DISCUSSIONE GENERALE di Blue city (1986)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/09/12 DAL BENEMERITO TOMASTICH
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Mediocre, ma con un suo perché:
    Tomastich
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c’è:
    Buiomega71, Mentolom

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Tomastich • 3/09/12 10:57
    Call center Davinotti - 120 interventi
    foto da vhs originale:

    http://oi47.tinypic.com/2l8uj52.jpg
  • Buiomega71 • 3/09/12 11:34
    Pianificazione e progetti - 21883 interventi
    La regista Michelle Manning e stata un assistente di Walter Hill. Non a caso il film è prodotto da lui.
  • Buiomega71 • 15/08/14 10:09
    Pianificazione e progetti - 21883 interventi
    Rassegna estiva: Le Regine del B-Movie

    Seppur patrocinato dal sommo Walter Hill (che produce e scrive la sceneggiatura), questo Blue City (bellissimo il titolo) e un filmettino talmente banale e superficiale da fare quasi tenerezza

    Lo script ha la consistenza della carta velina, il ritmo e le situazione sono da telefilm pomeridiano (tanto che sembra il pilot malriuscito di una serie tv) con strizzatine d'occhio teenageriali e svolgimento di una convenzionalità quasi imbarazzante

    La storiella simil-western del ragazzo che arriva in città (Blue City, un paesino nell'afa torrida della Florida) per vendicare la morte "misteriosa" del padre e mettere i bastoni tra le ruote ai cattivoni corrotti fà acqua da tutte le parti

    Noiosetto, prevedibile come le bollette, con circostanze risibili e ben poco credibili (tre ragazzini mettono ferro e a fuoco una cittadina e si mettono contro il boss locale), che ha confronto la serie tv 21 Jump Street sembra diretta da William Friedkin

    Cominciando da un insopportabile Judd Nelson, con aria da duro che sbulla per tutto il film, a una scipita Ally Sheedy (almeno sculetta un pò quando balla sul palco del casinò), a scene d'azione che però sembrano uscite da Porky's (la distruzione del locale del boss malavitoso), che più che vendette e ritorsioni sembrano ragazzate di Goonies un pò più cresciutelli

    Anche la resa dei conti finale nella serra (con tanto di sorpresina finale che poi tanto sorpresina non è, visto che ci si arriva sù appena inizia il film) e tanto loffia quanto tirata via, senza il benchè minimo pathos o coinvolgimento emotivo

    Michelle Manning (che e stata assistente di Walter Hill e poi produttrice di alcuni cult giovanili di John Hughes) non imprime nemmeno uno stile "machesco femminile", con una regia talmente anonima e sterile da essere addirittura imbarazzante. Bruttarelli pure i pochi colpi in arrivo nelle scene delle sparatorie

    I momenti che destano dal torpore sono davvero parchi (l'assalto notturno al motel stile L'Uomo nel Mirino, Scott Wilson che parla dei suoi guardaspalle come se fossero degli animali col pedigree), il resto viaggia a encefalogramma piatto

    Resta incomprensibile come lo zio Walter abbia potuto scrivere e produrre stà pochezza e darla in mano alla sua assistente

    Se stà in piedi (per quello che può stare senza usare il Fastforward) e grazie a caratteristi come Scott Wilson e Paul Winfield, al fascino "milfesco" di Anita Morris, alla fotografia di Steven Poster, al piacevole score di Ry Cooder e ad alcuni scorci suggestivi della Florida

    Il resto e frivolo e dimenticabile.
    Ultima modifica: 15/08/14 13:41 da Buiomega71
  • Buiomega71 • 15/08/14 10:18
    Pianificazione e progetti - 21883 interventi
    Michelle Manning, da assistente per Walter Hill a produttrice per John Hughes. Per poi finire come capo della produzione della Paramount

    http://topnews.in/files/images/Michelle-Manning1.jpg
    Ultima modifica: 15/08/14 13:21 da Buiomega71