Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/06/21 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 29/06/21 02:22 - 2960 commenti

I gusti di Buiomega71

Un po' La fabbrica delle mogli, spizzichi dagli ultracorpi e dalle generazioni perfette innestati in un glamour ridondante che sfiora il pacchiano e il kitsch, tra scenografie futuristiche barocche e costumi sfarzosi. Alice nel paese delle suspiriose meraviglie dispotiche e dell'abolizione della personalità, tra cloni femminili reiette e un finale che sfocia nell'horror, con trifidesche rose, roseti della morte e la Jovovich mostruosa Bathory germogliosa. La Waddington oltre che bella è anche brava e la sua fiaba femminea passa inquieta dallo zuccheroso fittizio alla SF dittatoriale.
MEMORABILE: L'incipit musical/glamour che cita Labirynth; La Jovovich, nell'ira, infrange gli specchi con il pensiero; Gli ologrammi; La gelosia lesbo di Amarna.

Pigro 21/06/24 09:35 - 9806 commenti

I gusti di Pigro

Un’isola-riformatorio per ricche ragazze da raddrizzare secondo le volontà normalizzatrici della società: fiaba nera dai colori sgargianti e dalle ambizioni smodate. Un fantasy glamour con pizzichi di fantascienza, horror, commedia romantica e generazionale: potpourri che si riversa nel calderone visivamente immaginifico, tra il pop e il fumettoso, il camp e il caramelloso, con una sensazione di troppa carne al fuoco su una fragilità di contenuti, tra passaggi buttati a caso e superficialità orecchiata. Molto fumo e poco arrosto.

Awkwafina HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Cattivi vicini 2Spazio vuotoLocandina Ocean's 8Spazio vuotoLocandina Crazy & richSpazio vuotoLocandina Future man
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Buiomega71 • 29/06/21 10:37
    Consigliere - 26291 interventi
    Un pò La fabbrica delle mogli, spizzichi degli ultracorpi e delle generazioni perfette o delle scuole di zombi, qualcosa della Fuga di Logan, misto di "Mine-haha" e Alice (come il nome della sua autrice) nel paese delle suspiriose meraviglie dispotiche, intinto nel glamour pastelloso e nello sfarzo delle scenografie timburtonesche da superare il kitsch più pacchiano, di una stucchevolezza quasi nauseante, così come i costumi sgargianti alla Lady Gaga, tra paradisiache isole di riprogrammazione (dove tutto è idilliaco e perfetto, forse eccessivamente troppo) dove l'apparente cortesia e irrealtà lascia ben presto il posto all'inquietudine.

    Favoletta femminea cenerentolesca (da annali del lussuoso trash l'incipit, che tira in ballo Labirynth, fa sfoggio di ridondanti e eccessive scenografie e costumi lussureggianti e non evita terribili parentesi canore manco fosse un musical disneyano), che stordisce e infastidisce per la troppa sovrabbondanza (anche nelle asettiche e perfette costruzioni da paradiso terrestre dell'isola delle ultracorpesse, con scalinate che rimandano ai concepimenti escheriani, gazebo, roseti, stanze da letto futuristiche da belle addormentate), che parte zuccherosa e palesemente falsa, per , poi, via via, assumere i tratti inquieti del "c'è del marcio in paradiso" abbracciando la SF dispotica e l'horror tout court.

    Gelosie represse e passioni lesbo (la figura della cantante Armana, Eiza Gonzales, la migliore del lotto femminile insieme alla Jovovich), cominciano a guastare l'armonia fasulla del lussuoso "centro di riabilitazione" per fanciulle di alta classe (le caste, come in Logan, si dividono nettamente in due, da una parte i ricchissimi "superiori", dall'altra i poveracci detti "gli inferiori"), la Jovovich (la duchessa) che nasconde, dietro a un'impostata gentilezza e a una finta trasparenza, un'animo da strega delle fiabe (i suoi scatti d'ira fanno incrinare specchi con la sola forza del pensiero che manco Elena Markos) e sotto l'sola che non c'è si attuano esperimenti scentifici che annientano definitivamente la personalità, rimodellando le ospiti in perfetti cloni accondiscendenti e ubbidienti.

