IN TV/SATELLITE di La prigioniera (1968)

IN TV/SATELLITE

  • Per segnalare il passaggio in tv seguite le istruzioni scritte qui sopra nel modulo di segnalazione. Se volete semplicemente rispondere cliccate su RISPONDI.
  • B. Legnani • 8/05/09 14:43
    Consigliere - 14576 interventi
    Sabato 16 MAGGIO ore 02:10 su RETE 4
    Lo vidi di ragazzo e lo trovai tremendo. Ho il sospetto di non averci capito nulla, all'epoca, per cui, memore di analoghe esperienze ("Ultimo tango" visto a 18 anni mi parve trmendo, rivisto 15 anni dopo lo giudicai un capolavoro), non avevo mai inserito la scheda. Conto di rivederlo.
  • B. Legnani • 16/05/09 16:23
    Consigliere - 14576 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Sabato 16 MAGGIO ore 02:10 su RETE 4
    Lo vidi di ragazzo e lo trovai tremendo. Ho il sospetto di non averci capito nulla, all'epoca, per cui, memore di analoghe esperienze ("Ultimo tango" visto a 18 anni mi parve trmendo, rivisto 15 anni dopo lo giudicai un capolavoro), non avevo mai inserito la scheda. Conto di rivederlo.



    Visto. Decisamente un buon film.
  • Cotola • 9/04/10 23:34
    Consigliere avanzato - 3728 interventi
    Buono secondo te la versione passata su Iris
    (quella da me visionata) è tagliata? Io credo di sì. Tu ne sai qualcosa?
  • B. Legnani • 10/04/10 00:44
    Consigliere - 14576 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Buono secondo te la versione passata su Iris
    (quella da me visionata) è tagliata? Io credo di sì. Tu ne sai qualcosa?


    Non saprei. Comunque non ricordo, nell'edizione vista al cinema, una palese presenza di tagli. La violenza espressa, come sai, è essenzialmente psicologica.
  • Ale nkf • 13/06/13 12:39
    Risorse umane - 14031 interventi
    Venerdì 21 GIUGNO ore 05:00 su IRIS
    L'ultimo film di Clouzot è un intenso dramma a forti tinte connotato da uno stile visivo sperimentale che non si dimentica facilmente e da una storia che pur dando ampio spazio alla parola non cade mai nella verbosità gratuita ed ha il merito di non essere mai volgare e pruriginoso pur trattando un tema audace e scottante. [Cotola]
  • Mco • 12/11/13 19:29
    Scrivano - 9918 interventi
    Mercoledì 13 NOVEMBRE ore 02:00 su IRIS
    B.Legnani ha scritto: Notevole, senza dubbio. Costruito con grande attenzione, ma senza pesantezza, descrive bene la situazione di partenza e poi conduce impeccabilmente lo spettatore, come la protagonista, nei meandri limpidi della torbida sottomissione. E sul finire, quando può parere che uno snodo narrativo cada nel banale, basta attendere pochi minuti per capire che la cosa era invece funzionale. Perfetti Terzieff e la Wiener.
  • Gestarsh99 • 17/08/14 21:04
    Vice capo scrivano - 20295 interventi
    Giovedì 21 AGOSTO ore 07:55 su IRIS
    L'ultimo film di Clouzot è un intenso dramma a forti tinte connotato da uno stile visivo sperimentale che non si dimentica facilmente e da una storia che pur dando ampio spazio alla parola non cade mai nella verbosità gratuita ed ha il merito di non essere mai volgare e pruriginoso pur trattando un tema audace e scottante. [Cotola]
  • Ale nkf • 20/03/15 12:07
    Risorse umane - 14031 interventi
    Lunedì 30 MARZO ore 03:25 su IRIS
    L'ultimo film di Clouzot è un intenso dramma a forti tinte connotato da uno stile visivo sperimentale che non si dimentica facilmente e da una storia che pur dando ampio spazio alla parola non cade mai nella verbosità gratuita ed ha il merito di non essere mai volgare e pruriginoso pur trattando un tema audace e scottante. [Cotola]
  • Ale nkf • 4/10/16 00:15
    Risorse umane - 14031 interventi
    Mercoledì 12 OTTOBRE ore 02:15 su RETE 4
    L'ultimo film di Clouzot è un intenso dramma a forti tinte connotato da uno stile visivo sperimentale che non si dimentica facilmente e da una storia che pur dando ampio spazio alla parola non cade mai nella verbosità gratuita ed ha il merito di non essere mai volgare e pruriginoso pur trattando un tema audace e scottante. [Cotola]
  • Ale nkf • 7/03/17 18:39
    Risorse umane - 14031 interventi
    Venerdì 17 MARZO ore 02:50 su RETE 4
    L'ultimo film di Clouzot è un intenso dramma a forti tinte connotato da uno stile visivo sperimentale che non si dimentica facilmente e da una storia che pur dando ampio spazio alla parola non cade mai nella verbosità gratuita ed ha il merito di non essere mai volgare e pruriginoso pur trattando un tema audace e scottante. [Cotola]
  • Lodger • 7/08/18 21:21
    Magazziniere - 1505 interventi
    Mercoledì 15 AGOSTO ore 01:20 su IRIS
    Il conformismo borghese come una gabbia da cui non si evade: da tale premessa, l'addio al cinema di Clouzot, immerso in sperimentazioni visive optical, non poteva essere che un'opera dalle atmosfere torbide e claustrofobiche, con i rapporti tra i personaggi tenuti sempre sul filo della tensione dialettica, fisica e sessuale. [...] [Homesick]
  • Lodger • 14/08/18 13:42
    Magazziniere - 1505 interventi
    Mercoledì 22 AGOSTO ore 02:50 su IRIS
    Il conformismo borghese come una gabbia da cui non si evade: da tale premessa, l'addio al cinema di Clouzot, immerso in sperimentazioni visive optical, non poteva essere che un'opera dalle atmosfere torbide e claustrofobiche, con i rapporti tra i personaggi tenuti sempre sul filo della tensione dialettica, fisica e sessuale. [...] [Homesick]
  • Gestarsh99 • 21/01/22 20:10
    Vice capo scrivano - 20295 interventi
    24/01/22 ore 03:20 su Iris
    "Commiato "hors categorie" per il regista più controverso del cinema francese. Fin dal titolo "proustiano" è un film in cui riecheggia il clima claustrofobico e morboso tipico dello stile di Clouzot, contrappuntato però dalla ricerca di opzioni tecniche altre, con cui raccontare patologie allora poco dicibili, ma alfine riconducibili alle dinamiche tra i sessi. Variazione originale sul tema del triangolo nel quale l'occhio e la visione hanno parte preponderante. Resta apppiccicato addosso e rimane in mente. Wiener e Terzieff emanano un fascino malato.
    MEMORABILE: La prima seduta fotografica in cui la Wiener guarda Terzieff e la modella: montata in modo da render palpabile il crescendo di eccitazione-repulsione."
    Giùan