I nostri ragazzi

Media utenti
Anno: 2014
Genere: drammatico (colore)
Note: Il soggetto del film è liberamente ispirato al romanzo "La cena" dello scrittore/attore olandese Herman Koch, pubblicato nel 2009.
Numero commenti presenti: 18
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/09/14 DAL BENEMERITO BELGAZZARA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Belgazzara 30/09/14 16:12 - 20 commenti

I gusti di Belgazzara

Er Puma di Romanzo criminale ci racconta con intelligenza e mestiere la borghesia italiana di oggi e l'abisso comunicativo che la separa dalla sua progenie, viziata, "fighetta" e inconsapevolmente senza pietà. Gli interpreti, straordinariamente in parte (su tutti Lo Cascio) danno vita a personaggi trasversali, interessanti, che ci accompagnano in un'osservazione fluttuante senza vincitori né vinti. Non si aggiunge nulla alla storia del cinema, ma si trascorre un'ora e mezza incollati allo schermo e ai profondi interrogativi della coscienza.

Bruce 16/10/14 12:11 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Dramma familiare che pone tanti interrogativi allo spettatore circa il ruolo dei genitori, il rapporto con i figli e la loro educazione, la violenza della società attuale, la giustizia, la morale, la realizzazione personale etc. Il film, per contenuti, è accostabile al Capitale umano, ma su un piano narrativo ben distinto. Buone le prove degli interpreti, con Gassman e Lo Cascio perfettamente in parte. Efficace, anche se resta la sensazione di qualcosa di ben costruito a tavolino.

Galbo 19/01/15 05:47 - 11587 commenti

I gusti di Galbo

Dopo la crisi sociale dettata da difficoltà economiche, Ivano De Matteo racconta quella dei valori che riguarda la borghesia agiata. La reazione delle due coppie all'evento che mina le sicurezze familiari provoca inevitabili domande nello spettatore e corrode il (falso ?) senso di sicurezza legato solitamente all'agiatezza borghese. Un film ben sceneggiato e diretto, interpretato da un buon gruppo di attori tra i quali spicca un ormai maturo e convincente Alessandro Gassman.

Homesick 23/02/15 08:09 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

L'insopportabile, semplicistica logica manichea con cui vengono distribuite le colpe degli uni e degli altri sembra elaborata a bella posta per incitare al buonismo, mentre il tema delle responsabilità di genitori e figli è trattato in modo superficiale e inconcludente; De Matteo sbriga i suoi doveri cinematografici con una buona descrizione d'ambiente e quattro attori che, a parte alcune stecche di Lo Cascio, recitano nella giusta misura. La giovane Laurenti Sellers smette i panni dell'adolescente rockettara per quelli della pariolina viziata e apatica: le cadono a pennello entrambi.
MEMORABILE: La scoperta del video dell'aggressione.

Capannelle 29/03/15 12:00 - 3855 commenti

I gusti di Capannelle

Convincente e inaspettato, tende un po' al didascalico ma non è affatto banale come contenuti e propone una narrazione solida, dal buon ritmo, che ha il merito di rimanere concentrata su rapporti interpersonali e dilemmi genitoriali senza dare spazio a banalità melodrammatiche o parenti invadenti. Decisivi gli attori, tra cui un Gassman forte con sobrietà. Così così le prove dei due ragazzi: funzionali, ma quando bisogna dare forza drammatica affiorano i limiti. un buon film, anche se il finale poteva essere più articolato.

Ilcassiere 5/05/15 09:31 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Un gran bel film, ben girato e molto ben interpretato sia da Lo Cascio che da Gassman, entrati nella parte in modo impeccabile. Ivano De Matteo, "er puma" della serie Romanzo criminale, ci trascina nella crisi di valori che colpisce la nostra società, anche quella agiata e borghese (anzi, forse soprattutto quella, mostrandoci come in alcuni casi la distanza tra genitori e figli non sia più colmabile). Tocca le coscienze e instilla dubbi. Bello.

