DISCUSSIONE GENERALE di Cuori in Atlantide (2001)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Buiomega71 • 16/02/13 10:38
    Pianificazione e progetti - 21754 interventi
    Intensamente kinghiano (e anche non poco spielberghiano), immerso in un atmosfera magica e nostalgica, impreziosita da pezzi indimenticabili nella colonna sonora che gli danno valore aggiunto.

    Vero che ci sono reminiscenze da Stand By Me, ma vero anche che Hicks si discosta non poco dal capolavoro di Reiner.

    Impeccabile ricostruzione d'epoca, da antologia l'inizio con David Morse e la sua memoria che va a ritroso, dopo aver messo piede nella sua vecchia casa d'infanzia...

    Temi kinghiani per eccellenza, persone dai poteri straordinari (la Carrie White di Carrie o il Johnny Smith della Zona morta), inseguiti e braccati da potenti servizi segreti (la piccola incendiaria di Fenomeni paranormali incontrollabili) si amalgamano con nostalgie e umori alla American Graffiti, L'ultimo spettacolo o a Quell'estate del 42, ma omettendo le pulsioni sessuali, descrivendo con tenerezza e coinvolgimento emotivo l'amicizia tra un ragazzino piuttosto sveglio e un anziano dai "poteri magici", che legge nella mente, come se fosse il nonno di Johnny Smith.

    Hicks si dimostra regista eccezionale (e pensare che Shine l'avevo trovato mortalmente noioso), che regala momenti da antologia e riesce a toccare i nervi della nostalgia di quando eravamo ragazzini (tutto cambia, nulla resta uguale) e, in più momenti, riesce a sfiorarci il cuore (su tutti, Bobby-su consiglio di Hopkins-pensa fortemente al compleanno di Carol vestita da angioletto, per sfuggire agli "uomini bassi")

    Impagabili i duetti madre e figlio (una Hope Davis mater stile "balocchi e profumi") e da culto assoluto quando scambia Hopkins per un pedofilo mentre "aggiusta" la spalla della piccola Carol.

    Nel film (ma è un caso prettamente personale) ci ho letto larvatissimi echi pedofili e flebili sottotesti incestuosi.

    Momenti di tenerezza assoluti (il timido bacio che Bobby schiocca a Carol sulla giostra, i tre ragazzini al fiume) si alternano a schegge piuttosto feroci (lo stupro della madre di Bobby da parte del suo capoufficio, il pestaggio della piccola Carol da parte del bulletto Harry Doolin - con rara faccia da schiaffi e un segreto inconfessabile che solo Hopkins sa - e particolare del libro della ragazzina che cade nel fiume) e delega il tutto nello splendido finale tra David Morse e la figlia di Carol (scritto appositamente da Hicks) che tocca davvero il cuore.

    Ci sono leggeri momenti superficiali e inutili (il racconto che Hopkins fa al piccolo Bobby sulla partita di football e francamente noioso), ma piccoli peccati veniali, riscattati da un coinvolgimento che non stacca mai la presa e da deliziose schegge cinefile (Lone Ranger in tv, Hopkins e Bobby che vanno al cinema a vedersi Il villaggio dei Dannati), e non so il perché, ma il finale con Hopkins portato via nella macchina nera mi ha ricordato l'incipt di Mystic River

    Opera intensa e preziosa, nonchè terribilmente sottovalutata.
    Ultima modifica: 16/02/13 11:21 da Zender
  • Zender • 16/02/13 15:56
    Consigliere - 43512 interventi
    Bene hai fatto a scriverne, Buio. In effetti è stato abbastanza dimenticato, come film. Un recupero ci voleva.
  • Buiomega71 • 16/02/13 16:44
    Pianificazione e progetti - 21754 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Bene hai fatto a scriverne, Buio. In effetti è stato abbastanza dimenticato, come film. Un recupero ci voleva.

    Debbo dire che mi e piaciuto molto, ha un atmosfera e un effetto nostalgia davvero potenti.

    Sì, assolutamente da riscoprire.
  • Rebis • 16/02/13 17:03
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    E' uno dei King che sono più curioso di leggere, poi penso che mi vedrò anche il film :)
  • Buiomega71 • 16/02/13 17:07
    Pianificazione e progetti - 21754 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    E' uno dei King che sono più curioso di leggere, poi penso che mi vedrò anche il film :)

    Da quanto leggo in giro il libro e molto complesso, diviso in epoche e in capitoli a se stanti (che poi convergono) e con molti personaggi.

