Una partita a scacchi - Corto (1912)

Una partita a scacchi

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/05/24 DAL BENEMERITO PIGRO
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 16/05/24 09:37 - 9767 commenti

I gusti di Pigro

Non che sia girato male, ma questo cortometraggio fa affidamento su una storia francamente strampalata, quella del pazzo furioso che scappa dal manicomio per giocare una partita mortale a scacchi su un treno. La realizzazione è efficace, anche se un po’ pedante, ma appunto è il soggetto così stralunato a lasciare perplessi. Curiosa la scena iniziale dei matti e intrigante quella del polsino lanciato per chiedere aiuto, ma solo piccole situazioni intriganti in mezzo a una narrazione pedissequa e poco incisiva.

B. Legnani 16/05/24 17:06 - 5561 commenti

I gusti di B. Legnani

Un giallo d'azione in nove minuti scarsi. Un pazzo evade dal manicomio, sfida a scacchi un passeggero sul treno e lo avvisa che loro due si stanno giocando la vita. Gli infligge scacco matto e lo aggredisce, però poi... Un po' troppo sbrigativo in fase iniziale (come fa a evadere, l'alienato, che vediamo già calarsi fuori dal muro?), ma molto interessante nell'incontro con il personaggio di Febo Mari, specialmente quando questo lascia il suo messaggio disperato. Poi si vede l'organizzata azione salvatrice, con la nota di colore del capostazione che inizialmente snobba il facchino...

Apoffaldin 18/05/24 13:37 - 105 commenti

I gusti di Apoffaldin

Pazzo scappa dal manicomio, sale sul treno e sfida un passeggero in una partita a scacchi. La posta in gioco è la più importante possibile. Il commento è riassumibile in due parole: peccato davvero. Peccato perché l'assurda pretesa di voler comprimere una storia originale e interessante in otto minuti finisce per banalizzare e rendere inverosimile il tutto. I rimpianti aumentano perché la regia si dimostra all'altezza e Grisanti è un pazzo da antologia.
MEMORABILE: Antonio Grisanti nel ruolo del pazzo.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Gli ultimi giorni di PompeiSpazio vuotoLocandina ParsifalSpazio vuotoLocandina Raggio di soleSpazio vuotoLocandina Endstation: Paradies
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Pigro • 16/05/24 09:39
    Consigliere - 1670 interventi
    Visibile qui.
  • Curiosità B. Legnani • 16/05/24 17:18
    Pianificazione e progetti - 15005 interventi
    A inizio film si riconosce il futuro regista Mario Bonnard, l'alienato che si passa il fazzoletto sulla fronte. Qui, al centro dei fotogrammi:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images68/bonnard1.jpg[/img]
    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images68/bonnard2.jpg[/img]