Piero68 9/09/15 08:45 - 2812 commenti

I gusti di Piero68

Soggetto attualissimo e interessante sul disagio giovanile contestualizzato questa volta nell'alta borghesia. Ma "er puma De Matteo", forse al cospetto di un cast così altisonante, perde letteralmente la bussola e dà una prova registica imbarazzante. E così caratterizzazioni al limite dell'irritante e della realtà, dialoghi puerili misti a lunghi silenzi alternativi cosituiranno purtroppo l'ossatura di tutta la pellicola. Per non parlare di uno scambio di ruoli in cui alla fine non si sa più chi è chi. Finale inenarrabile.
MEMORABILE: La Bobulova apatica incapace di fare una espressione che sia una, di donna afflitta o comunque preoccupata dal contesto; Gli scleri di Lo Cascio.

Tersilli 9/09/15 23:23 - 61 commenti

I gusti di Tersilli

Strepitoso film di Ivano De Matteo. Il regista tratteggia accuratamente la società di oggi dal lato morale, psicologico e violento. I discorsi e i comportamenti dei ragazzi sono, purtroppo, orrendamente reali, di episodi di violenza così se ne sente parlare quasi quotidianamente sui giornali. Interpreti grandissimi: Lo Cascio e Gassmann si confermano, secondo il sottoscritto, tra i migliori attori italiani contemporanei. Inizio folgorante, finale inaspettato. Erano anni che non si faceva un film così. Capolavoro assoluto.

Nando 13/09/15 18:14 - 3542 commenti

I gusti di Nando

Uno spaccato borghese di due famiglie guidate da due fratelli totalmente diversi. Due modi di pensare ben distinti e probabilmente idee politiche contrapposte. La narrazione si apre e si chiude in maniera shock e nel mezzo c'è spazio per dipanare la matassa narrativa. Maturo Gassman, sempre solido Lo Cascio. Bobulova meglio rispetto alla Mezzogiorno. Sicuramente un film discreto che spiazza anche per i repentini cambi di opinione.

Lou 30/09/15 22:15 - 1031 commenti

I gusti di Lou

Uno sguardo interessante, e angosciante, sulle dinamiche familiari dei nostri tempi, con particolare riguardo al rapporto con i figli adolescenti. La violenza incontrollata e gratuita serpeggia pericolosamente lungo tutta la narrazione, fin dalla scena di follia metropolitana in apertura. Molto contrapposte le posizioni dei due fratelli interpretati da Gassman e Lo Cascio, genitori dei ragazzi coinvolti nell'episodio di violenza nei confronti di una povera clochard, al punto da sfociare in un finale shock.

Alessandro Gassmann HA RECITATO ANCHE IN...

Kinodrop 3/03/16 18:00 - 1825 commenti

I gusti di Kinodrop

Si apprezza lo sforzo di affrontare nel nostro cinema l'ambiguità e l'inconsistenza etica di una certa borghesia, ma il risultato è altrettanto sfuggente e se ne ricava poco. L'andamento terribilmente televisivo vanifica quel poco di autentico che il soggetto prometteva, specie se si ripensa, per esempio, a Il caso Kerenes o a Tempesta di ghiaccio. Recitazione di buon mestiere soltanto per Gassman e Lo Cascio nei loro contrasti e le loro contraddizioni. Rassicurante la fotografia, musica invadente che sottrae invece di sottolineare. Finale eccessivo.
MEMORABILE: L'interior design nelle abitazioni; Il cameo di Chi l'ha visto?; L'insulsaggine dei due figli.

Deepred89 17/04/16 08:53 - 3378 commenti

I gusti di Deepred89

Lo spunto iniziale del soggetto (iniziale per modo di dire, dato che lo snodo avviene dopo mezz'ora) è di quelli folgoranti e sebbene gli sviluppi lascino spesso a desiderare il coinvolgimento regge bene. Idee pure interessanti e una regia piuttosto studiata vanno di pari passo con banalità e momenti di stanchezza, con una mediocre fotografia che stende sul tutto una sconsolante patina televisiva e un doppio finale a sorpresa che si fa prima discutibile e poi goffamente esagerato. Un'ottima idea mal sfruttata, ma non privo di bei momenti.
MEMORABILE: Il dialogo tra Gassman e figlio nello studio; Il dialogo dei due mostri nella cameretta ascoltato da Gassman; La reazione della Mezzogiorno.

