Matrimonio in famiglia - Film (2010)

Matrimonio in famiglia
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Ciò che proprio non va, in MATRIMONIO IN FAMIGLIA, non è tanto la scarsa inventiva del soggetto o della sceneggiatura (quanti ne abbiamo visti in fondo di film che riciclano infinite volte lo stesso copione del matrimonio con i suoceri che si scornano?) quanto l’incapacità di gestire i tempi comici e l’estro di due attori (Forest Whitaker e Carlos Mencia) che avrebbero indubbiamente meritato miglior sorte. Messicani contro afroamericani? In sostanza è così: lo scontro tra culture profondamente diverse genera (o meglio dovrebbe generare) un gran numero di motivi per non andare d’accordo, per offendersi, fin dalla prima volta che le due famiglie si ritrovano faccia a faccia, al ristorante....Leggi tutto E’ soprattutto lei, che non ha detto a suo padre di volersi sposare né di stare con un ragazzo fisso, a provocare attriti con la famiglia, e certo il fatto che il suo “lui” sia di colore non aiuta. Un po’ come INDOVINA CHI VIENE A CENA insomma. Solo che qui la sceneggiatura è scadente e la regia terribilmente ingessata. I dialoghi tra genitori e figli sono quanto di più banale si possa immaginare, ma è soprattutto la povertà delle gag a sorprendere: mai una volta che si riesca a sfruttare a dovere uno spunto simpatico (forse con l’eccezione di Miguel alle prese col bagno ipertecnologico tutto fotocellule), mai un dialogo che brilli, mai il tentativo di uscire nemmeno vagamente dai binari della prevedibilità più assoluta. Whitaker in chiave comica poteva forse funzionare, ma a vedere i risultati non si direbbe proprio e sembra quasi di coglierlo in imbarazzo, in più occasioni. A lui tocca di sostenere l’unico ruolo potenzialmente divertente della famiglia nera, visto che è divorziato e l’amica resta sullo sfondo, mentre Mencia ha il sostegno di una famiglia molto più numerosa in cui l’odiosissima nonna integralista dovrebbe essere una spalla su cui puntare. Invece niente, si arriva persino alle torte in faccia e ai caproni col viagra, per tentare di riagganciarsi inutilmente a una classicità che diventa al contrario prova evidente della totale mancanza d’inventiva. Per fortuna che i meccanismi oliatissimi di un soggetto così rodato qualche risata ancora la strappano, ma era lecito attendersi uno sforzo ben maggiore, da parte degli autori, che invece cercano di mescolare malinconia e simpatia in un quadro deprimente. E che dire delle crisi momentanee tra le coppie più stagionate? C’è un tale eccesso di saccarina nella conclusione di ognuna di esse da uscirne stomacati già dopo la prima mezz’ora. Ben poco da salvare, in definitiva, per un film sbagliato e che si salva dal tracollo solo perché ripercorre pedissequamente una formula che, indubbiamente, ancora funziona.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/07/10 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 29/07/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 28/07/10 13:42 - 7294 commenti

I gusti di Rambo90

Un ragazzo nero e una ragazza messicana decidono di sposarsi; non hanno ovviamente fatto i conti con le rispettive famiglie e l'astio che nasce fra i due padri. Commedia americana (ma in realtà sembra un incrocio fra Totò, Fabrizi e i giovani d'oggi e Matrimonio alle Bahamas) che alterna momenti molto divertenti (i vari battibecchi fra Whitaker e Mencia) e altri troppo sdolcinati e banali. Comunque un divertimento innocuo, godibile ma non troppo eccezionale. Bravissimi i due protagonisti.
MEMORABILE: La capra che mangia il Viagra con esiti immaginabili.

Markus 29/07/10 09:16 - 3577 commenti

I gusti di Markus

Sceneggiatura spolpata in numerosi film, ma quello che qui non funziona è la regia, che risulta incapace di cogliere le innumerevoli situazioni comiche: non si rispettano i tempi, gli attori sono mal gestiti e, per finire, il finale è davvero rivoltante. Un trionfo di buoni sentimenti e, nell'intento, un film d'integrazione razziale (neri e messicani), ma lo si fa collocando le due etnie in un contesto dubbiosamente agiato.

Galbo 13/10/10 05:57 - 12066 commenti

I gusti di Galbo

Ennesimo film sui preparativi per un matrimonio tra le generali incomprensioni delle famiglie dei promessi sposi: un tema stra-abusato al cinema e per il quale questo Matrimonio in famiglia non aggiunge nulla di nuovo, né riesce a valorizzare il potenziale messo a disposizione da un discreto cast, a cominciare da Forest Whitaker, che appare francamente sprecato. Veramente pochi gli spunti divertenti e anche questi non adeguatamente valorizzati.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 13/06/11 01:00
    Vice capo scrivano - 21549 interventi
    Disponibile in edizione dvd dal 22/06/2011 per 20th Century Fox: