Veneri rosse

Media utenti
Titolo originale: Slightly Scarlet
Anno: 1956
Genere: gangster/noir (colore)
Regia: Allan Dwan
Note: Soggetto basato sul romanzo "Love's Lovely Counterfeit" di James M. Cain pubblicato nel 1942.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/07/12 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 18/07/12 13:38 - 1113 commenti

I gusti di Digital

Aspra lotta tra un riccone e un malavitoso per accaparrarsi la poltrona di sindaco di una città della California. Il film ha il merito di avvincere e di non annoiare mai, con inaspettati picchi di violenza (da citare Arlene Dahl che spara un colpo di fiocina e successivamente di pistola a Ted de Corsia) e una buonissima caratterizzazione psicologica dei personaggi. Peculiarità di “Veneri rosse” è il fatto di essere stato uno dei primi noir girati in Technicolor.

Cotola 28/07/12 11:13 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Film di buona fattura in cui a colpire non è tanto la storia (comunque gradevole ed abbastanza avvicente) ma altri elementi. Si pensi alla regia di Dwan che è molto attenta sia alle inquadrature che all'uso del colore, ma soprattutto alla costruzione dei personaggi che sono ben caratterizzati e che presentano quasi tutti lati ambigui: sono un impasto chiaroscurale di luci e ombre, bene e male. Il risultato finale è buono. Non particolarmente noto ma meritevole di essere ripescato dall'oblio.

Nicola81 3/02/20 09:42 - 1905 commenti

I gusti di Nicola81

Due sorelle (la prima segretaria di un onesto uomo d'affari, l'altra una cleptomane appena uscita dal carcere) si ritrovano loro malgrado coinvolte nella sfida per la carica di sindaco di una città in cui spadroneggia il solito gangster. Diretto da un regista di lunghissimo corso, uno dei pochissimi noir degli anni '50 girati a colori, che affronta lo scottante tema della corruzione sacrificandolo però rispetto alle dinamiche tra i personaggi e alle solite schermaglie sentimentali. Il titolo rende il giusto omaggio alle due radiose protagoniste.

Daniela 29/05/20 02:36 - 9105 commenti

I gusti di Daniela

Una sorella è clepto-ninfomane, l'altra dovrebbe essere più sensata ma preferisce un mascalzone ad un uomo onesto, entrambe sono splendide donne rosso-chiomate e forse questo spiega la scelta del colore, rarissimo nei noir del periodo. Dwan da bravo artigiano dirige un film formalmente curato, al netto di qualche incongruenza e forzatura melodrammatica, in cui la denuncia della corruzione diffusa si intreccia a vicende sentimentali di minor interesse. Non male Payne nel personaggio ambiguo dell'"intellettuale" della banda criminale che trama per spodestare il boss da cui è umiliato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 29/05/20 02:49
    Consigliere massimo - 5020 interventi
    Il film è diretto dal canadese con cittadinanza statunitense Allan Dwan, uno dei registi più prolifici di Hollywood. Durante la sua lunga carriera, iniziata nel 1911 e proseguita per 50 anni, ha diretto ben 386 film.