LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/01/21 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 17/01/21 14:29 - 5770 commenti

I gusti di Herrkinski

Se fosse stato girato come un horror classico ci saremmo trovati di fronte all'ennesimo captive/survival d'ambientazione "esotica" (siamo in una finta Finlandia) con una famiglia di cannibali già vista tante volte; Grierson parte invece da una base di commedia nera e da uno spunto inedito (la rapina e le sue conseguenze), dando un background inusuale al protagonista e al motivo del suo viaggio, nonchè vari elementi inusuali in racconti del genere. Non manca comunque una bella dose di splatter e violenza distribuita tra un momento ironico e l'altro e un ritmo molto brillante; diverte.

Lupus73 28/03/21 14:41 - 919 commenti

I gusti di Lupus73

Un ex militare sventa una rapina in banca ma va in galera; appena uscito fugge in Finlandia per dimenticare ma trova la famigliola freak con "pargolo" cannibale. Un horror scevro da tragicità, con forti valenze ironico-grottesche, ricco di humor nero ai confini con la commedia e non senza qualche scheggia demenziale. Brillante l'idea dei dialoghi e contraddittori del protagonista con il suo alter ego/coscienza. La sceneggiatura segue l'iter della fiaba nera con tanto di orco deforme mangia uomini (alla Wrong turn) e principessa da salvare. Regia spassosa (anche nel montaggio).
MEMORABILE: Il colpo di scena del tavolo; L'idilliaco ritrovamento del piede.

Daniela 2/04/21 10:46 - 10326 commenti

I gusti di Daniela

Dopo aver scontato 8 anni di galera per eccesso di legittima difesa, un ex militare in fuga dalla sgradita notorietà va in Finlandia, finendo preda di una famiglia di cannibali. Per fortuna, lo accompagna il suo alter ego prodigo di consigli più o meno sensati... Commedia nera che trova i suoi punti di forza nel riuscito mix tra umorismo e splatter della sceneggiatura citazionista ma non derivativa, nella messa in scena accurata con qualche trovata d'effetto e soprattutto in un protagonista schizzato e tostissimo. Chi ama l'humor nero troverà pane (anzi, ciccia) per i suoi denti. 
MEMORABILE: Appeso come un prosciutto; La fasciatura erotica; La sorpresa sotto il tavolo; La gioia per il ritrovamento del piede mancante. 

Kinodrop 4/04/21 19:55 - 1864 commenti

I gusti di Kinodrop

Eroe (o assassino) suo malgrado, un ex militare sceglie la Finlandia per rifarsi una vita, ma verrà catturato da una famiglia di cannibali con fini facilmente immaginabili. Horror divertente e originale che non resta prigioniero dei soliti cliché, pur conservandone la struttura e che fa del raccapriccio il grimaldello per un'ironia paradossale (la trovata dello sdoppiamento del malcapitato) e per personaggi da fiaba nera. Da rimarcare l'efficacia degli effetti speciali in zona splatter e il notevole ruolo del commento sonoro versatile e giocoso adeguato al mood. O'Toole, una forza.
MEMORABILE: La buona samaritana e il bendaggio; Il piede in frigo; La sparapunti; Pati; "Altri fratelli giganti di cui dovrei venire a conoscenza, Alia?".

Capannelle 16/04/21 00:11 - 3874 commenti

I gusti di Capannelle

Si parte da una rapina in terra a stelle e strisce che costringe lo sventurato protagonista a un'ingiusta detenzione. Grierson gioca con i personaggi e mantiene una divertita ambiguità di fondo, ma non è che il ritmo eccella o che le battute vadano a segno. E' in terra finnica, dopo le amorevoli cure della bionda, che Ben O'Toole trova il suo campo d'azione, soprattutto dopo aver lasciato dietro il suo doppione (sua coscienza che alla lunga era diventato stucchevole). Macelleria assortita e un paio di scontri epici, per finire in bellezza.

Schramm 16/05/21 18:16 - 2558 commenti

I gusti di Schramm

Ben strana bestiola, questa sguinzagliata da Grierson: lascia tra il presobenismo e il vaffanlì, per la sua smania di essere originalona al pi greco. Ci riesce: avrebbe potuto anche senza impellicciarsi di tronfio quotume per megafonarci di essere il più inarrivabile dei viveur: ciò rimproverato, è di fatto un horror cui viene spontaneo sovvertire ogni struttura, essere meteorologicamente imponderabile, registicamente genialoide, foriero di 10' finali da portare in trionfo nelle accademie di cinema. Quanto basta per condonargli circostanzialità ormai ricettate in ogni combinatoria.
MEMORABILE: A tavola!; Protesi-killer un passo oltre Ash; Esilarante parafrasi buttgereitiana in frigo.

Anthonyvm 2/06/21 12:04 - 2725 commenti

I gusti di Anthonyvm

Di americani in paesi esteri che cadono vittime di pazzi omicidi, cannibali all’occorrenza, ne abbiamo visti sin troppi, ma il Grierson di Sanctum, ponendo come protagonista un vigilante ex-carcerato che pare l'incrocio fra l'Edward Norton di Fight club e Bruce Campbell, aborrendo il realismo (il fratellino con problemi di antropofagia già nella culla) e pompando humour nero a ritmi industriali (la mazza da golf al posto della gamba in mancanza di protesi migliori) riesce, se non proprio a rinverdire, per lo meno a rallegrare un subgenre raramente svincolabile dai suoi cliché. Buono.
MEMORABILE: La rapina e il flashback che ne specifica le dinamiche; Il calcio in faccia al bambino; La resa dei conti finale; La gamba nel frigo; Pati si rivela.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 30/04/21 11:05
    Controllo di gestione - 6839 interventi
    chi l'ha particolarmente apprezzato può leccarsi le sopracciglia: non è che il primo di una pianificata trilogia. 
  • Discussione Schramm • 16/05/21 16:44
    Controllo di gestione - 6839 interventi
    grierson ha un problemino: deve dimostrare all'universo mondo di essere il più inarrivabile strafigo del cosmo. per farlo ci dà dentro con un indigesto umorismo hipster, traducibile in vagonate di citazionismo perlopiù strettamente verbale (ancorché inessenziale ai fini dell'organicità narrativa e della caratterizzazione del protagonista), scodellato un chilo al minuto per ostentare coolness; un battutario quasi mai felicissimo, che sostanzialmente a niente serve se non a far dire al cultore che la sa lunga "cacchio ma hai sentito come ha citato misery!?!?" "wei, l'hai riconosciuta quest'altra? era un fine riferimento a die hard!".
    d'accordo, con quell'aria da john trent misto ash, o'toole (e suo annesso doppleganger consigliori) sarebbe forse stato meno credibile in un contesto più austero, ma questo cacciargli in bocca 50 citazioni-ammiccamenti-injokes ogni 3 minuti, francamente evitabile, invalida nettamente la qualità di un prodotto che comunque dimostra alto tasso di originalità (quanto meno strutturale) e di imprevedibilità anche senza bisogno di tale spacconeria (che funziona meglio quando traslata sul piano visivo: si veda la citazione dell'estasi nekromantika quando viene aperto il frigo: lì sì che ci si frattura la mascella ridendo), e i cui 10' finali andrebbero isolati quale ideale materia di studio per chiunque intenda cimentarsi alla regia di un horror. *** secco, confidando che per le future due mandate venga corretto un po' il tiro.