Bully

Media utenti
Titolo originale: Bully
Anno: 2001
Genere: drammatico (colore)
Note: Il film si basa il libro "Bully: A True Story of High School Revenge" di Jim Schutze, ricostruzione di un fatto di cronaca avvenuto nel 1993.
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/06/09 DAL BENEMERITO LUCIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 20/06/09 16:24 - 2862 commenti

I gusti di Lucius

Probabilmente il miglior film del regista Larry Clark. Un inquietante spaccato sugli adolescenti americani figli di papà. Uso della camera snervante che rende ancora più suggestiva la visione del film. Molte scene scabrose ma non volgari come in Ken Park. Tratto da una storia vera. Ottimo prodotto.

Pinhead80 30/10/11 18:56 - 4042 commenti

I gusti di Pinhead80

Gran bel film questo di Larry Clark; racconta il delirio di un gruppo di adolescenti figli di papà (ma non tutti) dediti alla droga e alla violenza, pur mantenendo il senso di colpa. Un film volutamente ruvido che arriva in maniera diretta allo spettatore senza fare sconti e senza mostrare più del necessario. Il miglior film del regista a oggi.

Luchi78 21/02/11 12:03 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Basato su una storia vera che Larry Clark non esita a mostrarci in tutti i suoi dettagli: i protagonisti sono volutamente impacciati e confusi nel commettere un qualcosa di più grande di loro, ma ciò che viene messo più in risalto è il contesto in cui questi ragazzi si muovono. Famiglie agiate, belle automobili, droga e violenze: il ritratto finale è qualcosa che lascia piuttosto disturbati. Film riuscito.

Fauno 28/01/17 18:41 - 1970 commenti

I gusti di Fauno

Da un lato può far rabbia che negli Usa per un delitto così atroce ci sia la certezza della pena mentre qui spesso ce la sogniamo, ma va pure detto che il film analizza aspetti primari del bullismo, visto che spesso chi lo pratica si sente inferiore e il fenomeno si sviluppa ancor meglio se colui che dovrebbe garantire protezione ed educazione è solo interessato al denaro e al benessere. E questi pupazzi, che sia uno o che siano mille, sembran tanto dotati finché giocano in casa ma altrettanto molli da scappare senza meta alla prima seria difficoltà.
MEMORABILE: La richiesta di Bobby a suo padre di far assumere Marty: è la chiave di volta che fa capire a fondo il bullismo; Tutte le angherie di Bobby.

Bubobubo 4/05/19 19:51 - 1343 commenti

I gusti di Bubobubo

Pruriti scandalistici applicati a una (triste) storia vera di violenta vendetta adolescenziale contro il bullo di turno. È sempre il solito Clark, approssimativo nell'indagine sociale e indulgente nel voyeurismo (qui anche nella violenza grafica, che esplode nella scena chiave del film). Qui, tuttavia, c'è una narrazione forte alle spalle. E se il solito ritratto dei giovani neet americani persi tra sesso e droghe lascia il tempo che trova, il peso psicologico della colpa che li fa prima deragliare e poi tradire ha un suo perché. Buono.

Daniela 16/12/20 09:42 - 9977 commenti

I gusti di Daniela

Fin dall'infanzia, Marty ha subito passivamente le umiliazioni e le botte dell'amico Bobby. Le cose però potrebbero cambiare quando si mette con  Lisa...  Sgradevole quanto Ken Park, anche se appena meno esplicito: nessuna possibile empatia per questi ragazzi di famiglie benestanti che passano il tempo tra sesso, alcool, droghe, scherzi crudeli, né per i loro genitori distratti o disinteressati. Un quadro crudo e desolante che però qui trae spirazione da un fatto di cronaca, agghiacciante nei suoi risvolti, e questo smorza almeno in parte la  sensazione di compiaciuto voyeurismo.

Paulaster 23/01/21 10:54 - 2996 commenti

I gusti di Paulaster

Giovani, carini e aspiranti killer vogliono liberarsi di un bullo. Ambientazione assolata in Florida, dove si occupa il tempo gozzovigliando senza pensare al futuro. L'inizio è discreto tra le vessazioni e i soprusi e crolla man mano tra i progetti senza logica del crimine che si vuole compiere. Il culmine dell'assurdo son tutte le domande ai genitori che riguardano l'aver assistito a un omicidio. Oltre alla musica gangsta e i genitori distratti non c'è scavo psicologico. Il migliore è lo sballato Pitt.
MEMORABILE: Lo stupro alla ragazza; I pugni durante la guida; La gravidanza che scompare dalla sceneggiatura.

Leo Fitzpatrick HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 16/12/20 09:49
    Gran Burattinaio - 5411 interventi
    Il film si basa il libro Bully: A True Story of High School Revenge di Jim Schutze, ricostruzione di un fatto di cronaca avvenuto nel 1993.
    Dopo la visione del film, chi volesse conoscere nei dettagli quanto avvenuto - peraltro ricostruito con una certa precisione nel film - può leggere qui (lingua inglese) oppure più diffusamente qui (lingua inglese).