Pop lemon

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Eskimo Limon
Anno: 1978
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "Eis am Stiel","Lemon Popsicle". Seguito da "Porky's academy".
Numero commenti presenti: 4
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Fine Anni 50, Tel Aviv gioca a fare l'America: il mito di Elvis, le feste in casa, la brillantina e tre amici il cui unico interesse è ovviamente quello di tutti: le ragazze. Il cicciottello, lo sciupafemmine e il vero protagonista (Katzur), dall'apparenza piuttosto insignificante, che fin da subito s'innamora di quella sbagliata (Atzmon). Bella è bella, con due labbra così e l'occhio sognante; ma punta l'amico, che non si tira certo indietro. Hai voglia a cercar di sabotare i loro piani... Ma la vita va avanti, e magari la soddisfazione può venire da un'attempata rumena che ascolta solo musica italiana (Modugno, soprattutto, da "Nel blu dipinto di blu" a "Ciao, ciao bambina") e si capisce disposta a concedersi a tutti e tre, a turno. Affogato...Leggi tutto in una colonna sonora che piazza in sequenza classicissimi americani dei Cinquanta, il film di Davidson riesce incredibilmente a ricreare una sorta di Hollywood in Israele, dove la differenza la fanno giusto le insegne in lingua e qualche esterno in cemento bianco. Per il resto la formula ricalca quella dei giovanilistici del periodo anticipando certe idee del TEMPO DELLE MELE e concentrandosi sui disagi del protagonista, con un'improvvisa deriva drammatica che fa da contraltare alla comica avventura delle piattole, per esempio, forse la parte più dichiaratamente goliardica che però indubbiamente funziona, nel suo voler inserire con decisione il sesso come leitmotiv del film. E va detto che non manca qualche scena anche piuttosto osé come la gara a chi ce l'ha più lungo o l'incontro sexy sul barcone, mentre la bella Atzen esibisce un seno assai prosperoso che le fa guadagnare ulteriori punti. Di piacevole ci sono un ritmo azzeccato - sostenuto appunto dall'iniezione furbesca e incessante di hit del periodo - e una valida direzione del cast, che nel complesso sa dare credibilità ai personaggi. Si può dire che, pur seguendo (anche nella rievocazione di un preciso periodo storico) AMERICAN GRAFFITI, POP LEMON prepara il terreno (inaugurando una saga personale arrivata oggi a otto sequel) a un genere che nel giro di due o tre anni esploderà definitivamente. Qui c'è ancora molta ingenuità, un semplicità di fondo che intenerisce.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/08/12 DAL BENEMERITO LUCIUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 10/05/16
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 4/08/12 01:06 - 2820 commenti

I gusti di Lucius

Se il compito di un film comico è divertire, questo ci riesce senz'altro, con la goliardia e le esilaranti situazioni in cui si ritrovano tre amici israeliani ossessionati dal sesso e dal perdere la loro verginità. I commenti musicali sono degli evergreen da discoteca, pertanto la soundtrack afferisce al suo ruolo. Il film è abbastanza spinto (insertato di scene softcore); un po' Porky's, un po' Il tempo delle mele 2, con interpreti pungenti, specie il protagonista. Molte nudità e un finale che va al di là della commedia, perché la vita è anche questo.

Geppo 5/08/12 11:48 - 288 commenti

I gusti di Geppo

Si tratta di una produzione israeliana ed è il primo capitolo di una fortunata saga cinematografica che ne conta ben nove. In Italia fu distribuito soltanto il primo titolo, cioè questo. Un film giovanilistico, ambientato negli anni '60 tra il "sentimentale" e la "commedia sexy" (qualche scena di nudo c'è) e che ha anticipato, in un certo senso, il nostro Zero in condotta di Giuliano Carnimeo, in cui alcuni momenti sono simili a questo "Pop lemon". La colonna sonora contiene anche alcuni pezzi di Modugno. In Germania viene considerato un "cult".

Herrkinski 22/01/16 10:34 - 5404 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra i primi grandi successi della coppia Golan/Globus e girata da un regista che diventerà a sua volta importante produttore, questa teen-comedy israeliana è furbetta sotto tutti gli aspetti; una storiella formativa ambientata negli anni '50/'60 dal piglio nostalgico, con sconfinamenti nel softcore, OST con successi d'epoca quasi onnipresente, umorismo goliardico, qualche sentimento e qualche svolta drammatica. Alcune cadute di gusto tremende, ma nel complesso si fa seguire; notevole la "gatta morta" Atzmon, credibile il cast di esordienti.
MEMORABILE: La tremenda gag della misurazione delle erezioni; Le piattole; L'italiana assatanata.

Deepred89 3/04/20 00:59 - 3332 commenti

I gusti di Deepred89

Vero anello di congiunzione tra American graffiti e Porky's, una fortunata (ma da noi pressoché dimenticata) commedia giovanilistica israeliana, esile ma scorrevole, con una quantità sorprendente di hit anni '50 a fare da contrappunto alle vicende. Piuttosto esplicita in quanto a sesso e turpiloquio, ma anche coraggiosa nell'affrontare tematiche più serie, che la apparentano al futuro Fuori di testa. Riuscito finale agrodolce, azzeccati i protagonisti, ambientazioni un po' anonime. La ninfomane italiana diventa rumena nell'edizione nostrana.

Boaz Davidson HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Dusso • 5/08/12 12:22
    Segretario - 1620 interventi
    Geppo ebbe a dire:
    Un film israeliano. Non è male, è il primo capitolo di una fortunata saga cinematografica di ben 9 capitoli. In Germania viene considerato un "cult". In Italia invece fu distribuito solo il primo titolo, cioè questo. La colonna sonora contiene anche alcuni pezzi di Modugno.