Gugly 3/04/16 19:14 - 1029 commenti

I gusti di Gugly

Cosa succederebbe se qualcuno a noi molto caro (e vicino) commettesse un crimine? De Matteo (alias Er Puma di Romanzo criminale, tra i personaggi più sfaccettati) ci suggerisce che la risposta non è così scontata e che forse il motto "homo homini lupus" è purtroppo ancora in voga; tra gli adulti il più pregevole è Gassman, forse memore di alcuni "falliti di successo" interpretati dal padre, la coppia Lo Cascio-Mezzogiorno è fastidiosa nel suo manicheismo di facciata; i ragazzi giustamente odiosi. Finale spiazzante.
MEMORABILE: Il video dell'aggressione, chiaro riferimento a molteplici fatti di cronaca stradiscussi in programmi come "Chi l'ha visto".

Jep21 18/04/16 18:33 - 31 commenti

I gusti di Jep21

Uno dei pochi film italiani che non finiscono nella maniera scontata e fasulla in cui alla fine tutto va a posto, la famiglia è salva e il bene trionfa. La storia si tiene alla larga dalle solite banalità dei film di questo genere ma descrive in modo chiaro e spietato l'ambiente in cui si consumano malesseri e cattive abitudini che sfoceranno in una tragica bravata. Molto efficace la descrizione di come il tutto viene elaborato dalle due famiglie protagoniste. Cast decisamente all'altezza (Lo Cascio e Gassmann soprattutto).

Mco 30/04/17 12:02 - 2177 commenti

I gusti di Mco

Un vero e proprio pugno nello stomaco. Il gioco di certezze ribaltate è davvero scelta vincente di questo dramma sociale firmato da De Matteo. Parteggiare per una fazione vien quasi spontaneo, salvo ricredersi amaramente. Il massacro, prima fisico e poi psicologico (ma lo si può leggere anche in senso opposto), conduce allo sbando due famiglie, incapaci di accettare il disagio dei propri figli. Attori eccellenti, Lo Cascio e Gassman in testa ma con una Mezzogiorno, mamma accondiscendente, quasi diabolica. Film splendido quanto raggelante.
MEMORABILE: Le crisi di rabbia del giovanissimo Antinori; Il nudo gratuito della Bobulova; L'epilogo.

Giùan 14/08/19 14:59 - 3262 commenti

I gusti di Giùan

Come ne Gli equilibristi, l'ottimo ritratto d'ambiente e la sferzante analisi sociologica si impantanano in un paio di fondamentali snodi narrativi. Così se qui l'edulcorato finale del film precedente lascia coraggiosamente spazio a una chiusura portata alle estreme conseguenze, è indubbio che il viraggio in nero borghesissimo del medico di Lo Cascio avvenga in maniera troppo scritta e meccanica. Bene la tesa, contrita atmosfera "zvyagitseviana" resa da Di Matteo e smisuratamente bravo Gassman nella progressiva umanizzazione del suo personaggio.
MEMORABILE: Gassman che ascolta casualmente il terribile dialogo tra i due ragazzi; La beceraggine della Mezzogiorno che esplode nei confronti della Bobulova.

Anthonyvm 12/02/21 15:38 - 2610 commenti

I gusti di Anthonyvm

Due fratelli a confronto: il pragmatico difensore della "brutta gente" e il moralista votato a salvare vite innocenti, entrambi chiusi nelle proprie certezze, nuclei familiari silenziosamente dilaniati da divisioni e incomprensioni intestine percepite come normalità. E quando una tragedia comune li coinvolge, il crollo sarà inarrestabile. Dramma crudo ed efficace, con un buon poker di protagonisti a tratteggiare i modi agendi (e soprattutto cogitandi) di chi si ritrova di fronte a una verità difficile da accettare. Sin troppo sintetico a volte, ma ben scritto e diretto. Finale shock.
MEMORABILE: In casa ognuno mangia per conto proprio; "Chi l'ha visto?"; La figlia cerca di manipolare Gassman; Il flashback del pestaggio; La lite al ristorante.

