Cerca per genere
Attori/registi più presenti

JAY & SILENT BOB REBOOT

All'interno del forum, per questo film:
Jay & Silent Bob reboot
Titolo originale:Jay and Silent Bob Reboot
Dati:Anno: 2019Genere: commedia (colore)
Regia:Kevin Smith
Cast:Jason Mewes, Kevin Smith, Harley Quinn Smith, Aparna Brielle, Alice Wen, Shannon Elizabeth, Jason Lee, Justin Long, Joey Lauren Adams, Rosario Dawson, Treshelle Edmond, Ben Affleck, Jason Biggs, Jeff Chase, Mickey Gooch Jr., Chris Hemsworth, Val Kilmer, Logan Mewes, Molly Shannon, Matt Damon
Note:Sequel/reboot di "Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood" (2001).
Visite:75
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/2/20 DAL DAVINOTTI
Lo spin-off di CLERKS, che uscì prima del sequel del film “ufficiale”, ha oggi un suo seguito. O meglio, un remake; più precisamente ancora un reboot, come dice il titolo. E sulla questione stessa c'è già un bel caos, dal momento che l'intero progetto nasce come goliardico gioco metacinematografico spinto, in cui realtà e finzione s'intrecciano senza sosta generando il caratteristico pandemonio alla base del primo JAY E SILENT BOB... FERMATE HOLLYWOOD. A diciotto anni di distanza Jay (Mewes) è visibilmente invecchiato e con la sua aria da ragazzino scemo a 45 anni fa ormai ridere, Silent Bob (Smith) è al contrario identico ad allora o quasi. Ovviamente non apre bocca, fa le faccine e continua a dimostrare una notevole attitudine alla mimica. La coppia insomma resta felicemente complementare, la scrittura e la regia di Kevin Smith sono quelle totalmente nichiliste di quando decide di uscire rumorosamente dagli schemi per travolgerci con nonsense, battute demenziali, situazioni al limite dell'inverosimile e via dicendo. Ma siamo in un reboot, come si diceva, e lo stratagemma per riprendere in pieno l'idea del film del 2001 è folle quanto il resto: Hollywood ha deciso di dare un sequel al film su Bluntman e Chronic ispirato a Jay e Silent Bob e per questo ha acquisito i diritti per usare i nomi dei due inseparabili amici impedendo che possano farlo persino loro stessi! Illogico? Rispetto a quanto vedremo dopo neanche troppo, ma è sufficiente a mettere i due nuovamente in marcia verso la Mecca del cinema con l'obiettivo di fermare l'avvio del film. Si entra insomma presto in un cortocircuito di riferimenti e controriferimenti a Jay, a Silent Bob e a Smith stesso al punto da perderci la testa. Poi però si cerca anche di far procedere il tutto in modo più tradizionale portando Jay a incontrare la sua ex moglie, la quale ha partorito una figlia (Harley Quinn Smith, in realtà la vera figlia di Kevin, ovvero di Silent Bob!) che nulla sa del padre ma che pretende di partire con lui e il suo silenzioso amico per Los Angeles portandosi dietro tre strampalate compagne di viaggio, una delle quali muta e immaginata come la controparte femminile di Silent Bob! Una buona parte del film si consuma on the road, alternando come da tradizione gag truci e talvolta veramente volgari ad altre certo non raffinatissime ma divertenti. Affollatissima la lista di camei prestigiosi inseriti piuttosto casualmente nella storia (Ben Affleck, Matt Damon, Jason Biggs, Jason Lee fenomenale commesso al negozio di homevideo) e tanti i minisketch che, messi in sequenza, rendono il tutto faticosamente digeribile esattamente come lo era l'originale. Dopo un po', in definitiva, si ha la sensazione di assistere a un'allegra goliardata tra amici senza fine, stracolma di citazioni e ammiccamenti cinefili (a volte dichiarati, altre no) solo di rado destinati a cogliere nel segno. Che i due protagonisti, fumati e sballati come da copione, sappiano ancora alchemicamente amalgamarsi animando le loro tipiche gag stralunate è un fatto, che lo Smith regista abbia da tempo imboccato una strada tanto personale quanto “fulminata” pure. Bisogna solo stabilire quale possa essere il suo pubblico e se davvero esista ancora...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Rambo90 12/2/20 17:09 - 6079 commenti

Il ritorno di Smith alla sua comicità non riesce pienamente. I tempi sono cambiati e a far ridere in questa nuova avventura sono soprattutto le elucubrazioni sul significato di remake e reboot, perché le gag volgari sono ormai superate e non più così divertenti. Smith in coppia con Mewes funziona ancora, nonostante gli evidenti segni dell'età e qualche cameo riesce (in particolare Jason Lee e l'ultimo di Stan Lee), ma l'insieme non coinvolge e alla lunga stanca.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)