Death factory - Film (2002)

Death factory

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/04/20 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 20/04/20 00:45 - 2960 commenti

I gusti di Buiomega71

Horroretto semiamatoriale girato ignobilmente in video. Le solite cianfrusaglie da slasher usa e getta, qualche splatterata (gole recise a morsi e sprizzi di plasma) mal riuscita, una location squallidamente attaccata con lo sputo e neppure gli sfx di Ron Karkoska appaiono divertenti. La creatura della Shepis (Alexa), poi, è un poveristico mix tra Edward mani di forbice e la Tassoni di Dèmoni 2 e nemmeno il "mostruoso" make up riesce a nascondere le sue grazie sexy. Il colpo di scena parentale non risolleva dalla noia. Realizzato in sei giorni e si vede.
MEMORABILE: Alexa che si muove sinuosa in tenuta da spogliarellista e imbracatura agli arti inferiori; La sconcertante baracca spacciata per laboratorio.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Eyes of fireSpazio vuotoLocandina Freeway maniacSpazio vuotoLocandina Fatal exposureSpazio vuotoLocandina Echoes
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Buiomega71 • 20/04/20 09:49
    Consigliere - 26293 interventi
    Miserissimo horroretto semiamatoriale girato schifosamente in video, prodotto dall'infame Darrin Ramage per la sua casa di produzione Braindamage, responsabile dei più trashosi e infimi horror usa e getta mai prodotti.

    Consistenza filmica degna di un porno, location squallidissime e attaccate con lo sputo (un baracca dovrebbe rappresentare una fabbrica e un laboratorio di medicina nucleare(!) dove si svolgevano strani esperimenti), regia pedestre e le solite situazioni da slasher da discount, con il solito gruppo di amici che và a far festa nel luogo abbandonato, dimora di una creatura mostruosa assetata di sangue.

    Nemmeno gli sfx di Ron Karkoska risultano divertenti, e lo splatter si riduce a qualche morsicata sul collo con carne strappata, sangue fintissimo che sprizza e ravanate artigliose nello stomaco delle sventurate vittime.

    Il make up della "mostruosa" Alexa, poi, non riesce a nascondere le grazie sexy di Tiffany Shepis, una specie di poveritisco mix tra Edward mani di forbice e la Coralina Cataldi Tassoni di Dèmoni 2, che si muove sinuosa e affamata tra le mura della fabbrica abbandonata, in una mise da spogliarellista e gambe serrate da un imbracatura che anticipa, involontariamente, Fragile e che fanno il verso alla Rosanna Arquette di Crash

    Anche l'idea che la sanguinosa minaccia sia una ragazza mutante "deforme" e non il solito energumeno ammazzatutti è mal sfruttata, così come il colpo di scena parentale verso la fine.

    Cameo del simpatico Ron Jeremy (un barbone che trova riparo nell'edificio abbandonato e mal gliene incoglie) e chiusa ospedaliera che omaggia il primo Venerdì 13 (Allora è ancora là).

    Ma è troppo noioso e messo giù malissimo per destare qualche guizzo e manca totalmente di quel godibile trashume e di quella vena di sana follia che aveva brillato in The witch's sabbath (altra produzione dell'ignobile Braindamage).

    Sykes (nessunissima parentela con il ben più illustre Peter) pare sia una specie di reuccio di questo tipo di z-movie, che da assistente di Ridley Scott è passato a girare stè porcherie quì.

    La Shepis è comunque sempre un bel vedere, anche con dentoni alla Dèmoni, imbratta di sangue, armata di forbicioni alle mani e con i catarifrangenti agli occhi.

    A poco servono le atmosfere di ritorno dei b-movie ottantiani, alle quali Sykes pare ricollegarsi (su tutti La notte dei demoni) senza troppo successo.

    Il filmaccio ha avuto un certo richiamo nel noleggio dei dvd da parte dei nerds amanti di questo tipo di horroracci, tanto da produrne un sequel The death factory bloodletting di tal Sean Tretta (2008), dove, però, la sexy e letale mutante sanguinaria non è più impersonata da Tiffany Shepis (ahi, ahi...).

    Realizzato in sei giorni e si vede.
    Ultima modifica: 20/04/20 18:00 da Buiomega71