"MPD Psycho" episodio per episodio

10 dicembre 2011

LA PAGINA DEGLI ESPERTI

In questa pagina sono raccolti i commenti pervenuti sui singoli episodi di MPD Psycho. Chi volesse contribuire commentando un unico e preciso episodio non ha che da CLICCARE QUI e farlo, scrivendo nel forum il proprio commento e facendolo anticipare dal numero dell'episodio (es. EPISODIO 3) e dal relativo pallinaggio. Il commento verrà prelevato “automaticamente” (per via umana, cioè da me) dal forum e trasferito in questa pagina nel punto esatto.


01. MEMORIE CRIMINALI E FIORI FLUTTUANTI
****
Devo dire che è eccentrico forte! Puro Miike style. Il plot è incasinato: detective con molteplici personalità che hanno in comune con i criminali un codice a barre marchiato nell'occhio; possessioni e follie assortite, nonché la musica di una rock star americana degli anni 70 che si è votata al male e che sembra il motore scatenante, e "possiede", in una specie di transfert mentale, chi la ascolta. Nel primo episodio c e' un serial killer che strappa i feti alle gestanti e un altro che scoperchia crani di fanciulle e pianta fiori nel cervello, coltivandoli con amore(!); la scena della sua "collezione" di ragazze "vasi umani" tenute ancora in vita è la conferma della potenza visiva di Miike - ma non avevo dubbi in proposito. Ma non è solo questo: Miike dà al serial un'impronta quasi "sperimentale", con disegni animati, accelerazioni, pellicola sgranata, umorismo idiota, pixel, un gruppo di collegiali che dice in coro "Vi racconteremo la storia di Amamiya". Insomma, come fece più o meno all'epoca Oiver Stone con Natural born killers; una Tokyo da incubo, dove piove sempre stile Seven, o altrimenti dove cade una specie di pioggia elettronica... verde! Questo primo episodio (che dura 1 ora circa) mi ha incollato allo schermo. Unica pecca degli assurdi pixel messi a coprire i particolari più forti... (Buiomega71)

02. COME COSTRUIRE IL MONDO
****
Ancora più straniante e delirante. Lo spirito del serial killer che entra nel corpo di una timida maestra d'asilo, che passa il tempo sul water a vomitare, telefona alle gestanti... loro in trance si aprono la pancia, si estraggono il feto e poi si sgozzano. Da ricordare, pura crudeltà Miikiana, la maestra stessa, armata di un coltello a serramanico, che taglia il cordone ombelicale ad una giovane studentessa che ha appena partorito nei cessi per rubarle il bambino (tema, questo, che tornerà anche in Imprint). La canzone della rockstar americana "maledetta" riecheggia con le sue note melodiche e ammaliatrici. Ma "il fantasma della liberta'" Miike continua con le sue follie: un informatore della polizia che si eccita guardando snuff in uno scantinato/videoteca e lui stesso che si cava un occhio, a mani nude, ridendo davanti alla telecamera... momenti visionari stupefacenti: il cimitero di pc su una spiaggia, i lumini che fluttuano sulle onde del mare, una ragazzina disegnata a mo' di manga che appare e scompare dicendo "Vi racconterò di Amamiya". il mistero si infittisce... E Takashi Miike incanta e lascia a bocca aperta. (Buiomega71)

03. LA VITA E' UNA DOPPIA SPIRALE
****
Molto più comprensibile e lineare rispetto al delirio Miikiano dei primi due episodi. Un gruppo di studenti modello dal dna modificato in un collegio diretto da un fanatico della razza pura giapponese e da un'inquietante psicologa con la fissa dell'igiene! Alla fine, per fermare il serial killer che trasmigra da un corpo all altro, uno studente farà una strage stile Columbine (altro che Elephant!). Ma è l inizio che è di una bellezza visiva devastante: un gruppo di studentesse - simbolo della perfezione - che, sentendo la melodia della musica "maledetta" della rockstar americana, improvvisamente cacciano le pistole massacrando le compagne con devastanti colpi in arrivo, per poi farsi saltare il cervello tra di loro; il tutto in un'atmosfera "paradisiaca" e surreale. (Buiomega71)

