Cambio tutto!

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2020
Genere: commedia (colore)
Note: Remake del film cileno "Sin filtro" (2016), rifatto in Spagna, Panama, Argentina e Messico con titoli differenti.
Numero commenti presenti: 14
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Se è pur vero che non si capisce perché per un'idea tanto elementare e certamente non nuova si sia dovuti ricorrere a un remake, è difficile invece non rilevare, nella costruzione della vicenda e dei personaggi e in certe idee in sceneggiatura, quei particolari che distinguono una commedia curata dalle troppe che nascono senza una direzione vera e prive di sviluppi appena più ricercati della media. La storia è quella di Giulia (Lodovini), quarantunenne che tende a sacrificarsi per chi la circonda e a subire torti che basterebbe forse poco a raddrizzare: convive con un pittore (Abbrescia) che da anni di fatto mantiene insieme al di lui figlio “spacciatore”, lavora come responsabile marketing...Leggi tutto in un'azienda che ha appena assunto, per farle da supervisor, una influencer (Perri) fatua e petulante, ha amiche in apparenza del tutto disinteressate a lei, un ex (De Rienzo) che la consola ma senza spina dorsale, un vicino di casa (Nocella) organizzatore di interminabili feste notturne che le disturbano il sonno e una bilancia che non vuol saperne di scendere sotto i 70. Una situazione faticosamente sostenibile che la donna decide di provare a combattere consultando uno specialista in medicina olistica (Marcorè), perfetta incarnazione di tranquillità trascendente che le prescrive solo poche gocce da usare al manifestarsi di uno dei suoi frequenti attacchi di panico. Quando Giulia le assumerà, le sue reazioni cambieranno drasticamente portandola a prendersi qualche rivincita (non senza conseguenze). Un giorno di ordinaria follia passato a togliersi i sassolini dalle scarpe e riacquistando una forza interiore dimenticata, a metà tra le gag da commedia italiana più tipica (perché no?), qualche accenno a situazioni meno regionaliste (la figura dell'influencer demente) e una descrizione piuttosto centrata dell'ambiente in cui la protagonista si muove. Lei, la Lodovini, ha d'altra parte la faccia giusta anche senza la necessità di esibirsi in una performance memorabile. Sfruttando la bella spontaneità e una piacevole varietà espressiva sa mostrarsi convincente in entrambe le varianti ("buona" e "cattiva") aiutata da comprimari che la assistono a dovere: Abbrescia è tenero quanto a volte indisponente, De Rienzo offre la caratterizzazione più sfaccettata e autentica come figura chiave nell'evoluzione di Giulia, Marcorè è sornione al punto giusto come guru placido e insinuante, Pisani simpatico come proprietario d'azienda vacuo poco meno di una Perri che si fa icona caricaturale di certe imbecillaggini “social”. A Guido Chiesa il merito di dirigere con i ritmi giusti mantenendo la vivacità di una sceneggiatura che si intuisce come fluisca bene grazie alle basi solide del prototipo cileno. Difficile evitare alcune banalizzazioni nel ricorso a stereotipi utili a generare qualche risata (si veda il vicino interpretato da Nocella), ma nel complesso il film offre uno spaccato sufficientemente plausibile del mondo che racconta (pur con le ovvie esagerazioni figlie del genere di appartenenza) consegnandoci un finale meno scontato e consolatorio del consueto. Pur senza troppo brillare, insomma, il film garantisce un intrattenimento accettabile.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/06/20 DAL BENEMERITO ZOLTAN POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/06/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 20/06/20 11:25 - 3364 commenti

I gusti di Markus

Il cinema italiano "costretto" a realizzare un remake di un film cileno, Sin filtro, fa un po' impressione. Ingoiata l'ennesima mandorla amara, resta una graziosissima commedia in rosa, che affronta con dinamico senso del ritmo gli scontri sociali d'una donna d'oggi sui quarant'anni, quell'età in bilico tra "antico" e contemporaneo spesso non appieno compreso. L’happy end aleggia però nell’aria. Guido Chiesa non fa altro che indirizzare la sexy rediviva Valentina Lodovini (sui trent'anni ebbe un exploit, per poi scomparire un po' di scena) in una copia di Paz Bascuñán.  

