[1.4] Quattro delitti: Quasi due metri

Media utenti
Anno: 1979
Genere: fiction (colore)
Note: Tratto da un racconto di Giorgio Scerbanenco. In questo episodio le musiche sono di Giancarlo Chiaramello.
Numero commenti presenti: 5
APPROFONDIMENTI: Scerbanenco al cinema

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/12/09 DAL BENEMERITO MARKUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 8/12/09 13:34 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Un corpulento uomo alto due metri si reca a Torino per una fiera. Lì, per caso, trova la figlia di due persone che conosce a “battere” il marciapiede. Con vari espedienti, la convince a ritornare nella terra natia (il Friuli distrutto dal terremoto), ma per farlo dovrà affrontare il "magnaccia". Episodio che si avvale (per l'unica volta nel cinema) dell'ex peso massimo ed oro olimpico 1960 Franco De Piccoli. Lui incarna una sorta di “gigante buono”. Un po’ triste per l'epilogo: non si può che avere una reale compassione per il "gigante"!

Homesick 1/10/13 08:29 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Debole come noir, l’episodio conclusivo della miniserie “Quattro delitti” trae forza vitale dalla rilevanza sociologica della sua doppia ambientazione: prima la Torino notturna degli alberghi a ore e dei magnaccia, poi le macerie del Friuli devastato e prostrato dal terremoto del 1976. L’ex campione dei pesi massimi Francesco De Piccoli interpreta con molta semplicità un gigante dal cuor tenero schiacciato da una giustizia ottusa e ingiusta, come troppo spesso, purtroppo, accade anche nel mondo reale.
MEMORABILE: La toccante sequenza del ritorno nel Friuli terremotato.

Cotola 23/06/16 01:36 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Più dramma che noir per quest'ultimo episodio che si mantiene sui livelli (medi) della serie: la novità consiste nel mescolare l'elemento criminale (riducendolo al minimo) con quello drammatico e sociologico anche se i temi trattati, vengono affrontati molto velocemente e con qualche ingenuità. C'è Torino ma anche e soprattutto il Friuli del terremoto: l'ingresso nel paese distrutto, colpisce ancora oggi. Non si registrano tassi di suspence ragguardevoli, e la storia è debole, con un andamento prevedibile ed un finale molto amaro così come lo è il tono di tutto l'episodio.

Hackett 27/09/16 18:57 - 1748 commenti

I gusti di Hackett

Particolare, questo episodio finale della serie. Non si tratta di un vero giallo ma pur sempre di delitto si parla. Una storia di umanità e ingenuità che porta un personaggio non malvagio a compiere qualcosa di inaspettato. Tra Torino e un Friuli devastato dal terremoto, in un' atmosfera surreale accentuata dala recitazione naturale, a tratti dilettantesca del protagonista, si consuma un piccolo dramma di amore e morte, narrato in punta di piedi.

Mco 11/11/19 23:31 - 2159 commenti

I gusti di Mco

Il delitto c'è ma (quasi) non si vede. Il pugile prestato alla televisione mostra una spiccia visione della vita in contrasto con quella delle grandi città, laddove comanda soltanto il dio denaro. Si descrive la realtà di quegli anni, la tragedia del terremoto friulano e la facilità con cui si finisce per strada. La Munari è bella e disillusa, De Piccoli è impacciato ma non sfigura. Pare un racconto d'appendice, in cui l'amore vero stenta a mostrarsi mentre quello comprato è talmente palese da passare, per paradosso, sottotraccia. Realistico.
MEMORABILE: La passeggiata dopo colazione, tra i viali deserti della stazione.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Markus • 8/12/09 19:12
    Scrivano - 4801 interventi
    Inserito (sotto il commento), il video con i titoli di testa di questo episodio. Con l'occasione, ascolterete lo splendido tema del M° Giancarlo Chiaramello.
  • Discussione Markus • 8/12/09 19:21
    Scrivano - 4801 interventi
    Non sarebbe male se il solerte Ellerre (come fece con il tema d'amore de LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO) reinterpretasse con la sua pianola il suddetto tema rimasto inedito. A me farebbe molto piacere!
    Ultima modifica: 18/10/14 18:48 da Markus
  • Discussione Ellerre • 8/12/09 22:07
    Call center Davinotti - 1124 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Non sarebbe male se il solerte Ellerre (come fece con il tema d'amore de LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO), reinterpretasse con la sua pianola, il suddetto tema rimasto inedito. A me farebbe molto piacere!

    Eh, di tempo ne ho poco ma se posso volentieri. Nel frattempo (nel tempo libero) mi sto cimentando con "Thomas" di Amedeo Tommasi. Questa volta le musiche sono edite ma in realtà è come se non lo fossero visto che il film non è mai uscito ufficialmente e di copie del disco ce ne sono pochissime.
  • Discussione Markus • 8/12/09 22:25
    Scrivano - 4801 interventi
    Grazie Ellerre, le musiche di THOMAS le ascolterò volentieri naturalmente.

    Grazie anche se potrai dedicarmi il tema di Giancarlo Chiaramello.
  • Curiosità Zender • 25/03/10 08:59
    Consigliere - 43739 interventi
    Dalla sempre prestigiosa collezione cartacea Markus estraiamo il TV RADIO CORRIERE del 8/14 aprile 1979, un articolo in riferimento alla messa in onda di QUATTRO DELITTI e quindi uno speciale su Scerbanenco.

    Come sempre cliccate sulla pagina di sinistra per leggere la prima parte dell'articolo e sulla copertina per la seconda parte.

  • Curiosità Markus • 18/10/14 15:29
    Scrivano - 4801 interventi
    Questo episodio (non so gli altri quattro della serie) è stato evidentemente girato nell'estate del 1977, anche se è andato in onda solamente il 2 maggio 1979. Questa mia personalissima scoperta è avvenuta grazie a un colpo d'occhio: su uno striscione pubblicitario che si vede inquadrato nelle vie centrali di Torino si legge "Palio d'Asti - 18 settembre 1977". Effettivamente il film parla anche del terremoto del Friuli avvenuto l'anno prima. Strano, ma è così.