Victorvega 19/04/21 00:58 - 393 commenti

I gusti di Victorvega

Una storia cruda, con l'unico torto di tardare a mettersi nei giusti binari. L'unica accusa che gli si può muovere è di aver divagato da quello che è lo snodo principale per troppo tempo con lo scopo di delineare i caratteri, la situazioni, il contorno. Una volta partito, nulla da dire, si rivela un bel film, dal quale è giusto sottolineare la bella prova del cast, con i due protagonisti maschili a spiccare maggiormente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Galbo • 18/01/15 07:54
    Consigliere massimo - 3835 interventi
    Un buon film italiano, ben diretto e interpretato; purtroppo poco visto al cinema nonostante sia stato presentato al festival di Venezia; merita un recupero...
  • Discussione Capannelle • 29/03/15 00:05
    Scrivano - 2618 interventi
    Galbo ebbe a dire:
    Un buon film italiano, ben diretto e interpretato; purtroppo poco visto al cinema nonostante sia stato presentato al festival di Venezia; merita un recupero...

    Confermo e condivido anche il giudizio su Gassman.

    Gli attori grandi se la cavano bene, se penso ai due giovincelli vengono le note dolenti.. non è una novità purtroppo.. pochi registi riescono a gestirli bene e il materiale umano non è come quello di altri paesi, Usa, Francia o Gran Bretagna.
    In particolate il ragazzo, tale Jacopo Olmo Antinori, impegnato a fare il complessato pieno di rancore ha toppato un paio di scene chiave.
    Bertolucci lo aveva definito il McDowell italiano, vabbè.
    Ultima modifica: 29/03/15 11:09 da Capannelle
  • Discussione Galbo • 29/03/15 11:05
    Consigliere massimo - 3835 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Galbo ebbe a dire:
    Un buon film italiano, ben diretto e interpretato; purtroppo poco visto al cinema nonostante sia stato presentato al festival di Venezia; merita un recupero...

    Confermo e condivido anche il giudizio su Gassman.


    come attore a me pare sempre più convincente....
  • Discussione Gugly • 8/10/15 09:59
    Segretario - 4667 interventi
    Purtroppo mi manca la parte centrale ma posso dire che gli occhi di Lo Cascio mi colpiscono come al solito, mentre il finale l'ho previsto in un nanosecondo :p
  • Discussione Tersilli • 8/10/15 20:40
    Galoppino - 124 interventi
    Io l'ho trovato veramente un film eccellente, che tratta un tema molto importante ed attuale come la violenza tra i giovani, e poi il finale è veramente agghiacciante!

    Credo che De Matteo sia uno dei più acuti registi italiani contemporanei.
    Ultima modifica: 8/10/15 20:41 da Tersilli
  • Discussione Kaciaro • 10/02/17 10:50
    Galoppino - 492 interventi
    io direi che invece è il meno incisivo dei suoi film, manca un po' di sentimento vero, che c'e nella bella gente e negli equilibristi,forse e'proprio la scelta degli attori che stavolta non funziona...
    Ultima modifica: 10/02/17 15:24 da Zender
  • Curiosità Daniela • 21/06/17 15:30
    Gran Burattinaio - 5473 interventi
    Il soggetto del film è liberamente ispirato al romanzo "La cena" dello scrittore/attore olandese Herman Koch, pubblicato nel 2009.

    Il romanzo di Koch ha avuto, oltre a quella italiana, altre trasposizioni cinematografiche, fra cui:
    Het Diner di Menno Meyjes (2013)
    The Dinner di Oren Moverman (2017)