Cerca per genere
Attori/registi più presenti

RIMASE UNO SOLO E FU LA MORTE PER TUTTI

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/9/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Il Gobbo 14/9/07 10:17 - 3011 commenti

Lo sceriffo Dakota vittima di una macchinazione si becca 15 anni di carcere. Il fratello lo fa evadere e lui va a cercare chi lo ha incastrato... Forse il peggior western di Mulargia, di allucinante povertà che la bella copia dvd evidenzia impietosamente. Kendall/Stella appare catatonico per tutto il film (forse sta ancora pensando al cagnolino de L'odio è il mio dio), che del resto contiene scene di terribile lentezza, al punto da sembrare a tratti un'involontaria parodia leoniana. Solo per spaghettofili hardcore (presente!)

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Alla seconda fuga di Dakota il cattivo manifesta al suo tirapiedi un certo disappunto: "Sei un coglione!".
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 5/1/11 14:12 - 5737 commenti

Le finestre che si aprono su volti e nomi degli attori durante i titoli di testa sono l’unica nota curiosa di un western per il resto tutto impostato sulla convenzionalità più smaccata, a cominciare dagli stinti personaggi e dalle musiche finto morriconiane (arpeggi, fischi, campane) dei fratelli Di Stefano. L’azione è distribuita con il contagocce e solo con voluti rallentamenti, interminabili cavalcate e futili silenzi da “Sergio Leone dei poveri” si sfiora l’accettabile metraggio di 80 minuti; d’altronde si sa che da un regista come Mulargia non c’è molto di buono da aspettarsi.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Tojo72 14/8/16 16:02 - 53 commenti

Una pellicola decisamente sotto la sufficienza amplificata dall'inespressività del protagonista. Come western cerca di stare a cavallo tra il classico americano con l'onore da salvare e lo spaghetti con l'immancabile pestaggio del "buono" e morti ammazzati che si sprecano. Certo non aiutano l'Arizona laziale/abruzzese e le musiche finto morriconiane. Perché poi il cattivo messicano Alvarez (bianco e con baffi e capelli biondo rossicci) alterna inspiegabilmente lo spagnolo con la lingua ufficiale?
I gusti di Tojo72 (Erotico - Poliziesco - Western)