La medusa

Media utenti
Titolo originale: L'année des méduses
Anno: 1984
Genere: drammatico (colore)
Note: Tratto dal romanzo dello stesso Christopher Frank "L'année des méduses". Aka: "Méduses"
Numero commenti presenti: 1

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/03/18 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 28/03/18 01:03 - 2261 commenti

I gusti di Buiomega71

Tra le location infuocate della Costa Azzurra e i folgoranti nudi integrali di una Kaprisky silfide melliflua e diabolica pianificatrice, Frank imbastisce una storia di amori tormentati e incrociati, tra lolite perniciose e perfide gelosie. La bellissima OST di Alain Wisniak scandisce le note tra sesso a tre in stanze d'albergo (anche se molto casto) per giungere a un prefinale (sullo yacht) di follia femminea con spizzichi di "natura contro" (le meduse). Imperfetto, ma intinto in una sensuale vitalità.
MEMORABILE: L'isterica e folle danza della Kapriski (nudissima) sullo yatch, che riprende il ballo di Salomè; La morte del cane; L'attacco delle meduse.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 28/03/18 10:51
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Miniciclo: Quegli amori balordi

    Capitolo quarto: tra le spire di lolita


    Immerso nell'afosa e assolata cornice della Costa Azzurra e abbagliato dai folgoranti nudi integrali (e generosi) di una Kaprisky al massimo dello splendore, La Medusa è un viaggio tra le spire di una lolita silfide e diabolica, pianificatrice maligna e subdola, che saltella tra amori incrociati e non poco balordi (un uomo maturo sposato con figli, e amico della madre separata-Perrin-c'ha una relazione con lei appena sedicenne, però lei ci gioca, lo tratta come un gioppino, lo prende e molla a suo piacimento, poi c'è il seduttore della madre-Giraudeau-un viveur che, nel tempo perso, fà il pappa-di cui la giovane viperella perniciosa si incapriccia, ma lui la rifiuta trattandola come una bambina viziata, preferendole le grazie mature della madre -significativa e beffarda, in questo senso, la scena del luna del Luna Park- e che scatenerà della ragazza invidie e gelosie, tentando, inutilmente, di entrare in competizione amorosa con la madre)

    Sullo sfondo "esoticheggiante" , tra spiaggie, mare e dispendiosi topless (tette, tantissime tette al vento), la piccola serpe tenterà il tutto e per tutto, prima giocando con l'uomo maturo sposato e un pò coglione (concedendosi per poi umiliarlo), giocando a "tre" in una stanza d'albergo con una coppia di sposini tedeschi (nonostante i nudi, il film è piuttosto casto nelle scene di sesso), dopo un ballo in discoteca non dissimile da quello della Maruschka Detmers in Diavolo in corpo, per poi tessere "tele" per far cadere in trappola la nuova fiamma della madre, che sfocerà nel dramma dopo il secco rifiuto di lui.

    Un prefinale che vira quasi nell'horror della follia femminea, con la Kaprisky che balla tuttanuda in stato allucinatorio e febbrile stile polselliano su uno yatch di notte, sulle note di una terribile canzone tedesca (come la danza di Salomè, e non per nulla l'amante della madre la soprannomina Salomè, appunto), in un delirio visivo/sonoro che sfocia nei lidi "animaleschiassassini" di una "natura contro" (l'implacabile attacco notturno delle meduse)

    Già la Kaprisky viene morsa al seno da una medusa salvando un bambino dall'annegamento (a inizio film, che assume, improvvisamente, i tratti di un "animal attack" acquatico), presagio funesto di quello che avverrà se si rifiutano le sue seduzioni lolitesche.

    Un opera che gioca sui nudi femminili (quelli della Kaprisky mai morbosi o volgari, ma sprizzanti di una certa sfacciataggine malandrina) , sul potere seduttivo di una ragazzina imberbe ma già sicura di quello che vuole , dove Christopher Frank (che trae il film da un suo romanzo, dopo una gavetta di abile sceneggiatore- il zulawskiano L'importante è amare nel suo carnet-) lo narra come se fosse un noir, tra intrighi sentimentali andati a male, rivalità tra madre e figlia e un finale altamente drammatico e "vendicativo"

    Imperfetto (fastidiosa l'inutile voce narrante fuori campo, alcuni momenti che andavano dimezzati), ma sorretto da una vitale sensualità, che lo apparenta a certi nostrani "esoticierotici" settantiani, dove il sesso non è mai mostrato , ma solo suggerito

