Detective

Media utenti
Titolo originale: Detective
Anno: 1985
Genere: gangster/noir (colore)
Note: E' il primo film di Godard girato in Dolby surround. Dedicato a Samuel Fuller, John Cassavetes e Clint Eastwood. In piccoli ruoli vi sono anche due giovanissime Julie Delphy e Emanuelle Seigner (quasi sempre nuda...)
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/02/08 DAL BENEMERITO G.GODARDI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 19/02/08 16:52 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

In un lussuoso albergo parigino si intrecciano le vicende di diversi personaggi: una famiglia di detective, una coppia in crisi, un mafioso e un impresario sportivo. Film nato su commissione di Alan Saird (suo è il soggetto) ma astutamente smontato e rimontato da Godard in un divertentissimo (almeno per chi scrive) omaggio al polar (ma soprattutto al cinema di serie b) e di critica alla macchina cinema in generale. Citazioni e autocitazioni a non finire. Pulp fiction è nato anche da qui (vi è pure un incontro di boxe). Da vedere, ma soprattutto rivedere.

Cotola 26/07/08 18:55 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Atipico film noir, in pieno stile Godard, a base di detective, mafia, musica classica, tette, pugili, poesie, libri in quantità e molto altro. Non un grande lavoro del cineasta francese e tuttavia a tratti abbastanza divertente (specie nel citazionismo) ed anche interessante nelle sue "escursioni" metacinematografiche. In definitiva un po' deludente.

Saintgifts 6/01/15 11:11 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il cinema di Godard è per palati di un certo tipo; non dico fini perché non vorrei escludere nessuno, ma diciamo che è un cinema non troppo convenzionale. Così è anche per questo Detective, titolo che non viene da una coppia di protagonisti (ce ne sono tanti altri) ma più dalla voglia di indagare di Godard stesso; che lo fa comodamente, inserendo i personaggi all'interno di un hotel parigino dove gli basta spostarsi all'interno dei vari ambienti per dipanare l'ingarbugliata vicenda. L'omaggio alla bellezza femminile non manca; erotismo falsamente ingenuo.
MEMORABILE: Ah il seno delle fanciulle... il denaro degli uomini; Un campione combatte sempre contro se stesso.

Bubobubo 3/08/20 10:21 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Declinando con spirito goliardico le velleità concettuali del proprio cinema, grazie ad un approccio meno cerebrale e farraginoso del solito, Godard gioca con i topoi narrativi del noir ribaltando l'assunto portante (l'indagine su un misterioso fatto di sangue avvenuto un paio d'anni prima in un elegante hotel parigino) e inscenando una raggiera di surreali incontri-scontri tra grottesche macchiette umane. Il divertimento rimane quasi tutto confinato nella testa e mai si irradia alla pancia, ma l'esperimento è complessivamente riuscito: merito anche degli scoppiettanti 5' finali.

Thedude94 17/08/20 16:49 - 565 commenti

I gusti di Thedude94

Godard cerca di essere come al solito originale e citazionista allo stesso tempo puntando in questo caso sul cinema giallo/noir, mettendo in scena una surreale storia di tre improvvisati detective che indagano su un omicidio passato avvenuto in hotel. Tra inquadrature meravigliose, una fotografia ottima e una colonna sonora insistente, la sceneggiatura scorre tra colpi di scena e situazioni al limite del reale. L'unica pecca è la difficile comprensione di alcuni momenti, ma in generale il film riesce a farti entrare in un certo tipo di atmosfera investigativa molto interessante.

Pinhead80 20/08/20 20:30 - 3951 commenti

I gusti di Pinhead80

Jean-Luc Godard mette in scena questo assurdo noir che evidenzia grande presunzione artistica. Quasi impossibile riuscire a comprendere alla prima la trama, composta da tutta una serie di scene che confondono e non aiutano mai a chiarire la vicenda. Citazioni a non finire e continui cambi di prospettiva disorientano senza soluzione di continuità lo spettatore costretto a sorbirsi un'ora e mezza di vera e propria confusione. Si salvano la splendida fotografia e la candida bellezza di Julie Delpy; il resto è di una noia mortale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 15/04/10 00:23
    Scrivano - 7630 interventi
    Definizione del cinema incognito secondo Godard
    Citazione dal film

    Ragazza:
    - Perchè in Francia i film porno sono indicati con una x?
    Ehi, perché x?
    X è un simbolo matematico....

    Uomo:
    - Appunto.

    Ragazza:
    - Ah, sì.... l'incognita....