04. UNA FORMICA SCHIACCIATA
**** 
Il serial killer che trasmigra nei corpi altrui "prende" quello di un bulletto di una gang giovanile (il suo capo è un pelatone gigantesco con un'enorme lingua viscida con tanto di occhio sulla punta! - ecco il genio unico e iconoclasta di Miike) che fa a pezzi giovani ragazze e ne numera le parti come alla... lotteria! In più fa a tocchi il corpo della moglie del poliziotto, lascia il tronco - con la testa - ancora in vita in un liquido anestetico e lo spedisce per posta al marito! Una versione Miikiana e allucinata di Boxing Helena. C'è poi una scena, tra pioggie elettroniche-blu questa volta, e la ragazza manga disegnata che riappare e scompare - che lascia il segno: il bulletto pesta i suoi sgherri, poi dice alla sua ragazza (una donna abbastanza matura rispetto a lui) "Facciamolo qui, davanti a loro", e lei tutta eccitata "Sì dai, mi eccita!"! Lui apre il giubbotto e mostra una sfilza di bisturi; con un colpo secco le recide la carotide e con l'altra mano apre l'ombrello: il sangue sprizza a pioggia imbrattando i suoi amici... (Buiomega71)

05. L'INCORONAZIONE DEL RE MALEDETTO
****
Il penultimo episodio della serie. Qualcosa si comincia a capire e i nodi vengono al pettine. E', forse, l'episodio più "classico" e "citazionista" dell'intera serie, e sembra che Miike sia più contenuto... sembra. Omaggi a I figli del fuoco hooperiani - per la combustione spontanea di alcune studentesse, anche se l effetto in CG è assai bruttarello, Shining - le gemelline nel corridoio dell ospedale - X-files - addirittura citato dai protagonisti! - e infine... Zombi e Il gatto a nove code (per il cromosoma che porta una predisposizione alla criminalità). L'ambientazione ospedaliera dà quel tocco da "horror hospital" alla The Kingdom. Sicuramente il più "normale" della serie, anche se Miike dà la sua zampata, oltre ai corpi devastati dalle fiamme, con il "diverso" che lavora in ospedale, che ha come unici amici dei... cadaveri! Innamorato di una ragazza in coma (che proietta in una figura manga virtuale su un pc) si vendica su alcuni studenti di medicina che lo prendono di mira ricorrendo ai pazienti dell ospedale che, come zombi, li braccano e... massacro! Naturalmente posseduto dalla personalità del serial killer Nishizono....il mistero sta per sciogliersi... o no? (Buiomega71)

06. L'ANIMA ASCENDENTE E I LEGAMI UMANI
**** 
La serie giunge al termine. Non sarò mai abbastanza grato a Takashi Miike per avermi regalato questo gioiello, che consiglio a chi ama qualcosa di "forte" ed eccentrico, lontano anni luce dai prodotti preconfezionati hollywoodiani. Il mistero si chiarisce tirando in ballo una nuova tipologia di Scanners (eh già) che al posto di entrare nella testa e farla esplodere...entrano direttamente dal corpo, possedendolo, scatenando e alterando il cromosoma criminale del corpo ospite, facendogli compiere le più terrificanti efferatezze. E tra immagini bellissime in mezzo alla neve, un mexican-stand-off straordinario da fare invidia a Tarantino e Rodriguez messi insieme, si conclude questa straordinaria e visionaria miniserie. L' ultima immagine, poi, e' di una poesia-macabro Miikiana da togliere il fiato. Grazie Miike. (Buiomega71)

Articoli simili

commenti (0)

RISULTATI: DI 0