Mosul - Film (2019)

Mosul
Media utenti
Titolo originale: Mosul
Anno: 2019
Genere: guerra (colore)
Note: Prodotto dai fratelli Russo per Netflix,il film si ispira ad eventi avvenuti nella città irachena di Mosul, caduta in mano ai miliziani dello Stato Islamico nel 2014 e liberata nel 2017 dopo una battaglia durata 9 mesi.
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/11/20 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 29/11/20 14:36 - 12651 commenti

I gusti di Daniela

Prodotta dai registi di Endgame e diretta da un americano: c'era da tenere una visione stelle e strisce della battaglia di Mosul con action-man inscalfibili ma il film invece adotta il punto di vista degli iracheni, impiega attori locali e mira al realismo di una guerra in cui è difficile distinguere l'amico dal nemico, non si fanno prigionieri e non si concede il colpo di grazia. Poche le concessioni allo spettacolo e i momenti di pausa: pregio ma anche limite dato che, salvo un paio di momenti, tra uno scontro e l'altro si stenta a percepire la tragedia della popolazione civile.
MEMORABILE: La tensione sul punto di scoppiare tra iracheni e iraniani sulla consegna di un prigioniero dell'ISIS, sciolta da un atto di violenza inaspettato.

Galbo 31/03/21 19:25 - 12388 commenti

I gusti di Galbo

Una battaglia campale per le sorti del moderno Iraq raccontata in un film che si rifà alla cronaca pura (la guerra contro lo stato islamico del Daesh), senza troppi fronzoli ma con una notevole aderenza alla realtà della cronaca. Per più di un verso ricorda uno dei capolavori di Ridley Scott, Black Hawk Down, per i ritmi serrati e per la cura dell'azione. Meritevole la scelta degli interpreti, tutti rigorosamente arabi. Decisamente pregevole l'ambientazione che riproduce una città in rovina, esausta per un lungo conflitto civile. 

Furetto60 28/02/24 20:00 - 1194 commenti

I gusti di Furetto60

Storia ambientata nella omonima città irachena, teatro della lotta tra l’organizzazione terroristica ISIS e il reparto speciale della SWAT, vista dalla parte di quest’ultima. Opera che potrebbe ricordare, di primo acchito, il più noto Black Hawk Down per l’attenta ricostruzione delle scene belliche, in realtà Mosul se ne discosta presto. L’ambientazione infatti è molto più disperata, incentrata su un ristretto manipolo tenuto assieme dal proprio comandante, tanto logorroico quanto carismatico. Assai crudo, non per tutti.
MEMORABILE: Al membro di Daesh, agonizzante a terra, viene negato anche il colpo di grazia: "Lascialo soffrire".

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina The blessedSpazio vuotoLocandina Tyler RakeSpazio vuotoLocandina Tyler Rake 2Spazio vuotoLocandina Risoluzione 819
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Daniela • 29/11/20 14:42
    Gran Burattinaio - 5926 interventi
    Nel 2019 oltre a questo film è uscito un documentario con lo stesso titolo diretto da Daniel Gabriel che parla anch'esso della battaglia per la liberazione di Mosul svoltasi tra il 2016 e il 2017,
    Qui la scheda su IMDB.