Il baco da seta - Film (1973)

Il baco da seta

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 9/05/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 16/06/08 14:28 - 1564 commenti

I gusti di Dusso

Giallo dal titolo argentiano ma più vicino agli orgasmo-paranoia di Lenzi, non convince fino in fondo ma alla fine non mi è dispiaciuto. L'intrigo nel suo insieme è abbastanza interessante, peccato averlo visionato in una versione con alcuni dialoghi in spagnolo e con audio molto basso.

B. Legnani 8/07/08 21:49 - 5508 commenti

I gusti di B. Legnani

Miserrimo. Del 1973, ma girato prima, come palesa la gioventù di Hilton. Si parla di “cloralio”, come nei vecchi libri della Christie! Ci sono personaggi che entrano ed escono così, senza motivo, ed altri che dovrebbero entrare ma non arrivano mai: ciò non è originale, bensì sciatto. La Tiller e la Marandi si sforzano, forse ci credono, ma tutt’intorno è mal recitato, mal girato, indifendibile. In un titolo di giornale si legge “QUAL’È” con l'apostrofo in mezzo. Unica cosa notevole è l'incredibile apparizione di Vivi Gioi, diva del Ventennio!

Undying 1/10/08 01:09 - 3807 commenti

I gusti di Undying

Un'attrice sul viale del tramonto simula un furto per intascare il rimborso dell'assicurazione. Per la "messa in scena" si fa aiutare da un complice che, puntualmente, elimina appena raggiunto lo scopo. Mediocre giallo che ha ben poche freccie al suo arco, e queste sono garantite, sostanzialmente, dalle inusitate locations dell'entroterra toscano. Hilton è bravino ma la regia, invece, statica, piatta e al servizio di una sceneggiatura priva di colpi di scena e/o sviluppi narrativi intriganti...

Fauno 28/08/09 10:26 - 2202 commenti

I gusti di Fauno

Indubbiamente non è un granché, ma se c'è un elemento che ho sempre apprezzato nei cosiddetti B-movies è la suprema immediatezza degli argomenti e lo svolgersi del film senza tanto starci a pensare sopra. La sorpresa finale è molto buona, anzi notevole. Certo che non è assolutamente un thriller, bensì un ibrido fra commedia e giallo. Nel complesso gli attori si lasciano apprezzare e anche la colonna sonora non è malaccio. Bellissima attrice la Marandi.
MEMORABILE: Ovviamente il racconto in flash back con le immagini rosa tenue.

Homesick 30/08/10 09:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Tardo emulo dei gialli complottisti lenziani di fine anni Sessanta, è penalizzato da una messa in scena di avvilente piattezza e povertà, priva di ogni accenno di suspense e con minima concessione all’erotismo – tolto un bel nudo della Marandi mentre si alza dal letto – che dovrebbero costituire la ragion d’essere di questo genere di pellicole. All’impietoso setaccio resistono il fascino vintage (la mise colorata degli attori, i quadri optical alle pareti, le musiche di Ortolani) e la calda, rigenerante luminosità della location toscana.

Ciavazzaro 31/12/10 21:00 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Nella sua semplicità si fa vedere. Nadja Tiller riesce a reggere da sola il film (discreto Hilton), curioso Garrone detective. Non tutto funziona e il titolo è sicuramente minore, eppure un minimo di interesse lo suscita e non è poco. Se non vi aspettate molto e se amate il genere può essere una visione piacevole.
MEMORABILE: Il flashback finale con i colori virati; Nadja nel finale davanti allo specchio.

Cotola 7/10/14 20:53 - 8971 commenti

I gusti di Cotola

Thriller italiano di scarso peso specifico e di poca tensione nonostante un colpo di scena finale non certo imprevedibile ma nemmeno da buttare via. La storia scorre via senza scossoni fino all'epilogo che rappresenta, forse, il meglio della pellicola. Per il resto nulla da segnalare. Regia anonima; attori così così. Brutto e "consigliato" cautamente solo agli amanti del genere ed ai completisti.

Myvincent 16/09/16 07:44 - 3703 commenti

I gusti di Myvincent

Una cantante oramai lontana dalle scene è indebitata fino al collo ma sembra non rinunciare ai suoi lussi e vizi, divisa fra gioielli, amanti e champagne. Giallo simil-lenziano che però manca del ritmo necessario per una sufficiente fruizione, rimanendo fermo nelle scene e finendo con il trasformarsi in una specie di fotoromanzo filmato. Sullo stesso livello i dialoghi fra i vari interpreti.
MEMORABILE: La splendida collana di smeraldi di... Smeralda.

Rufus68 24/09/18 23:04 - 3805 commenti

I gusti di Rufus68

Gialletto senz'arte né parte, misero, privo di tensione (basti guardare alla fuga in moto del protagonista: roba da sganasciarsi dagli sbadigli) e, alla lunga distanza, assolutamente spossante. Cercare appigli per salvare qualche parte d'esso equivale a scalare una parete di sesto grado liscia per una saponata. I più sono avvertiti. Si salvicchia Garrone.

Nicola81 28/07/22 23:34 - 2813 commenti

I gusti di Nicola81

Probabilmente girato prima del 1973, è un giallo di matrice lenziana ambientato in Toscana e che ruota attorno al clamoroso furto di gioielli ai danni di una ex cantante in bolletta. Regia e sceneggiatura non particolarmente brillanti, ma il finale non è così scontato, e il variegato cast è di un certo livello: brava la Tiller protagonista, Garrone commissario funziona, bella la Marandi, Madison, Feliciani e la diva del Ventennio Vivi Gioi danno lustro. Nel genere si è visto di molto meglio, ma gli appassionati possono comunque concedergli una chance.

