Cerca per genere
Attori/registi più presenti

MISSION: IMPOSSIBLE - FALLOUT

All'interno del forum, per questo film:
Mission: impossible - Fallout
Titolo originale:Mission: Impossible - Fallout
Dati:Anno: 2018Genere: action (colore)
Regia:Christopher McQuarrie
Cast:Tom Cruise, Henry Cavill, Ving Rhames, Simon Pegg, Rebecca Ferguson, Sean Harris, Angela Bassett, Vanessa Kirby, Michelle Monaghan, Wes Bentley, Frederick Schmidt, Alec Baldwin, Liang Yang, Kristoffer Joner, Wolf Blitzer
Visite:333
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/9/18 DAL BENEMERITO DIGITAL POI DAVINOTTATO IL GIORNO 2/9/18
Arrivata ormai al numero 6, la saga di Ethan Hunt affianca sempre meno timidamente quella più blasonata di James Bond. Con la differenza che ci si chiede se mai la prima potrebbe essere interpretata da un attore diverso da Tom Cruise, col quale chiunque la identifica. Passano gli anni, lui invecchia, ma il suo inconfondibile sorriso resta il primo legame indissolubile tra la missione impossibile e il suo pubblico in sala. In fondo anche qui l'intreccio è una volta di più del tutto secondario e derivativo, col solito gruppo di terroristi (vengono chiamati "gli apostoli") che deve vendere tre bombe al plutonio al misterioso John Lark. Hunt si mette in mezzo ma per salvare la vita dell'amico Luther (Rhames) è costretto a lasciare le bombe in mano ai terroristi. S'intromette a questo punto la CIA (rappresentata dalla rediviva Angela Bassett) che piazza un suo agente (Cavill) per supervisionare le operazioni. Hunt parte allora alla volta di Parigi, dove conoscerà un'intermediaria bionda e seducente chiamata Vedova Bianca (Kirby), preparandoci all'immancabile ribaltamento di ruoli che dovrebbe garantire qualche colpo di scena. La prima parte, però, è soprattutto una ri-presentazione dei compagni di sempre (Pegg e Rhames) e una complicata spiegazione di quelli che dovrebbero essere i rapporti tra le forze in campo, con l'entrata in scena della bella Ilsa (Ferguson) come elemento disturbatore. Da Berlino quindi - dove si era consumato il primo rendez-vous tra buoni e cattivi - si passa a Parigi, scelta come campo d'azione per le mirabolanti corse in moto e in auto che offrono il primo vero impatto con l'azione mozzafiato a cui la saga ci ha abituato: le scene, girate con senso di vorticosa velocità, restituiscono finalmente buone dosi di spettacolarità, fin lì decisamente carente. E' un fuoco di paglia però, perché per ritrovare qualcosa di davvero efficace c'è da aspettare il lungo finale sugli elicotteri prima e sugli strapiombi poi. Il resto è normale amministrazione che, complice anche una fotografia scialba non in grado di esaltare Parigi né le suggestive scenografie naturali, incasella il film tra gli epigoni non disdicevoli né indegni dei predecessori ma non certo memorabili. Ed è grave che tra gli aspetti meno curati risalti la sceneggiatura considerando che l'autore, Christopher McQuarrie, proviene proprio da quel campo, come si intuisce dalla non brillantissima regia. Se già con ROGUE NATION aveva abbassato (non di molto, sia chiaro) la qualità della saga, qui continua a seguire la linea confezionando un action uguale ai mille altri dai budget sensibilmente inferiori, dimenticando che la fantasia, l'acrobaticità, le location insolite e gli effetti ricercati erano fondamenta irrinunciabili, prima. E della simpatica spacconaggine di Cruise, dell'ironia con cui si condiva il tutto non è rimasta traccia se non in un paio di battute mediocri o tremendamente forzate (come quella in apertura, con la reinterpretazione “action” della formula con cui il prete benedice gli sposi in un incubo che dovrebbe predisporci al sorriso). Gli immancabili corpo a corpo son realizzati bene (specie quello in toilette), il finale come detto ci riporta ad alti livelli di spettacolarità, ma Woo, J.J. Abrams (qui in produzione) e pure Brad Bird avevan saputo divertire di più e cogliere meglio il lato giocoso della saga, al momento confinata tra il superfluo e il ridondante. E poi due ore e mezza son davvero troppe, per un film così...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Deepred89 9/9/18 0:07 - 3024 commenti