    In italia ne venne distribuito di sicuro almeno un altro in vhs che ho,credo si tratti del capitolo 7 "Summertime Blues"
  • Discussione Lucius • 5/08/12 13:17
    Scrivano - 8298 interventi
    Dusso ebbe a dire:
    Lucius lo hai visto in Italiano?
    No,in inglese, veramente divertente e spensierato.Ho visto spesso in giro la soundtrack, anche all'estero;
    mi ha colpito,così l'ho cercato per visionarlo.Goliardico e spinto...
  • Discussione Lucius • 7/08/12 13:09
    Scrivano - 8298 interventi
    Orsobalzo ebbe a dire:
    Tel Aviv?
    Non saprei proprio.Comunque se si individua la fontana si trova tutto, il quartiere è quello.
  • Homevideo Geppo • 1/09/12 11:08
    Addetto riparazione hardware - 4018 interventi
    Direttamente dalla "Geppo Collection" la megarara VHS CVR (cartonata) del film "Pop lemon".



    Ultima modifica: 1/09/12 11:26 da Zender
  • Curiosità Herrkinski • 26/03/16 16:43
    Vice capo scrivano - 2315 interventi
    La serie israeliana Lemon Popsicle consta di 8 capitoli ufficiali più 1 remake e 2 spin-off. Alcuni degli ultimi capitoli sono stati co-prodotti con la Germania, dove la serie è molto popolare col titolo di Eis Am Stiel. In Italia sono stati distribuiti i primi 6 più 1 degli spin-off e il remake.

    * CAPITOLI UFFICIALI:

    1) Pop lemon (Eskimo Limon), 1978
    2) Porky's academy (Yotzim Kavua), 1979
    3) Quella folle estate (Shifshuf Naim), 1981
    4) Reclute e seduttori (Sapiches), 1983
    5) La gang dei seduttori colpisce ancora (Roman Za'ir), 1984
    6) Una crociera da sballo (Harimu Ogen), 1985
    7) Young love: Lemon popsicle 7 (Ahava Tzeira), 1987
    8) Summertime Blues: Lemon Popsicle VIII (Blues BaKaitz), 1988

    * SPIN-OFF:

    1) Pig's Army - Manovre d'assalto (Sababa), 1983
    E' uno spin-off derivato da Reclute e seduttori con protagonista il solo Zachi Noy che prosegue le sue avventure al servizio di leva.

    2) Lemon Popsicle 9: The Party Goes On (Hahagiga Nimshehet), 2001
    Doveva essere inizialmente una serie TV, ma alla fine i pochi episodi girati furono editati in un film, che tra l'altro non vide alcuna distribuzione ufficiale al di fuori del paese d'origine e non presenta nessuno dei protagonisti originali. I fans della serie non lo considerano un vero sequel (quale di fatto non è, essendo una sorta di reboot).

    * REMAKE:

    1) L'ultima vergine americana (The Last American Virgin), 1982
    Diretto dallo stesso regista dell'originale, è un remake ufficiale di Pop Lemon realizzato principalmente per il mercato americano.
  • Curiosità Zender • 22/04/16 17:58
    Consigliere - 43929 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con consiglio di vederlo al pomeriggio causa folla eccessiva!

  • Discussione Herrkinski • 26/04/16 05:19
    Vice capo scrivano - 2315 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con consiglio di vederlo al pomeriggio causa folla eccessiva!


    Hahaha fantastico Zender! Tra l'altro, se è vero quel che disse il compianto Menahem Golan, il film ebbe effettivamente un successo strepitoso anche da noi; addirittura raccontò che al Mifed (o a Cannes, non ricordo bene) durante la proiezione del film per gli addetti ai lavori a metà della proiezione cominciarono tutti a uscire e lui si preoccupò, per poi scoprire che erano corsi tutti a cercare di accaparrarsi la distribuzione prima della concorrenza.
  • Discussione Zender • 26/04/16 08:17
    Consigliere - 43929 interventi
    A questo punto va recuperato assolutamente!
  • Discussione Caesars • 27/04/16 09:40
    Scrivano - 11666 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con consiglio di vederlo al pomeriggio causa folla eccessiva!


    Hahaha fantastico Zender! Tra l'altro, se è vero quel che disse il compianto Menahem Golan, il film ebbe effettivamente un successo strepitoso anche da noi; addirittura raccontò che al Mifed (o a Cannes, non ricordo bene) durante la proiezione del film per gli addetti ai lavori a metà della proiezione cominciarono tutti a uscire e lui si preoccupò, per poi scoprire che erano corsi tutti a cercare di accaparrarsi la distribuzione prima della concorrenza.


    A dire il vero io tutto questo successo in Italia proprio non lo ricordo, anzi tenderei ad escluderlo...
  • Discussione Herrkinski • 27/04/16 14:52
    Vice capo scrivano - 2315 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Herrkinski ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film, con consiglio di vederlo al pomeriggio causa folla eccessiva!


    Hahaha fantastico Zender! Tra l'altro, se è vero quel che disse il compianto Menahem Golan, il film ebbe effettivamente un successo strepitoso anche da noi; addirittura raccontò che al Mifed (o a Cannes, non ricordo bene) durante la proiezione del film per gli addetti ai lavori a metà della proiezione cominciarono tutti a uscire e lui si preoccupò, per poi scoprire che erano corsi tutti a cercare di accaparrarsi la distribuzione prima della concorrenza.


    A dire il vero io tutto questo successo in Italia proprio non lo ricordo, anzi tenderei ad escluderlo...

    In effetti sembra strano anche a me.. Boh, magari in qualche regione è andato bene, ma a livello nazionale..