    Sembra di vedere un Sapore di mare filtrato attraverso le lente di un Pierre Granier-Deferre, "gioco al massacro" dei sentimenti tra le spire velenose delle meduse

    Produce la mitica Parafrance (quella dei film del guru Just Jaeckin) e curioso come Gerard Kikoine ne ha fatto (solo due anni prima) una cosa simile in versione hardcore con Saint Tropez Girls, e non molto distante dai pruriti adolescenziali estivi del Rhomer di Pauline alla spiaggia

    Tra le scene inaspettate (oltre al prefinale) anche quella della morte del cane nel flashback raccontato dalla madre della Kaprisky e quella della vespa a pranzo. Non ultima la Kaprisky che , sempre e dovunque nudissima, accende la tv del salotto scatenandosi, seduta sul tavolino, a suon di musica rock, prima di una sclerata improvvisa, sotto gli occhi sbalorditi di Perrin.

    Degne di nota le nuotate in piscina della Kaprisky insieme alla tedeschina, nudissime e statuarie come due dee greche.

    Curioso come la Kaprisky (in certi frangenti e angolazioni di ripresa sul viso) assomigli a Jessica Harper e Bernard Giraudeau a Franco Garofalo (!)

    Dovrebbe esserci anche una giovanissima Emmanuelle Seigner pre-polanski in un piccolo ruolo, ma, in mezzo a tutte stè tette e gnoccolone , non l'ho riconosciuta.

    Frank aveva comunque idee, tenendosi alla larga da certe pruriginosità del cinema francese di quel periodo (tutto avviene, ma mai esplicitamente) per arrivare ad una dirittura d'arrivo davvero sorprendente dai chiaroscuri horror, che stride genialmente con il contesto da "beach movie" tra passioncelle e amorazzi balordi

    Da segnalare il bellissimo score composto da Alain Wisniak

    A suo modo bizzarro e seducente.

    Sequenza cult amorbalordiana: L'ossessiva danza della Kaprisky nature sullo yatch di Giraudeau, come se fosse preda di una possessione incontrollata. Lui rimane indifferente e mal gliene incolse...
    Ultima modifica: 28/03/18 22:04 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 28/03/18 10:59
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Direttamente dalla collezione privata di Buiomega71, la vhs Panarecord:

    Durata effettiva: 1h, 45m e 43s

    Ultima modifica: 28/03/18 12:19 da Zender
  • Discussione Mco • 28/03/18 12:05
    Scrivano - 9681 interventi
    Bellissimo commento Buio, mi hai fatto venire voglia di vederlo!
  • Discussione Buiomega71 • 28/03/18 13:55
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Bellissimo commento Buio, mi hai fatto venire voglia di vederlo!

    Grazie Mco, troppo buono

    Credo che non rimmarai deluso (anche solo per il parterre femminile di paradisiache poppe al vento e per una Kaprisky indiavolata e sfrontata, quì nel pieno fulgore prima di essere la femme publique), buona narrazione di intrighi , intrighetti e amori piuttosto balordi e un prefinale quasi horror con il "tocco" delle meduse.

    Eccessivo, comunque, il divieto ai 18 (il sesso è molto casto, come il l'amore a tre tra la Kaprisky e la coppia di tedeschini in camera d'albergo dove si accenna solo ad un bacio lesbico o la masturbazione, sotto le vesti, che Perrin pratica alla Kaprisky mentre lei riceve una telefonata dal padre)

    Di contro ti potrai gingillare (come ho fatto io) in subliminali sequenze fetish (il marito tedesco della coppietta che sfila , con virulenza, gli stivaletti da cowboy indossati dalla Kaprisky tuttalaseraindiscoteca e la madre, in camera, che cerca una delle decollette della figlia dopo il party)
    Ultima modifica: 28/03/18 21:07 da Buiomega71
  • Discussione Mco • 28/03/18 15:28
    Scrivano - 9681 interventi
    Proprio quelle suggestioni horror che hai ben descritto mi hanno colpito sin dalla prima lettura. E il côté femminile non guasta di certo...;-)
    Grazie ancora, sempre interessantissime le tue full immersion di genere!!!
  • Curiosità Buiomega71 • 15/05/18 19:14
    Pianificazione e progetti - 21885 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Desiderio", domenica 21 ottobre 1990) di La medusa: