Mamma mia! Ci risiamo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Il problema principale del film è il non aver potuto attingere allo stesso serbatoio di classici del pop inseriti nel numero 1. Per non compiere cioè una ridicola operazione prossima al remake, si è deciso di utilizzare per il sequel i brani degli Abba rimasti esclusi dalla precedente operazione. Che sono i meno noti, va da sé. Non potendo tuttavia ricorrere solo agli "scarti" (in alcuni casi comunque brani di ottima caratura e celebri, come "One of Us"), il rispolvero di cavalli di battaglia come "Mamma Mia", "Waterloo" o "Dancing Queen" è inevitabile. Interessante la scelta di spezzare in due la narrazione lasciando che prosegua alternando passato e presente: nel passato le avventure...Leggi tutto amorose della giovane Donna (James) che, laureatasi a Oxford nel 1979, arriva sull'isola greca di Kalokiri dove conoscerà i tre ragazzi destinati a diventare i tre possibili padri di sua figlia Sophie; nel presente invece le vicende proprio di Sophie (Seyfried) che, decisa a ristrutturare la taverna dove aveva cantato sua madre, organizza per la riapertura una grande festa alla quale sono invitati anche i tre padri ormai invecchiati, ovvero quelli che già avevamo conosciuto nel film originale (Brosnan, Skarsgård e Firth). La narrazione a doppio binario è ben orchestrata, il clima assolutamente spensierato - amplificato dalle belle panoramiche sul mare e da una fotografia dai colori ipersaturi - funziona ancora e tutto sommato, per quanto la magia del primo film risulti irripetibile, ci si può accontentare. Naturalmente l'impatto non può più essere trascinante allo stesso modo, mancando molti riempipista intramontabili sostituiti da brani più anonimi e mancando un'autentica mattatrice come Meryl Streep (si concede giusto un cameo finale in chiesa cantando con la Seyfried “My Love, My Life”). c'è però nel "presente" il valore aggiunto di Cher, settantenne con la pelle spaventosamente liscia la quale, grazie alla sua inconfondibile voce, ci regala una bella re-interpretazione di "Fernando" partecipando poi al finale di "Super-Trouper". Simpatico Andy Garcia, pur defilato, che fa innamorare le due vecchie amiche della scomparsa Donna (la Streep non ha replicato, come detto) e di nuovo valido il lavoro su scenografie e coreografie. In quella che è una sorta di versione "giovane" del primo film (protagoniste sono la James per il passato e la Seyfried per il presente) la formula è insomma replicata con discreto gusto, la regia di Ol Parker (più noto come sceneggiatore, e infatti la storia è farina del suo sacco) regge, l'ingranaggio è furbescamente architettato per rendere sufficientemente intrigante l'intreccio e, per quanto tutto si fermi ovviamente in superficie, chi ama gli Abba può ancora apprezzare.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/09/18 DAL BENEMERITO DEEPRED89 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 9/01/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 2/09/18 01:13 - 3343 commenti

I gusti di Deepred89

Donna, in vacanza in una raggiante isola greca, si concede all'incirca a ogni coetaneo che le rivolge la parola, il tutto rievocato dalla figlia tramite flashback. Potrebbe essere la trama di un Joe D'Amato anni Ottanta, ma al posto delle copule abbiamo le canzoni degli Abba che rendono il film perlomeno piacevole all'ascolto nonostante il vuoto cosmico nel quale ondeggia. Lily James francamente insopportabile, numeri musicali nemmeno così eclatanti; si salvano la solare fotografia e le belle ambientazioni.

124c 10/09/18 00:49 - 2796 commenti

I gusti di 124c

"Mamma mia che perdita di tempo", si potrebbe intitolare. Non sperate di godervi Meryl Streep che, nuovamente, intona le canzoni degli Abba: al suo posto c'è Lili James, che fa il suo personaggio da giovane, in flashback spostati dall'originale 1969 al 1979 (poveretta, le hanno chiesto di cantare i brani meno noti del gruppo, anche se intona con le amiche "Mamma Mia"). La new entry Andy Garcia pare uscito dallo spot dell'amaro Averna, ma canta bene "Fernando" con "nonna" Cher.

