L'altra faccia dell'amore

Media utenti
Titolo originale: The music lovers
Anno: 1970
Genere: biografico (colore)
Note: Basato sulla musica e la vita di Tchaikovsky.
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/03/10 DAL BENEMERITO LUCIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 16/03/10 16:14 - 2948 commenti

I gusti di Lucius

Ken Russell racconta in maniera eccelsa e con la visionarietà che lo contraddistingue una storia d'amore unilaterale impossibile: il ritratto di Chaikovskij in una struggente biografia messa in scena con onestà intellettuale e perfetto realismo. A volte innamorarsi della persona "sbagliata" porta gravi consequenze... All'epoca sgomentò critica e pubblico. Grande cinema.

Kanon 19/05/10 19:12 - 602 commenti

I gusti di Kanon

Intensa interpretazione di Chamberlain nel dare fattezze alla vita tormentata e ricca di successi di Tchaikovsky. L'omossessualità, il rapporto con la sua mecenate, con l'impossibile amore etero, il ricordo ricorrente della madre, la sua musica. Tutto incorniciato in splendide ricostruzioni d'epoca e ottime location, con il supporto del talento visivo di Russell che fanno di questo film una gioia per le orecchie e per gli occhi, senza pacchianerie ed esagerazioni da Lisztomania. Cult e consigliato.

Pigro 31/03/11 15:21 - 8561 commenti

I gusti di Pigro

Non una biografia di Ciaikovski ma semmai uno scavo in profondità nella sua vita interiore, attraverso le armi della febbrile e ruvida visionarietà di Russell. L'omosessualità del compositore, la morte della madre, la relazione a distanza con la sua mecenate, il matrimonio sciagurato (con una luciferina Jackson): vere ossessioni, descritte per folgorazioni narrative e sequenze talvolta allucinate, in cui musica e immagini si fondono appassionatamente. Un film sinfonico da udire/vedere, travolti dal genio irrequieto del grande russo.

Cotola 8/05/11 11:07 - 8109 commenti

I gusti di Cotola

La prima biografia musicale di Russell mostra già appieno le caratteristiche stilistiche del regista: barocco, visionario, eccessivo, sopra le righe e tanto altro ancora. Chi cerca sobrietà e raffinatezza alla Visconti ne stia alla larga, gli altri troveranno appagamento lasciandosi travolgere dal turbinio di immagini che si fondono perfettamente con la musica dell'eccelso compositore russo di cui viene ricostruita in maniera abbastanza attendibile la vita. All'epoca un pugno nell'occhio, oggi comunque un discreto film.

Buiomega71 30/08/11 11:00 - 2496 commenti

I gusti di Buiomega71

Febbrile, fiammeggiante, abbacicante, il primo vero delirio russeliano. La biografia del compositore è solo un mero pretesto per far sì che il folletto inglese dia sfogo ai suoi deliri visivi. Immerso in una fotografia calda e fascinosa, con un clima angosciante e surreale, tra amori tormentati, malattie e follia. Il finale nel manicomio è un assaggio di quello che Ken farà, di lì a poco, con I diavoli. Chi cerca una biografia "lineare" verrà sistematicamente deluso, o magari piacevolmente sorpreso. Un po' invecchiato, ma ancora sorprendente.
MEMORABILE: La delirante e surreale festa in piazza, puramente russeliana; il finale nel manicomio; la malattia di Chamberlain; il vagone letto.

Giacomovie 7/08/13 22:35 - 1369 commenti

I gusti di Giacomovie

Pellicola di grande forza, sia visiva che visionaria. Ma anche drammatica, psicologica e musicale. La vita di Tchaikovsky, uno dei musicisti più amati e melodici, viene narrata con fedeltà biografica e arricchita con accostamenti immaginativi. Emergono con chiarezza i suoi desideri, le sue tendenze e i suoi tormenti, a volte anche strazianti. Ogni abbinamento musicale è azzeccato e accompagna la scena amplificando l’emotività della situazione. Un film pieno di anima dal quale emerge una piena affinità tra Ken Russell e il compositore. ****

Daniela 5/06/14 14:43 - 10916 commenti

I gusti di Daniela

Biopic liberamente ispirato alla vita di Tchaikovsky, di cui ripercorre gli anni dalle prime affermazioni al successo fino alla tragica fine, seguendo il filo rosso del trauma legato alla morte della madre, delle pulsioni sessuali represse, dell'insofferenza verso le convenzioni sociali del tempo. Film onirico, eccessivo, barocco come le altre cine-biografie di Russell, ma con una fusione fra musica ed immagini più felice che altrove: non esente da kitsch, certo, ma appassionato ed innovativo, un caposaldo del genere.

Fulleffect 18/10/21 12:05 - 106 commenti

I gusti di Fulleffect

Se si è alla ricerca della più precisa attendibilità storica, meglio stare lontani dai film biografici di Russell. Infatti, nel raccontare la storia del celebre compositore Tchaikovsky, il regista non si fa problemi a modificare parte degli eventi reali donando al protagonista una personalità che non sembra essere storicamente accurata. Attendibile o no, la psicologia del personaggio è ottimamente sviluppata con particolare attenzione all'aspetto psicoanalitico, in più scenografie e costumi sono di superba fattura. Perfetta l'integrazione delle musiche con le scene oniriche.
MEMORABILE: La prima esibizione in cui vari spettatori fantasticano sul loro futuro.

Kenneth Colley HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 20/10/12 14:06
    Portaborse - 3291 interventi
    Dvd della Flamingo Video disponibile dal 12/12/2012.
  • Homevideo Buiomega71 • 20/10/12 14:13
    Pianificazione e progetti - 23327 interventi
    Uno dei migliori dello zio Ken, finalmente in dvd!
  • Homevideo Rebis • 20/10/12 14:14
    Contatti col mondo - 4325 interventi
    Ah, finalmente!
  • Discussione Buiomega71 • 17/11/21 22:56
    Pianificazione e progetti - 23327 interventi
    Apertamente citato da Bret Easton Ellis in American psycho, nei deliranti discorsi interiori di Patrick Bateman, mentre immagina la notte di nozze tra Luis Carruthers e Courtney: "Una luna di miele da incubo, come in quel film di Ken Russell su Cajkovskij" (pagina 202).
    Ultima modifica: 17/11/21 22:56 da Buiomega71