Zoltan 19/06/20 15:18 - 201 commenti

I gusti di Zoltan

Cambio tutto, ma nel cinema italiano non cambia niente. Dietro una regia apparentemente brillante e un montaggio veloce (che però per metà film è snervante) ci sono situazioni poco coraggiose e personaggi stereotipati. Il film ha un sussulto solo nella fase centrale, ma inizia molto male per la costruzione poco creativa delle scene (che mostrano personaggi fastidiosi senza provare la strada della gag) e chiude spegnendosi sul solito banale happy ending. La Lodovini sembra in parte, ma il film non preme a fondo sul possibile tasto della ribellione quasi femminista.

Rambo90 19/06/20 17:04 - 6514 commenti

I gusti di Rambo90

Gradevole, dalla trama semplice (assurdo pensare si sia ricorsi addirittura al remake) ma che scorre piacevole, soprattutto grazie all'ottima performance della Lodovini, che finalmente si ritaglia uno spazio da protagonista assoluta. Ci sono vari momenti divertenti, aiutati da una regia se non particolarmente adatta al cinema almeno svelta e dal taglio europeo. Si lascia andare un pochino verso la fine, quando i nodi si sciolgono in maniera forse troppo repentina, ma lascia una buona sensazione di simpatia.

Galbo 19/06/20 20:08 - 11516 commenti

I gusti di Galbo

Giulia, impiegata quarantenne vive un momento di crisi nel lavoro e nella vita privata e cerca una via d’uscita. Commedia di Guido Chiesa che parte da un personaggio in cui è facile immedesimarsi e a cui presta il volto la brava e affascinante Valentina Lodovini a suo agio con i tempi della commedia. Il film ha momenti divertenti anche se è discontinuo e limitato da una sceneggiatura cui non mancano i luoghi comuni e da personaggi secondari poco interessanti peraltro interpretati in modo convenzionale. 

Urraghe 20/06/20 16:51 - 67 commenti

I gusti di Urraghe

Commedia scontata di una donna prima compressa da lavoro/colleghi/famiglia/affetti/condominio che prende coscienza di se stessa fino a ritrovare una propria identità. Il film naviga tra scene imbarazzanti (quella della futura moglie dell’amico del cuore nel parcheggio) e altre tristemente stereotipate. Regia spezzettata come in una serie televisiva. Attori sinceramente molto sotto tono, sceneggiatura macchiettistica e musica inesistente.

Daniela 23/06/20 11:26 - 9822 commenti

I gusti di Daniela

Impiegata quarantenne molto stressata sia nella vita lavorativa che in quella privata, cambia il proprio atteggiamento da remissivo a battagliero dopo l'incontro con un guru olistico... Film che punta sulla facilità con cui si può empatizzare con la protagonista (chi non avrebbe mai voluto poter dare libero sfogo alla propria rabbia repressa di fronte ad un torto o una sgarberia?) ma procede col freno a mano tirato, senza sfruttare le potenzialità comico/satiriche del soggetto. Anche il cast, a parte la brava Ludovini, non è utilizzato al meglio. Risultato così così.  

Gabrius79 25/06/20 22:27 - 1215 commenti

I gusti di Gabrius79

Remake di un film cileno che serve a trascorrere un’ora e mezzo nel più totale disimpegno regalando alcuni momenti simpatici grazie a una bella e brava Valentina Lodovini. I personaggi di contorno non sono mai però centrati a fuoco e creano poca empatia (ad eccezione di Abbrescia, che peró appare poco). Non ci si annoia, ma alla fine rimane quel senso di delusione perché forse la sceneggiatura poteva essere sviluppata meglio.

Lou 18/07/20 15:25 - 999 commenti

I gusti di Lou

La Lodovini è una quarantenne in crisi che decide finalmente di reagire allo sfruttamento subito in ambito familiare e lavorativo, e per farlo si appoggia a un improbabile guru olistico interpretato da Marcorè. Commedia leggera, che offre un buon ritmo e qualche sana risata, anche se si poteva provare ad essere più efficaci e originali, su un tema già molto sfruttato.