Alexpi94 16/09/18 03:16 - 186 commenti

I gusti di Alexpi94

Molto fiacco e deludente, senza una vera e propria trama e decisamente meno simpatico del precedente film (qui prevale un'atmosfera triste e malinconica per via della defunta protagonista). Lily James (la giovane Donna) pare insostenibile ed eccessiva: per tutto il film starnazza, ride ed esulta come un tifoso allo stadio; ci si può consolare con gli attori presi in prestito dal capostipite. Belle canzoni degli Abba, incantevoli location e il buon livello estetico lo rendono quasi guardabile.
MEMORABILE: La scena in chiesa (con la Streep) e la comparsata (a inizio film) di Björn Ulvaeus (cantante degli Abba) nel ruolo di un professore.

Taxius 25/09/18 14:30 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Triste e deludente sequel di Mamma mia! che perde la sua figura più importante e carismatica, ovvero Meryl Streep, sostituita da Lily James che interpreta il suo personaggio da giovane. La trama non esiste e il film è un collage di video musicali montati a caso e male. Meglio le scene ambientate nei flashback mentre quelle nel presente, col cast originale, appaiono troppo tristi e malinconiche, in pieno contrasto con lo spirito della pellicola. Il tutto si rialza nei minuti finali con l'entrata in scena di Cher, ma ormai è tardi. Mediocre.
MEMORABILE: Cher che canta "Fernando"; I titoli di coda con tutto il cast.

Belfagor 15/10/18 23:34 - 2632 commenti

I gusti di Belfagor

Il tentativo di doppiare il successo del primo film era una sfida persa in partenza per diversi motivi: le canzoni rimaste sono fra le meno conosciute degli Abba, l'atmosfera da riunione familiare è guastata dall'assenza della Streep e i salti temporali tolgono mordente a una trama già debole di suo. Anche se non aggiunge nulla, tuttavia, non è un brutto film: le ambientazioni greche sono incantevoli, il cast sembra ancora divertirsi e i brani si ascoltano volentieri. Le parti leggere si apprezzano molto di più rispetto a quelle drammatiche.
MEMORABILE: "Why Did It Have To Be Me"; Cher e Andy Garcia cantano "Fernando"; L'apparizione di Donna nella chiesa.

Galbo 13/05/19 14:05 - 11549 commenti

I gusti di Galbo

Un’operazione rischiosa (un sequel di un musical di grande successo che era stato abbondantemente “spremuto” ab initio), da vita ad una pellicola mediocre che si dimentica in fretta. La caratura musicale è debole e soprattutto manca (a parte una partecipazione che si riduce a poco più di un cameo) la Streep, sostituita da una Lily James il cui confronto con la grande attrice americana è impietoso. I momenti più godibili li regala Cher che almeno sfodera l’auto ironia che si confà perfettamente ad un film del genere. Evitabile.

Michdasv 26/01/21 11:21 - 12 commenti

I gusti di Michdasv

Quasi meglio del precedente. Il cast dei "giovani" è perfetto (poco noti e perciò ideali per la parte), il cast dei “vecchi” qui legnoso e talmente inadatto a canto e ballo (!) da scherzarci su. Chi lo guarda per la prima volta non può sapere quali attori (dopo dieci anni) saranno assenti… così alcuni  entrano in scena molto tardi e quasi a sorpresa (certo, mai come… altri). La trama svela il percorso di Donna e i tre incontri in maniera leggiera (con un pizzico di malinconia) in un’atmosfera di una “Grecia” (Croazia) da sogno. Bravissima Lily James, le due ragazze e i tre ragazzi.
MEMORABILE: La canzone (Abba!) “Kisses of Fire” cantata malamente dal greco Lazaros; Le tre canzoni dei tre incontri tra Lily e ciascuno dei ragazzi.

Amanda Seyfried HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 10/12/18 12:26
    Scrivano - 9698 interventi
    Disponibile in DVD e BR dal 27 novembre 2018 per Universal Home Entertainment.
  • Discussione Michdasv • 25/01/21 10:20
    Galoppino - 25 interventi
    curiosità: I due compositori appaiono in un cameo ciascuno (esattamente come era già accaduto nel precedente film).
    il Chitarrista Bjorn Ulvaeus rimane in scena alcuni minuti nelle vesti di un professore alla consegna dei diplomi (seduto, senza battute).
    il Pianista Benny Andersson suona - ovviamente - il pianoforte nel ristorante parigino in cui si canta la canzone Waterloo.
    Le due cantanti come è noto si sono ritirate dalla scena pubblica molti anni fa.
    Ultima modifica: 25/01/21 10:41 da Michdasv
  • Discussione Zender • 25/01/21 14:39
    Consigliere - 44129 interventi
    Hai i fotogrammi in cui si vedono?