Vita segreta di una diciottenne

Media utenti
Anno: 1969
Genere: erotico (colore)
Note: Aka: "È nata una donna", "È nata una donna", "Vita segreta di una 18enne", "The Eyes". Secondo capitolo di una trilogia diretta da Oscar Brazzi, centrata su intrecci amorosi sviluppati in un nucleo familiare ed interpretati dal fratello, Rossano Brazzi. Preceduto da: Il diario segreto di una minorenne (1968). Seguito da: Intimità proibita di una giovane sposa (1970). Alla sceneggiatura anche Renato Polselli.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/02/15 DAL BENEMERITO FAUNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 4/02/15 00:26 - 1919 commenti

I gusti di Fauno

Parte divinamente e sembra abbia aspetti anche psicanalitici; poi, per via delle censure e dei tagli mastodontici rispetto al fotoromanzo, si trasforma nella più odiosa delle ciofeche. In pratica da un dramma discretamente devastante, basato sulla necessità di prostituirsi onde raddrizzare situazioni finanziarie disastrose di altri, ci si trova a sopportare un filmetto che fa la barba alla più squallida commediola; è quasi l'esibizione di un comico mancato (almeno nel cinema), di nome Petretto. Il fotoromanzo meriterebbe 4 palle, il film neanche una!
MEMORABILE: "Ma quella non fa male manco a un gatto" (detto a una che fa la scena di suicidarsi).

Daidae 8/06/15 04:35 - 2738 commenti

I gusti di Daidae

Non è così terribile, ma sicuramente non passerà alla storia. È un misto di erotismo, commedia (banalissima) e una spruzzata di sentimentalismo. Il fratello del regista, Rossano Brazzi, si distingue per una delle interpretazioni più brevi e mediocri della sua carriera, simpatico il Petretto. Da vedere se si è completisti o si ama collezionare cinema d'epoca.

Panza 20/06/15 18:48 - 1495 commenti

I gusti di Panza

La sedicenne è cresciuta di due anni: è indubbio che questo film volesse essere un sequel ideale di Il diario segreto di una minorenne mantenendo gli stessi attori ma cambiando i personaggi. Diciamo che il risuktato è inferiore visto che la storia attira un po' di meno anche perché Brazzi decide di far passare a co-protagonista Renzo Petretto, che serio nel film non lo sarà mai. Almeno la vicenda sentimentale in cui sono coinvolti lui e la Biscardi si lascia seguire (anche perché è trattata in maniera non troppo smielata).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 22/07/09 13:17
    Scrivano - 7630 interventi
    Film sottoposto a sequestro, in occasione della prima uscita nelle sale.
    Venne rieditato a distanza di pochi mesi, opportunamente censurato.