Paulaster 23/08/20 10:44 - 2911 commenti

I gusti di Paulaster

Quarantenne sotto pressione rimette ordine nella sua vita. Il personaggio della Lodovini è anche disegnato bene, subisce e si ribella alla sua vita opprimente; è la sceneggiatura però che manca di linearità e in alcuni frangenti è di una pochezza imbarazzante. La giovane influencer, il vicino di casa, il vigile, la promessa sposa, affossano ciò che di discreto ci sarebbe. Anche il finale è decisamente scarsino (e ovvio). Neri Marcorè e Abbrescia danno un po' di sostanza alle seconde linee.
MEMORABILE: Il tecnico di internet; Il gatto morto; Abbrescia mollato; La cassa precipitata sullo scooter.

Leandrino 2/09/20 11:32 - 74 commenti

I gusti di Leandrino

Valentina Lodovini è la brava interprete di questa commediola ben cadenzata ma carente di gag realmente divertenti; meritevole il tentativo di riabilitare la figura della donna in un mondo appannaggio del segno opposto, cosa che strappa qualche sorriso di incoraggiamento e non di più. Buona la regia di Chiesa, il resto del cast altalenante: sottotono De Rienzo (al di là del ruolo), meglio l'egocentrico Abbrescia, simpatico ma fin troppo "familiare" Marcorè. Si gusta tutto sommato abbastanza bene, se accompagnato da una dose minima di pretese.

Nicola Nocella HA RECITATO ANCHE IN...

Tarabas 5/09/20 21:27 - 1735 commenti

I gusti di Tarabas

Frustrata da mille insoddisfazioni, Giulia scopre che a volte è meglio lasciarsi andare e cambia tutto. L’assunto di base non è particolarmente sofisticato e la storia è abbastanza ovvia, ma il film è piacevole. Brava la protagonista, una Lodovini molto in parte, e anche il resto del cast. Nulla di trascendentale, ma diverte e questo era lo scopo dell’operazione.

Ultimo 27/11/20 11:03 - 1407 commenti

I gusti di Ultimo

Una commedia divertente ben riuscita grazie alla buona prova della Lodovini nei panni di una quarantenne che cerca di dare una svolta alla propria vita, sia privata che lavorativa. Non mancano i momenti statici, ma nel complesso il film funziona e non annoia, pur cedendo nell'ultima parte. Non una grandissima prova del cast di contorno (delude soprattutto Abbrescia, dal quale era lecito aspettarsi qualcosa in più). Irritante il personaggio della ragazza "influencer". Non male, complessivamente.

Camibella 14/12/20 22:58 - 212 commenti

I gusti di Camibella

Una quarantenne stressata e infelice cambia il suo stile di vita e prende in mano la sua vita grazie a un sedicente guru olistico. La Lodovini è di una bellezza sconvolgente ed è brava a impersonare un ruolo che passa dal remissivo al bellicoso con estrema facilità. I meriti del film però terminano qui, strozzati da una sceneggiatura fin troppo scontata e da un crogiuolo di attori non certo in vena. Manca la mano di un esperto regista che sappia dare alla trama una svolta, un guizzo capace di infondere una verve più viva.

Victorvega 5/01/21 18:03 - 332 commenti

I gusti di Victorvega

Appare strano che questo film sia un remake di un altro, visto la semplicità e non particolare originalità della trama. In ogni caso racconta la "ribellione" di una quarantenne, e nel suo sviluppo può far sì che buona parte del pubblico cui è destinato possa identificarsi. Il tutto è svolto con molta semplicità, le interpretazioni sono buone e nulla appare fuori posto. Manca il guizzo però, quel plus che possa dare un certo valore: magari un interprete carismatico cui affidare le parti comiche e dare maggiormente un senso al tutto. Marcorè ed Abbrescia limitati dalla sceneggiatura.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.