La villa Santo Sospir

Media utenti
Titolo originale: La villa Santo Sospir
Anno: 1952
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Numero commenti presenti: 1

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/11/12 DAL BENEMERITO REBIS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 11/11/12 13:25 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Quando fare cinema diventò una questione di professionalità e finanziamenti, Cocteau si dedicò a questo documentario amatoriale che illustra gli affreschi realizzati per l'amica Francine Weisweiller nella villa Santo Sospir, a Mentone, durante una vacanza estiva. Attraverso i soggetti ispirati alla mitologia greca (Apollo, Atteone, le Baccanti, Narciso), il regista ci introduce ai misteri della creazione liberando piccoli incantesimi con tecniche elementari (i fiori disfatti e ricostruiti). Opera intima da collocarsi nell'opera dell'artista quale ultima manifestazione della sua estrosa poesia.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Pigro • 12/11/12 15:18
    Consigliere avanzato - 1488 interventi
    Il genere è corto-mediometraggio.
  • Discussione Rebis • 12/11/12 15:31
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Nelle intenzioni di Cocteau si trattava di un documentario... ma certamente per la durata è un corto/medio. Credo allora sia stato commesso lo stesso errore per Apocalisse nel deserto di Herzog (che dura 50 minuti scarsi) e Le stagioni di Peleshian (che ne dura 30).
  • Discussione Zender • 12/11/12 17:02
    Consigliere - 43594 interventi
    Esatto, corretti tutti. La durata ha sempre la precedenza sul genere.