The story of the dolls

Media utenti
Titolo originale: The Story of the Dolls
Anno: 1983
Genere: sentimentale (colore)
Note: Aka "The Dolls", "Taifun der Zärtlichkeit".
Numero commenti presenti: 1

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/10/20 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 25/10/20 19:06 - 2297 commenti

I gusti di Buiomega71

Frank in modalità esoticoerotica massaccesiana, curiosamente con pruriginosità ben sotto la media per questo genere di film (almeno nella versione visionata), con qualche accenno lesbo (il fiore appogiato sulla vulva), splendidi nudi integrali femminili e una ricercatezza visiva piuttosto elegante e quasi mai volgare (si prestano molto le incantevoli location orientaleggianti filippine), tanto da farlo sembrare una softissima cartolina sentimentale alla Sesso nero ma senza estremismi exploitativi di sorta (escludendo un pagliaccesco rito tribale da operetta). Notevole la OST.
MEMORABILE: A fare il bagnetto nella schiuma in riverberi criptolesbo; L'indigena che barcolla sulle scarpette col tacco; Lo spettacolo erotico con le maschere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 25/10/20 19:29
    Pianificazione e progetti - 22102 interventi
    Curiosamente il film , visto il suo regista, la dimensione eroticoesotica massaccesiana e la parata di belle figliuole quasi sempre ignude, pare ben meno sporcaccione e erotico della media di questo genere di film.

    Alcuni momenti lesbo (almeno due, quella con il fiore nel servizio fotografico e le due modelle sul divano a fare le birichine) paiono smorzati sul più bello.

    Che la versione da me visionata (su un noto canale per adulti) sia quella cut?

    Molto probabile, visto che la durata segnalata da IMDB (96') non corrisponde con quella da me visionata (86'), anche facendo la differenza NTSC/PAL mancherebbero all'appello 6 minuti.

    Il commento si basa su quello che ho potuto vedere (decretando anche una scelta drastica nell'annosa questione del genere a cui dovrebbe appertenere per schedarlo, che da "erotico" passa a "sentimentale").

    Insomma, in questa sottospecie di cripto remake di Sesso nero senza elementi exploitativi, le pruriginosità sessuali non sono state (con mia somma sorpresa) pervenute.

    Da noi rimasto (in)colpevolmente inedito (così che itagliataglia non possa venirmi incontro), non che se ne sentisse l'impellente bisogno.
    Ultima modifica: 25/10/20 19:32 da Buiomega71