Due giorni senza respiro

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Quasi un aggiornamento noir e ironico degli SHORT CUTS di Altman (da noi AMERICA OGGI), 2 DAYS IN THE VALLEY ha anch'esso dalla sua un cast folto di nomi celebri - da James Spader (il killer spietato) alla splendida Charlize Theron (sempre in completini aderenti mozzafiato), dal simpatico Danny Aiello (un gangster da quattro soldi) al rosso Eric Stoltz (il poliziotto della buoncostume), dal regista (anche nella vita) Paul Mazursky (è l'aspirante suicida) al barbone Jeff Daniels fino ad arrivare a una serie di “partecipazioni straordinarie” di buona levatura. Il regista e sceneggiatore John Herzfeld tesse il suo bizzarro intreccio con una discreta dose di humor (che meglio di tutti...Leggi tutto sa interpretare Danny Aiello), però spesso si concede a toni banali da commedia nera molto “up to date” (il riferimento principale è sempre l’inarrivabile Quentin Tarantino), con frustrate ambizioni da opera curata soprattutto musicalmente (ma spesso la colonna sonora stona con le immagini). Non è un film spiacevole: gli attori sono ben diretti, le situazioni a volte curiose e intriganti, ma la sceneggiatura e i dialoghi non sanno pungere e in fondo anche le storie, che poi finiranno inevitabilmente con l’intrecciarsi tutte, sembrano solo abbozzate, con personaggi sovente caricaturali che sconfinano nella macchietta. La sensazione è quella di un modesto noir solare incapace di staccarsi dalla massa di prodotti consimili, nonostante alcune trovate funzionino innegabilmente (Spader che prima di uccidere concede sempre un minuto cronometrato alle sue vittime...). Discreto.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Patrick78 16/01/09 14:20 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Poco coincolgente commedia nera che vorrebbe imitare i film di Altman (America oggi) ed invece non coglie nel segno. Un cast notevole è sprecato in una sceneggiatura piena di lughi comuni e da una regia anonima. Herzfeld non si capisce mai dove voglia arrivare ed anche nelle poche buone idee, rovina tutto con dialoghi davvero risibili. L'unico personaggio di valore sembra essere Spader nella parte di uno psicopatico killer con cronometro, mentre Aiello con parrucca semovibile farebbe bene a far pizze per davvero. Sprecata la Theron di bianco svestita.

Galbo 17/05/17 05:51 - 11766 commenti

I gusti di Galbo

La valle del titolo originale è la californiana San Fernando, scenario di una vicenda in cui si incrociano numerosi personaggi. Lo stile e le caratterizzazioni ricordano Tarantino, l'incrocio delle storie Altman, anche se la trama è specie inizialmente piuttosto confusa. Il film non annoia anche per il buon ritmo impresso dal montaggio e gli improvvisi cambiamenti di tono. Assai nutrito il cast, in cui troviamo Danny Aiello valido protagonista e una giovanissima Charlize Theron. Non male, anche se non molto originale.

John Herzfeld HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.