IN TV/SATELLITE di Paganini (1989)

IN TV/SATELLITE

  • Per segnalare il passaggio in tv seguite le istruzioni scritte qui sopra nel modulo di segnalazione. Se volete semplicemente rispondere cliccate su RISPONDI.
  • Zender • 31/07/13 19:04
    Consigliere - 44554 interventi
    Venerdì 2 AGOSTO ore 04:30 su IRIS
    Dice Herrkinski: Inutile approcciarsi al Paganini di Kinski come ad un film normale; l'attore/regista crea un'opera che sfugge alle regole cinematografiche per diventare un flusso spirituale ininterrotto, grazie ad una completa immedesimazione con il violinista.
  • B. Legnani • 10/07/15 14:35
    Consigliere - 14227 interventi
    Mercoledì 15 LUGLIO ore 01:40 su IRIS
    Inutile approcciarsi al Paganini di Kinski come ad un film normale; l'attore/regista crea un'opera che sfugge alle regole cinematografiche per diventare un flusso spirituale ininterrotto, grazie ad una completa immedesimazione con il violinista. [Herrkinski]
  • Ale nkf • 31/01/16 07:04
    Risorse umane - 14031 interventi
    Domenica 14 FEBBRAIO ore 03:55 su IRIS
    Inutile approcciarsi al Paganini di Kinski come ad un film normale; l'attore/regista crea un'opera che sfugge alle regole cinematografiche per diventare un flusso spirituale ininterrotto, grazie ad una completa immedesimazione con il violinista. [Herrkinski]
  • B. Legnani • 1/03/18 11:56
    Consigliere - 14227 interventi
    Mercoledì 28 FEBBRAIO ore 02:45 su RETE 4
    Inutile approcciarsi al Paganini di Kinski come ad un film normale; l'attore/regista crea un'opera che sfugge alle regole cinematografiche per diventare un flusso spirituale ininterrotto, grazie ad una completa immedesimazione con il violinista. [Herrkinski]
  • Caesars • 27/11/20 10:53
    Scrivano - 12946 interventi
    28/11/20 ore 04:05 su Rete 4
    "Senza Herzog a tenere le briglie della sua incontrollabile personalità, Kinski realizza questo suo ultimo delirio che con una regia spoglia riesce a stupire e anche a emozionare. Opera indescrivibile e certamente non facile nella struttura, che si eleva completamente nell'ultimo straziante e perfetto quarto d'ora. Bistrattato dal pubblico, merita invece di essere visto anche solo per la volontà di portare avanti un progetto anarcoide (prodotto dalla Medusa!) che aveva però bisogno di un regista più esperto per farne un papabile capolavoro.
    MEMORABILE: Il continuo tappeto musicale formato dalle musiche di Paganini."
    Panza