Il maschio e la femmina

Media utenti
Titolo originale: Masculin feminin
Anno: 1966
Genere: commedia (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 6/05/07 15:11 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

I "rapporti uomo-donna" secondo Godard, che racconta attraverso 15 "fatti precisi" (sketches numerati e introdotti o interrotti da cartelli con accompagnamento di spari tipo western) la relazione fra un sondaggista e una cantante ye-ye. Bizzarro, a-sistematico, punteggiato da scenette da antologia dell'humour nero, citazioni o apparizioni inattese (camei non accreditati di BB, Françoise Hardy...), divertente. Uno degli slogan del film ("i figli di Marx e della Coca-Cola") fece fortuna.

Cotola 26/07/08 19:04 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Pur essendo, come molte opere di Godard, un film piuttosto ancorato ai suoi anni e figlio dell'epoca in cui fu girato ed uscì, si rivela a tratti anticipatore dei tempi, vedi le belle, calzanti (a mio parere) ed interessantissime le considerazioni metacinematografiche e soprattutto molto capace di ritrarre in maniera veritiera la società dei tempi, specialmente quella dei giovani che si rivela essere contraddittoria (su tutto si pensi alla definizione "figli di Marx e della Coca-Cola") e non troppo lontana e differente da quella odierna.
MEMORABILE: I protagonisti al cinema: "È l'edizione orginale"; "meglio, il doppiaggio rovina tutto".

Deepred89 3/01/11 13:56 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Interessantissimo, godardiano fino al midollo. Una serie di "sketch" fittamente dialogati, dove il montaggio di tali dialoghi ignora la regola del campo-controcampo situandosi nel territorio dell'intervista (fuori campo chi domanda, in primo piano chi risponde). Fortunatamente tali dialoghi (che trattano temi come la politica, il sesso, il Vietnam e l'arte, cinema in particolare) sono intriganti e ben calibrati. La trama è subordinata a questo sistema a sketch e anche la regia agisce in modo ad esso funzionale. Espressivi gli attori.

Giùan 15/01/13 23:12 - 2991 commenti

I gusti di Giùan

E’ già un Godard di frontiera, in cui la coerente struttura filmico-narrativa è progressivamente corrosa dalle urgenze del reale o almeno del contingente. In tal senso si tratta di un vivido documento d’epoca in piani sequenza, senza ancora quella che sarà la presunzione del cinema-veritè, ma perciò capace di restituir lampi d'un tempo in cui la mentalità consumistica si fa pervasiva, l’ideale (politico) si fa scalzar dal personale (successo) e dove i confini del pubblico (maschio) e privato (femmina) comincian a denunciare la loro labile interscambiabilità.
MEMORABILE: Le esplosioni di violenza apparentemente immotivate: l’omicidio nel bar; Il tipo che si dà fuoco; I neri nel metrò; La scena in sala di registrazione.

Homesick 13/12/15 16:27 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Ancora una volta, Godard espone un saggio del suo cinema sperimentale e rivoluzionario: spezzoni di vita quotidiana e dei costumi giovanili dell'epoca - discoteche, contraccettivi, contestazione marxista, mito USA e consumismo in crescita - scanditi a colpi di pistola e raccontati attraverso piani sequenza, non-sense, didascalie sino al brusco finale tragico. Léaud è romantico, innamorato e bizzoso come il trauffautiano Antoine Doinel e la Goya e la Jobért si esprimono con una grazia tutta francese. Un documento insieme cinematografico e societario.
MEMORABILE: La dichiarazione d'amore incisa su disco; le proteste al cinema per aver proiettato il film nel formato sbagliato; Madama Dorè.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 1/03/10 00:11
    Consigliere avanzato - 3629 interventi
    Interessante film di Godard che può essere visto
    su grande schermo.

    Cinema Massimo Torino:

    Mercoledì 24 marzo ore 18,15
    Venerdì 26 marzo ore 20,30
  • Homevideo Xtron • 1/12/12 12:08
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Il dvd RHV:

    Audio italiano - francese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 1.33:1 4/3
    Durata 1h40m00s
    Extra Trailer, filmato "l'inesauribile modernità di Godard" (sottotitolato)

    Un'immagine dal dvd (si trova al min. 88:47)

    Ultima modifica: 1/12/12 13:50 da Zender