La capra

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: La chevre
Anno: 1981
Genere: commedia (colore)
Note: Ha avuto un remake americano intitolato "E' tutta fortuna".
Numero commenti presenti: 7
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Da Francis Veber, uno dei più quotati comedy-maker francesi, un film che lancia Gérard Depardieu e Pierre Richard come coppia comica (in seguito diretta sempre da Veber altre due volte). La “capra”, in gergo, è una persona maldestra che attira su di sé la sfortuna: come la figlia di un grosso industriale che, rapita misteriosamente, scompare nel nulla durante una vacanza in Messico. Il padre vi spedisce un investigatore privato molto risoluto (Depardieu) senza arrivare a nulla, così finisce per accettare la proposta di chi gli suggerisce di far fare le ricerche a qualcuno (Richard) sfortunato almeno quanto la ragazza. Richard, accompagnato comunque dal più concreto Depardieu, parte per il Messico. I due, dal carattere diametralmente...Leggi tutto opposto, daranno il via a una serie di incomprensioni o di divergenze sul metodo investigativo da seguire che sono alla base del successo del film: Depardieu parla poco e alza continuamente gli occhi al cielo, Richard spara bestialità in sequenza mentre sbatte contro le porte, inciampa, provoca danni d'ogni sorta. E’ lui, in poche parole, il motore comico del film e la sua grande espressività si associa perfettamente alla bizzarria del personaggio, capace di uscirsene a sorpresa con frasi esilaranti. Peccato che il film debba fare i conti con un ritmo zoppicante e una sceneggiatura poco omogenea, che a sprazzi eccellenti alterna frasi scialbe, nelle quali le potenzialità dei due sono avvilite dalla modestia delle gag, magari tirate inutilmente per le lunghe. Complessivamente, comunque, una commedia spiritosa e recitata sopra la media.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 28/04/07 00:34 - 4908 commenti

I gusti di B. Legnani

La genesi della coppia di ricercatori Depardieu-Richard (spedire uno sfortunato in Messico, perché è statisticamente probabile che finisca col trovare la sfortunata che va rintracciata) è roba da film con Franco&Ciccio: la trovata avrebbe fatto storcere il naso a tutti. Venendo invece dall'estero, tutti sottovalutano l'idiozia dell'assunto e si beano di un Depardieu che in realtà non pare assai convinto e di un Richard che è ripetitivo. Certo, si ridacchia qua e là, ma è poca cosa. Evitabile, senza bisogno di pentirsi.

Caesars 25/03/08 11:19 - 2934 commenti

I gusti di Caesars

Commedia francese che sfrutta la comicità di Pierre Richard, abbinandola alla recitazione più classica di Gerard Depardieu. Il film risulta sicuramente simpatico, ma senza raggiungere punte che lo elevino al di sopra di una stiracchiata sufficenza. Si alternano gag più riuscite ad altre (la maggior parte) un po' stiracchiate. Vedibile.

Galbo 19/10/09 15:38 - 11587 commenti

I gusti di Galbo

Piuttosto celebrato oltralpe, questo film è in realtà opera piuttosto mediocre che punta tutte le sue carte sull'accoppiata di protagonisti Depardieu-Richard. I due, non aiutati da una storia ovvia e da una sceneggiatura anemica, strappano qualche risata, ma alla lunga il film è lento e noioso.

Daniela 14/12/09 11:27 - 10202 commenti

I gusti di Daniela

Veber, autore di qualche bella commedia, toppa con questa, pur baciata dal successo ed ispiratrice di un modesto remake americano. Il difetto non è nella coppia protagonista, dato che l'alchimia fra il duro e l'imbranato in altre occasioni aveva funzionato egregiamente (vedi Il rompiballe) né nello spunto di partenza, piuttosto originale, ma in una sceneggiatura mediocre, che procede per accumulo e non per progressione, conducendo Richard e Depardieu, pur simpatici ed in parte, in un tour turistico assai poco interessante.

Disorder 5/12/11 18:20 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Commedia ben lontana dalla perfezione ma comunque piuttosto divertente. Un po' troppo scontati e talvolta volgari i dialoghi, ma le gag lasciano quasi tutte il segno. La maggior parte del merito è di Richard, ben calato nel ruolo di ingenuo ed inconsapevole ultra-sfigato cosmico (roba da far impallidire Fracchia o Fantozzi); meno incisivo Depardieu, che comunque sfodera una buona prestazione. Non male insomma, ma personalmente trovo superiore il remake americano, meglio curato nella sceneggiatura e più svelto nel ritmo.
MEMORABILE: L'equivoco con la prostituta; Richard "incendia" per errore un paziente all'ospedale.

Paulaster 26/08/13 15:50 - 3098 commenti

I gusti di Paulaster

Il dualismo tra Depardieu/Richard nei panni del serio/scalognato regge una commediola di ambientazione Acapulco. Comicità primordiale tra testate, cadute e incidenti vari, si apprezza per la leggerezza anche se il ritmo non è vertiginoso. Regia senza colpi vivacchia sulle espressioni dei due. Adatta per un intrattenimento senza pretese.
MEMORABILE: La rottura della liana.

Gottardi 10/04/21 15:41 - 60 commenti

I gusti di Gottardi

Buddy movie alla francese che gioca tutte le sue carte sulla simpatia e i duetti tra i due protagonisti: Depardieu il duro (nel 1981 ancora in forma fisica) e Richard imbranato sfortunato cronico. La labile storiella dei due che devono indagare sulla scomparsa di una ragazza funge solo da collante per le varie gag, non tutte azzeccate, ma in quelle riuscite in effetti si ride. Tecnicamente al di là della bravura dei due attori.
MEMORABILE: Depardieu che fa irruzione in un covo di malavitosi seminando distruzione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Caesars • 13/03/12 16:56
    Scrivano - 12630 interventi
    "La capra" era il film proiettato al cinema Statuto di Torino, quando si verificò la famosa tragedia. Per i più giovani o per chi non ricorda:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Cinema_Statuto

    Quel triste episodio diede il via a una normativa antincendio molto più severa e tutte le sale cinematografiche dovettero adattarvisi.