    Qui si e preso solo il segmento Uomini bassi in soprabito giallo, sfrondando tutto il resto.
    Ultima modifica: 16/02/13 17:08 da Buiomega71
  • Galbo • 16/02/13 17:53
    Gran Burattinaio - 3746 interventi
    Si tratta di un film ingiustamente poco apprezzato che molti dimenticano quando parlano degli adattamenti cinematografici di King
  • Didda23 • 16/02/13 21:48
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Visto 10 anni fa. Non conservo un brutto ricordo. Bravo zio Buio!!
  • Buiomega71 • 17/02/13 02:16
    Pianificazione e progetti - 21754 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Visto 10 anni fa. Non conservo un brutto ricordo. Bravo zio Buio!!

    Figurati nipotino Didda, se puoi, riguardatelo ;)

    @Galbo: Perfettamente d'accordo.
    Ultima modifica: 17/02/13 02:17 da Buiomega71
  • Raremirko • 20/10/15 16:12
    Addetto riparazione hardware - 3449 interventi
    D'accordissimo con Buio su tutto; una cosa però; ma per te chi era il personaggio di Hopkins?


    Una cosa simbolica o una specie di angelo, cose così?
  • Schramm • 20/10/15 16:32
    Risorse umane - 6703 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    E' uno dei King che sono più curioso di leggere, poi penso che mi vedrò anche il film :)

    non so se hai avuto modo di recuperarlo ma il libro è proprio tutto un altro pianeta. si snoda in 5 diversissimi racconti che sono però profondamente interfacciati tra loro quasi a formare una sorta di parentela narrativa (e a tratti anche fortemente biografica) malgrado i diversi piani spaziali e temporali. quello usato per sviluppare il film è il primo, uomini bassi in soprabito giallo, mentre nel libro il racconto omonimo parla di tutt'altro. siamo quindi al mistitled. il film l'ho ormai quasi completamente rimosso, ricordo solo che rispetto al racconto -cupo, a tratti trucido, bello teso, quasi dalle parti de un ragazzo sveglio/l'allievo- era abbastanza svenevole e spielberghiano, con un hopkins davvero fuori ruolo.
    Ultima modifica: 20/10/15 16:34 da Schramm
  • Caesars • 20/10/15 16:50
    Scrivano - 10500 interventi
    Concordo con Schramm. Il libro l'ho letto molti anni fa, ben prima di vedere il film, e anche se non lo ricordo benissimo l'avevo trovato davvero bello, uno dei migliori King. Tutt'altra cosa rispetto al film
  • Raremirko • 20/10/15 17:08
    Addetto riparazione hardware - 3449 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    E' uno dei King che sono più curioso di leggere, poi penso che mi vedrò anche il film :)

    non so se hai avuto modo di recuperarlo ma il libro è proprio tutto un altro pianeta. si snoda in 5 diversissimi racconti che sono però profondamente interfacciati tra loro quasi a formare una sorta di parentela narrativa (e a tratti anche fortemente biografica) malgrado i diversi piani spaziali e temporali. quello usato per sviluppare il film è il primo, uomini bassi in soprabito giallo, mentre nel libro il racconto omonimo parla di tutt'altro. siamo quindi al mistitled. il film l'ho ormai quasi completamente rimosso, ricordo solo che rispetto al racconto -cupo, a tratti trucido, bello teso, quasi dalle parti de un ragazzo sveglio/l'allievo- era abbastanza svenevole e spielberghiano, con un hopkins davvero fuori ruolo.



    Schramm, ma Hopkins cosa incarna? chi è davvero?
  • Buiomega71 • 20/10/15 19:27
    Pianificazione e progetti - 21754 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    D'accordissimo con Buio su tutto; una cosa però; ma per te chi era il personaggio di Hopkins?


    Una cosa simbolica o una specie di angelo, cose così?


    Film che ho amato molto (tanto da beccarsi "l'ambita" Palma D'Oro buiesca nel 2013), e di cui non nutrivo chissà quali aspettative, invece fù un colpo di fulmine

    Mettendolo (ebbenesì) al pari di Stand By Me (come emotività)

    Non saprei il ruolo di Hopkins cosa ben rappresentava, ma opterei per la prima (una figura simbolica, tipo uno spirito guida)
    Ultima modifica: 20/10/15 19:28 da Buiomega71
  • Raremirko • 20/10/15 23:28
    Addetto riparazione hardware - 3449 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Raremirko ebbe a dire:
    D'accordissimo con Buio su tutto; una cosa però; ma per te chi era il personaggio di Hopkins?


    Una cosa simbolica o una specie di angelo, cose così?


    Film che ho amato molto (tanto da beccarsi "l'ambita" Palma D'Oro buiesca nel 2013), e di cui non nutrivo chissà quali aspettative, invece fù un colpo di fulmine

    Mettendolo (ebbenesì) al pari di Stand By Me (come emotività)

    Non saprei il ruolo di Hopkins cosa ben rappresentava, ma opterei per la prima (una figura simbolica, tipo uno spirito guida)



    Si, si, la stessa cosa che ho pensato io sullo spirito guida; marò che film malinconico.