LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/04/09 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 5/04/09 09:20 - 7698 commenti

I gusti di Pigro

Bambino siciliano diventa minatore nelle solfatare, ma sogna di andare in Australia. Il tema è importante, ed è apprezzabile la cura con cui è stato ricostruito l'ambiente sociale di povertà, sfruttamento e violenza in cui i più derelitti subiscono i meccanismi dei padroni. Rilevante anche la fotografia. Ma l'insistenza sul corpo (glutei a profusione) e sulle allusioni sessuali sposta l'asse della bilancia dal verismo di denuncia (alla Verga) a un livello estetizzante e voyeuristico di cui non si sente la necessità.

Lucius 18/03/10 01:08 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Il degrado, la povertà e la sopraffazione in questo difficile film di Grimaldi che per certi versi commuove, per altri stupisce con le sue morbose inquadrature. Bella l'ambientazione e la fotografia, particolare la sceneggiatura; non condivido la scelta di attori troppo giovani per un soggetto come questo e soprattutto l'uso che la macchina da presa fa sui loro corpi. Della serie ogni sogno nel cassetto ha il suo prezzo.

Lythops 5/03/13 14:11 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Un film ben diretto e orchestrato con sensibilità, forse il migliore di Grimaldi, con fedele riostruzione di ambienti, violenza e soprattutto mentalità di un'epoca e di una terra in genere. Mi sono piaciute molto la fotografia, la gestione del tempo e il messaggio di libertà che l'opera contiene. Unico neo la musica, elaborata, trattata e non composta originale. Per il resto del film resta un pregevole ricordo, e lo si può anche rivedere senza noia.

Kinodrop 24/04/14 15:39 - 1419 commenti

I gusti di Kinodrop

Uno sguardo impietoso sulle condizioni ignorate o rimosse degli sfruttati nel lavoro e nella dignità. Nelle cave di zolfo della Sicilia anni '30 gli operai trascorrono la loro vita lavorativa al limite dello schiavismo e della forzosa promiscuità sessuale. Aclà, ceduto dal padre al capo miniera che lo potrà sfruttare a suo piacimento a "soccorso morto", si ribella alle angherie sognando l'Australia e una vita migliore. Film crudo ma ricercato, con finale cinematografico alla Truffaut. Musica fastidiosa ed estranea al realismo dell'argomento.
MEMORABILE: La crudeltà e l'indifferenza dell'ambiente e dei familiari. La connivenza scandalosa del parroco; La fuga di Aclà verso il mare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Samuel1979 • 19/06/14 00:37
    Call center Davinotti - 2954 interventi
    L'attore Palermitano che interpreta Aclà (Cusimano), due anni prima aveva fatto un piccolo ruolo nelle primissime scene del film Ragazzi Fuori. Sto parlando di quel ragazzino in bici allo Zen, che dice in dialetto "Vicè Vicè scinni cam'agghiri a da banna muuaaviti (Vincenzo scendi che dobbiamo andare in quel posto muoviti). http://www.youtube.com/watch?v=uV0tbobOp5c
    Ultima modifica: 19/06/14 00:38 da Samuel1979