L'altra metà della storia - Film (2017)

L'altra metà della storia
Media utenti
Titolo originale: The sense of an ending
Anno: 2017
Genere: drammatico (colore)
Note: Soggetto dal romanzo "Il senso di una fine" dello scrittore inglese Julian Barnes, pubblicato nel 2011.
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/11/17 DAL BENEMERITO LOU
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 23/03/18 08:50 - 12651 commenti

I gusti di Daniela

Un'inaspettata eredità costringe un anziano, divorziato ed in procinto di diventare nonno, a tornare con la mente ad eventi della sua giovinezza che aveva quasi rimosso... La memoria come mezzo di auto-conservazione: plasma i ricordi, selezionandone alcuni e cancellandone altri, per preservare l'immagine che ognuno ha di se stesso ed evitare rimorsi e sofferenze. E'il soggetto di questo bel film che trova in Broadbent un interprete ideale, mentre Batra si conferma regista sensibile, ben in grado di restituire i soprassalti di cuore e coscienza.

Lou 2/11/17 18:06 - 1121 commenti

I gusti di Lou

Una storia intrigante, con risvolti drammatici, che riguardi i passaggi chiave della vita e che viene svelata piano piano lasciandola emergere da un passato rimosso. La resa dei conti con la propria memoria è il tema al centro del film di Batra, tratto dal libro di grande successo “Il senso di una fine” di Julian Barnes. Il regista indiano affronta il tema con pacata e inesorabile lentezza, ma anche con tipico approccio british grazie all'impeccabile interpretazione di Broadbent.

Beffardo57 6/11/17 20:43 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Cinema inglese: location gradevoli, prati impeccabili, dimore sobriamente eleganti. E poi, il passato tra public school, professori in toga e piccole trasgressioni giovanili. Da vecchi ci si riincontra sorseggiando vini, conversando con toni ironici e accettando con distaccata rassegnazione il trascorrere del tempo. Ogni tanto riemerge qualcosa di dimenticato o inaspettato che muta la ricostruzione dei fatti, destinati comunque a dissolversi, come anche le persone. Accurato esercizio di stile, minimalista, forse non strettamente necessario.

Myvincent 7/12/17 19:01 - 3739 commenti

I gusti di Myvincent

"Il senso di una fine" si trasforma nell'altra metà di una storia dove un maturo pensionato è costretto prepotentemente a rivedere il suo passato a causa di una lettera dietro cui si nasconde altro. Il senso di una vita comune coi suoi bilanci e la sua morale si proietta nello sguardo stanco (ma attento) di Charlotte Rampling, la cui apparizione non lascia mai indifferenti. Riflessioni, spunti, esasperazioni narrative, lentezza e un po' di noia si amalgamano insieme senza riuscire veramente a colpire nel segno.

Galbo 17/05/18 05:55 - 12388 commenti

I gusti di Galbo

Una vicenda che si snoda in un doppio arco temporale per un film che consente una riflessione sul valore del passato e sul tema del perdono. Un tipico film britannico, per atmosfere e personaggi interpretato con grande bravura da Jim Broadbent il cui personaggio ha praticato una “rimozione” del passato che torna prepotentemente a galla. La progressiva presa di coscienza è un pezzo di bravura dell’attore e rende il film sottilmente amaro e malinconico anche se con un finale aperto al futuro. Un buon film.

Kinodrop 4/06/20 19:57 - 2941 commenti

I gusti di Kinodrop

Il senso della memoria, che da una parte conserva e dall'altra dissolve proiettando un'immagine provvisoria del sé, permea questo lavoro di Batra, che conserva nel suo procedere e nell'articolazione psicologica l'origine letteraria del film. Difficile rendere visivamente l'oscillare tra presente e ricordi giovanili che qui, a volte, è ben funzionale, altre invece meccanico ed eccessivo. Molto inglesi la confezione e la "flemma" narrativa che asseconda la lenta rielaborazione dell'anziano protagonista interpretato con grande espressività da Jim Broadbent.

Silvestro 10/10/21 09:39 - 360 commenti

I gusti di Silvestro

Un film intimista ben diretto, ben scritto e ben recitato (soprattutto dal protagonista che, con il suo stile tipicamente british, è davvero convinto e convincente nei panni dell'uomo sulla via del tramonto della sua vita che fa i conti e i bilanci di ciò che è stato). Interessante anche l'alternanza tra presente e passato che spesso si intersecano tra loro.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina The lunchboxSpazio vuotoLocandina Le nostre anime di notteSpazio vuotoLocandina Venere biondaSpazio vuotoLocandina Hotel New Hampshire
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.