La villa Santo Sospir

Media utenti
Titolo originale: La villa Santo Sospir
Anno: 1952
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Numero commenti presenti: 2

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/11/12 DAL BENEMERITO REBIS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 11/11/12 13:25 - 2092 commenti

I gusti di Rebis

Quando fare cinema diventò una questione di professionalità e finanziamenti, Cocteau si dedicò a questo documentario amatoriale che illustra gli affreschi realizzati per l'amica Francine Weisweiller nella villa Santo Sospir, a Mentone, durante una vacanza estiva. Attraverso i soggetti ispirati alla mitologia greca (Apollo, Atteone, le Baccanti, Narciso), il regista ci introduce ai misteri della creazione liberando piccoli incantesimi con tecniche elementari (i fiori disfatti e ricostruiti). Opera intima da collocarsi nell'opera dell'artista quale ultima manifestazione della sua estrosa poesia.

Pigro 22/11/20 10:23 - 8097 commenti

I gusti di Pigro

Cocteau mostra e commenta il suo intervento pittorico, ispirato ai miti greci, su porte e muri della Villa Santo Sospir, inframmezzando le sue opere con qualche divagazione, più o meno seria. Pellicola dichiaratamente amatoriale, e perciò un po’ tirata via nonostante siano presenti momenti che rimandano a un occhio e a una sensibilità più profonda. Interessante l’idea dell’abitazione “tatuata”, ma il top è sicuramente la riflessione metacinematografica dei primissimi minuti su quanto una ripresa alteri la realtà. Per amanti dell’arte.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Pigro • 12/11/12 15:18
    Consigliere avanzato - 1506 interventi
    Il genere è corto-mediometraggio.
  • Discussione Rebis • 12/11/12 15:31
    Gestione sicurezza - 4292 interventi
    Nelle intenzioni di Cocteau si trattava di un documentario... ma certamente per la durata è un corto/medio. Credo allora sia stato commesso lo stesso errore per Apocalisse nel deserto di Herzog (che dura 50 minuti scarsi) e Le stagioni di Peleshian (che ne dura 30).
  • Discussione Zender • 12/11/12 17:02
    Consigliere - 43940 interventi
    Esatto, corretti tutti. La durata ha sempre la precedenza sul genere.