Scene d'azione ad alto tasso di spettacolarità rendono piacevole una trama in principio pure interessante, che mostra però la corda col passare dei minuti (e a poco servono un paio di colpi di scena piuttosto telefonati). Conviene lasciarsi andare allo spasso dei passaggi movimentati e non badare troppo a ciò che sta attorno, se non alle due belle figure di villain: un bastardo con la faccia da schiaffi e uno schizofrenico totalmente disagiato. Cruise funziona ancora e la bellezza della Ferguson buca lo schermo. Godibile ma evapora in fretta.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

124c 3/9/18 1:05 - 2570 commenti

L'agente della IMF Ethan Hunt deve ritrovare tre ordigni nucleari che si era fatto sfuggire nel prologo da un misterioso killer. Arrivato al sesto film, Tom Cruise continua a non rinunciare alle super-acrobazie; che però, stavolta, sono soprattutto nel finale, dove c'è un lungo (forse troppo) inseguimento in elicottero. Aiutato dai soliti compari, il nostro ha a che fare con tre donne, fra cui una con il nome in codice di "Vedova bianca". Abbastanza buona la parte del baffuto Henry Cavill, che ruba la scena un a tutti. Potabile.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Redeyes 2/9/18 10:22 - 1954 commenti

Dopo il fiacco fantasma e il divertente penultimo episodio torna Hunt con il suo manipolo di scagnozzi. La confezione è al solito di qualità, l'action al contrario ondivagando alterna situazioni "impossibilmente" mirabolanti ad altre telefonate. Location un po' sottotono nello sfruttamento delle stesse, salvo un Kashmir da brividi. Al cast si aggiunge un buon Cavill, meno monolitico del solito, che tiene per certi tratti testa a Cruise. La bella Ferguson dà il tocco di charme che ci voleva. Lunghezza forse eccessiva? Sì, ma ci si diverte.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inseguimento in elicottero; La lotta nei bagni.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Rambo90 1/9/18 14:21 - 5283 commenti

Il migliore della serie. McQuarrie combina elementi e ricordi dai capitoli precedenti per confezionare un'avventura pirotecnica ma anche molto umana, dove i personaggi contano allo stesso modo dell'azione e le loro emozioni sono in primo piano. Stunt pazzeschi, inseguimenti mozzafiato ma anche colpi di scena e una sceneggiatura intelligente, dove tutti trovano la giusta collocazione. Cruise indiscusso leader, ma bravi tutti da Rhames a Cavill fino al calzante Baldwin. Imperdibile.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Didda23 16/9/18 20:29 - 1947 commenti

Dallo sceneggiatore di quel capolavoro assoluto che è I soliti sospetti era quantomeno lecito attendersi di più in fase di sceneggiatura. Purtroppo la storia abbonda di cliché tipici del genere, senza possedere almeno un'idea nuova e/o rivoluzionaria. Sul fronte action poco da eccepire, con roboanti costruzioni adrenaliniche (la scena nel bagno è da antologia), anche se la fotografia non pare sempre all'altezza. Nel cast Cruise, nonostante l'età anagrafica, è ancora credibile nel ruolo e ben supportato da un cast di attori importanti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'imboscata a Berlino; L'inseguimento a Parigi; La lotta nel bagno.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Digital 1/9/18 10:16 - 820 commenti

Squadra che vince non si cambia e così nel sesto capitolo di questo noto brand tornano tutti i personaggi, con l’aggiunta di un ottimo Henry Cavill. Nonostante i cinquanta passati Cruise si districa ancora perfettamente nei panni dell’agente Ethan Hunt, dimostrando notevoli doti atletiche. Il film è l’apoteosi del cinema d’intrattenimento su larga scala, con sequenze d’azione mirabilmente orchestrate, dall'impatto fortemente spettacolare. L’unica pecca è la scarsa ironia, elemento dato perlopiù da Pegg, stavolta meno ispirato del solito.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Magi94 9/9/18 0:35 - 470 commenti

Lasciano perplessi opere di questo tipo, che sono sempre le solite da 20 anni, senza pregi e con ripetuti difetti. Gli effetti speciali sono eccezionali e siamo d'accordo, ma da un film d'azione ci si aspetta più fantasia nelle scene d'azione appunto, almeno un pizzico di originalità. Qui invece sembrano ripetute a macchina situazioni impossibili fino allo sfinimento, senza inventiva ma basandosi solo sull'effettone. Tolto questo, rimane una trama reazionaria, un machismo nascosto e invadenti simboli della Apple e Bmw.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)