Mario Sequi HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Gli uomini dal passo pesanteSpazio vuotoLocandina Fratello homo, sorella bonaSpazio vuotoLocandina La verginellaSpazio vuotoLocandina Le tigri di Mompracem
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Undying • 16/06/09 20:33
    Risorse umane - 7576 interventi
    George Hilton, attorno al film

    "Questo film dovevo farlo con Robert Taylor, che adoravo come attore, ma è morto nel frattempo, e allora hanno preso Guy Madison, e c'era anche un'attrice tedesca, Nadja Tiller.
    Lo girammo a Tirrenia e mi ricordo che in quel periodo erano venuti i miei genitori dall'Uruguay e mentre io finivo il film, li ho lasciati per un pò a Firenze."

    Fonte: Cine '70 e dintorni n. 6 - pag. 22
  • Discussione B. Legnani • 16/06/09 21:39
    Pianificazione e progetti - 14923 interventi
    Undying ebbe a dire:
    George Hilton, attorno al film

    "...c'era anche un'attrice tedesca, Nadja Tiller..."


    È austriaca!!! Nostalgìa dell'Anschluss?
    Ultima modifica: 17/06/09 05:39 da B. Legnani
  • Discussione Undying • 16/06/09 21:52
    Risorse umane - 7576 interventi
    B. Legnani ebbe a dire nella SEZIONE CURIOSITA':
    Undying ebbe a dire:
    George Hilton, attorno al film

    "...c'era anche un'attrice tedesca, Nadja Tiller..."


    È austriaca!!! Nostalgìa dell'Anschluss?


    Bisognerebbe chiedere al buon Hilton, trattandosi fondamentalmente di un suo lapsus...
  • Discussione B. Legnani • 16/06/09 21:57
    Pianificazione e progetti - 14923 interventi
    Undying ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire nella SEZIONE CURIOSITA':
    Undying ebbe a dire:
    George Hilton, attorno al film

    "...c'era anche un'attrice tedesca, Nadja Tiller..."


    È austriaca!!! Nostalgìa dell'Anschluss?


    Bisognerebbe chiedere al buon Hilton, trattandosi fondamentalmente di un suo lapsus...


    Certamente. Errore hiltoniano, non certo undyingese o cinesettantino.
  • Discussione Caesars • 24/03/10 16:03
    Scrivano - 16789 interventi
    Nella sua rece B.Legnani osserva che: "In un titolo di giornale si legge “QUAL’È” con l'apostrofo in mezzo". Sapendo che egli è profondo conoscitore della lingua italiana, ben più del sotoscritto, mi stupisco (della mia ignoranza più che altro, anch'io l'avrei scritto così) ma decido di approfondire l'argomento. Accludo un link dove si parla della questione. L'ho trovato molto interessante.
    http://www.mauriziopistone.it/testi/discussioni/gramm01_qual.html
  • Discussione B. Legnani • 24/03/10 17:16
    Pianificazione e progetti - 14923 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Nella sua rece B.Legnani osserva che: "In un titolo di giornale si legge “QUAL’È” con l'apostrofo in mezzo". Sapendo che egli è profondo conoscitore della lingua italiana, ben più del sotoscritto, mi stupisco (della mia ignoranza più che altro, anch'io l'avrei scritto così) ma decido di approfondire l'argomento. Accludo un link dove si parla della questione. L'ho trovato molto interessante.
    http://www.mauriziopistone.it/testi/discussioni/gramm01_qual.html


    Interessante. Spiegazioni molto complete e divertenti si trovano nel sito della Crusca. Venendo al punto, è certo ch l'[ab]uso della lezione "qual'è" stia progressivamente portandola alla tolleranza. Ciò non toglie, però, che essa sia forma resa accettata dall'[ab]uso, non corretta di per sè.
    Ti faccio notare che si scrive po' e non pò. Ma sui quotidiani si accetta pò: fanno eccezione il Corriere, la Repubblica e pochi altri. Un motivo ci sarà.
  • Discussione Caesars • 24/03/10 17:24
    Scrivano - 16789 interventi
    Dici bene: "una forma accettata dall'(ab)uso non è corretta di per sè". D'ora in poi mi guarderò bene dallo scrivere "qual'è", del fatto che si possa scrivere "pò" non ne voglio neanche sentir parlare. Di questo passo la nostra povera lingua dove andrà a finire?
  • Discussione B. Legnani • 24/03/10 17:29
    Pianificazione e progetti - 14923 interventi
    Caesars ebbe a dire:

    1) del fatto che si possa scrivere "pò" non ne voglio neanche sentir parlare.
    2) Di questo passo la nostra povera lingua dove andrà a finire?



    1) Eppure è cosa inarrestabile. Il T9 la dà come forma regolare,
    2) La lingua ha degli utenti, non dei servi(Montanelli). Talvolta può dispiacere... ma è giusto così (qualcuno, cosa orribile, scriverebbe cosi').
  • Curiosità Ciavazzaro • 31/12/10 20:50
    Scrivano - 5591 interventi
    Nadja Tiller è doppiata da Valeria Valeri
  • Discussione Icaroblu • 4/01/15 22:37
    Disoccupato - 104 interventi
    Scheda Doppiaggio

    Nadja Tiller. Valeria Valeri
    George Hilton. Romano Malaspina.
    Evi Marandi. Melina Martello
    Guy Madison. Roberto Villa
    Sign Farvini. Wanda Tettoni
    Affittacamere. Benita Martini

    Doppiaggio Internazionale
    Con la partecipazione della CVD.