    Ragazze reiette mummificate pronte a prendere il posto di quelle originali, una sala di controllo che mostra il trapasso della clonazione perfetta, e i pizzi e i merletti marciscono in fretta, in un roseto della morte dove i cadaveri sono un tutt'uno con i fiori (come il giardino di Motel hell) e le rose pulsano di vita propria come i Trifdi, mentre la Jovovich "germoglia" in una mostruosa Ezbeth Bathory succhiando sangue e linfa vitale come il ragno fa con la mosca (una yuznata davvero mica male)

    Se la prima parte è un vademecum da film per ragazzine, la seconda si ammanta di oscurità e riverberi orrorifici, che alzano l'asticella con stoccate disturbanti (almeno la Jovovich vampiressa floreale) e stoccate visive niente male (la tenebrosa piscina con le ragazze/clone/poveracce bendate come mummie modello Simone Choule di polanskiana memoria), per poi accartocciarsi in un finale vendicativo macchiavellico che pare la versione rancida di Cenerentola, del "revenge" movie muliebre al risparmio.

    Tra ologrammi a cavaluccio o rubati a Star Wars (la collanina della Roberts che proietta, una volta dischiusa, lei bambina che gioca con il padre), tradimenti, canzonette che nemmeno High School musical, baci lesbo, latte avvelenato (in un sol colpo la Waddington cita Biancaneve e La bella addormentata, nonchè, in chiusura pure Cappuccetto rosso), spregevoli riccastri da sposare contro la propria volontà, pesonaggi ribelli da macchietta (la ragazza cinese sempre imbronciata), melliflue streghe alla Nel fantastico mondo di Oz, inservienti, corpi sostitutivi o doppioni di sè stesse, ragazze sovrappeso e la loro copia fisicamente perfetta, sfarzose Ius primae noctis viste da diversa prospettiva e, forse, una razza aliena che rimodella l'essere umano privandolo della sua vera identità.

    Oltre che bella la Waddington è pure bravina, il gusto estetico non le manca e , tra tanta pomposa opulenza, qualche colpo ben assestato riesce a portarselo a casa (almeno tutta la parte finale, quella che sfocia nel fantahorror).

    Contribuisce la magnifica fotografia di Josu Inchaustegui, che si fa ammirare anche nei momenti dove l'appariscenza si mangia la sostanza.

    Nulla di cui strapparsi i capelli, con più difetti che pregi (c'è pure la fastidiosa CG nel corpo mutante/gordoniano in via di vegetazione della Jovovich, ma non inficia più di tanto), ma un'intrattenimento che, a intermittenza, non si fa disdegnare, e , naturalmente, ben poco è concesso alla carnalità e alla visceralità.

    Favola rosa confetto dai risvolti dark, Serrador in chiave Vogue misto a remasugli da Cioè,  fin troppo femminile e spesso eccessivamente appariscente, dove matriarcato (ohibò la Ellen Burstyn del tanto vituperato remake di The wicker man, che mi veniva in mente) e ribellione vanno a braccetto, in un comparto gineceo stereotipato che stà tra L'educazione fisica delle fanciulle e un video di Lady Gaga.


    Ultima modifica: 29/06/21 17:46 da Buiomega71
  • Discussione Pigro • 17/06/24 09:33
    Consigliere - 1673 interventi
    È uscita la versione italiana, con il titolo italiano (da inserire nella scheda): Le colline del paradiso.
  • Discussione Buiomega71 • 17/06/24 10:19
    Consigliere - 26291 interventi
    Pigro ebbe a dire:
    È uscita la versione italiana, con il titolo italiano (da inserire nella scheda): Le colline del paradiso.

    In realtà la versione italiana è uscita da un bel pò. Al cinema e in blu ray è uscito come PARADISE HILLS, quindi andrebbe mantenuto il titolo originale

    Il titolo italianizzato è una rititolazione
    Ultima modifica: 17/06/24 19:15 da Buiomega71