare a una parte finale che si prende difficilmente sul serio. Le voci degli animali invece le ho trovate sono fantastiche.

Anthonyvm 12/09/19 21:54 - 5831 commenti

I gusti di Anthonyvm

Il classico topos dell'horror psicologico che vede lo psycho killer di turno sulla via della redenzione grazie all'amore (ma di rado in questi casi omnia vincit amor) è trattato secondo i dettami della commedia brillante. Il risultato è più interessante sulla carta che di fatto, ma non disprezzabile. Reynolds e i suoi animali parlanti sono spassosi, qualche gag è indovinata, ma alla fine si ha l'impressione di non aver riso abbastanza. Manca un guizzo di audacia e genialità che avrebbe colmato diversi momenti sottotono, soprattutto visivamente.
MEMORABILE: Il cervo morente chiede a Reynolds di finirlo sgozzandolo; La collezione di teste mozzate parlanti nel frigo; Il fiacchetto numero musicale alla fine.

Taxius 9/12/19 13:08 - 1656 commenti

I gusti di Taxius

Ragazzone bello e simpatico minato da gravi disturbi mentali sente le voci e in particolar modo quelle dei suoi due animali domestici, un cane tontolone ma buono che non fa altro che dispensare buoni consigli e un gatto apatico e luciferino. Divertente commedia nera aeppa di omicidi e teste mozzate che ha il grande pregio di fare molto ridere senza mai cadere nell'eccessivo. Reynolds fuori di testa funziona a meraviglia, ma il migliore è sicuramente il gatto. Una gran bella sorpresa.

Il ferrini 19/03/20 01:11 - 2401 commenti

I gusti di Il ferrini

Notevole black comedy in cui Ryan Reynolds dà il meglio di sé, ma è degna di menzione anche la Kendrick, soprattutto nel memorabile finale. Gli animali e le teste mozzate parlanti riescono a essere divertenti e al contempo inquietanti, in un delicato ma efficace equilibrio fra grottesco e drammatico. Un'opera magari non perfetta ma sicuramente coraggiosa, sia per contenuti che per messa in scena (spiazzante la visione alterata della casa di Jerry), che s'addentra in temi tutt'altro che leggeri con ironia e intelligenza.

Pigro 30/03/21 10:06 - 9755 commenti

I gusti di Pigro

Il serial killer visto da lui medesimo: scordate rappresentazioni lugubri e trucide e lasciatevi immergere in un mondo rosa e accogliente dove l’unico problema è il dono divino del sentire voci (di un cane, un gatto o un angelo). Non una black comedy, ma una vera commedia che improvvisamente vira verso altri generi, dal thriller all’horror al musical (il finalino è spiazzante), esattamente come la mente di uno psicopatico assassino che distorce la realtà. Accattivante, disturbante, assurdo: appunto, per entrare nella testa di un pazzo criminale.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina PersepolisSpazio vuotoLocandina Pollo alle prugneSpazio vuotoLocandina RadioactiveSpazio vuotoLocandina Beetlejuice - Spiritello porcello
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Ruber • 13/01/19 22:28
    Formatore stagisti - 9270 interventi
    @Zender: una commedia??? su wikipedia si parla di commedia nera, e viene classificato come drammatico, thriller, imdb lo mette anche nel genere horror e crime. Non essendoci da noi la black commedy, direi di cambiare quantomeno in dramamtico. Qui c'è uno psicopatico che fa fuori le persone ;)
  • Discussione Daniela • 14/01/19 00:05
    Gran Burattinaio - 5931 interventi
    E' un mix di generi e come sempre succede in questi casi la scelta di uno o l'altro può essere opinabile. A me è sembrato prevalente il carattere da commedia (nera) ma può andare bene anche horror, del resto anche IMDB indica come generi "comedy, crime, horror".
    Crime mi sembrerebbe un poco forzato e non concordo sul drammatico perché la storia in se stessa è certamente drammatica ma i toni adottati per raccontarla non lo sono, anzi in tutta la prima parte dominano quelli teneri e surreali.
    Ultima modifica: 14/01/19 00:08 da Daniela
  • Discussione Ruber • 14/01/19 03:00
    Formatore stagisti - 9270 interventi
    Crime non va bene, ne tantomeno horror, forse thriller è la giusta via di mezzo.
  • Discussione Zender • 14/01/19 07:45
    Capo scrivano - 47993 interventi
    Imdb dà come genere (anche) comedy, quindi appunto sta poi alla sensibilità delle persone scegliere il genere che si vuole assegnare. Non fissatevi sui generi...
  • Discussione Ruber • 14/01/19 22:03
    Formatore stagisti - 9270 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Imdb dà come genere (anche) comedy, quindi appunto sta poi alla sensibilità delle persone scegliere il genere che si vuole assegnare. Non fissatevi sui generi...

    Zender non e una questione di fissarsi, ci sono migliaia di titoli che stanno a metà strada fra due generi, ma in qeusto caso, non può essere una commedia e una black commedy, la sceneggiatura e una commedia con uno humor nero, con diversi momenti da thriller. O nei generi si aggiunge la black commedy oppure bisognerebbe amio giudizio classificare il film con il genere che è piu preponderante.
  • Homevideo Taxius • 17/06/19 17:30
    Addetto riparazione hardware - 181 interventi
    In arrivo il bluray ita.
  • Discussione Didda23 • 7/07/19 23:13
    Compilatore d’emergenza - 5795 interventi
    Sono sempre restio a monopallinare ( l'ultima monopolla risale a tre anni fa), ma qui davvero non riesco ad essere clemente. Una porcheria di dimensioni epiche che fallisce in ogni aspetto (commedia, horror, drammatico). Empaticamente nullo, zero divertimento (nemmeno involontario), registicamente piatto. E sulla prova si Reynolds non mi esprimo perché mi sembrerebbe si sparare sulla croce rossa.
    Ai miei colleghi davinottiani è piaciuto e molto. Evidentemente è un mio problema.