LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/01/09 DAL BENEMERITO BLSABBATH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Blsabbath 18/03/09 13:09 - 46 commenti

I gusti di Blsabbath

Nella Russia sovietica degli anni trenta un umile proiezionista di filmati di propaganda si ritrova a dover proiettare per Stalin e per la sua cerchia di fedelissimi. Drammaticità e storia si intrecciano in maniera soddisfacente: sono gli anni delle purghe, del terrore, del culto della personalità e del sospetto; in tutto questo si affiancano le drammatiche vicessitudini familiari del compagno Sanshin e di sua moglie, che culmineranno con la morte del grande leader. Un buon film sull'URSS è di per sè cosa rara. Da vedere.
MEMORABILE: Katia che specchiandosi con il fiocco rosso bacia un ritratto di Stalin.

Pigro 8/11/09 10:40 - 9137 commenti

I gusti di Pigro

La grande epopea stalinista scorre sullo sfondo della vita di un proiezionista che si trova a lavorare per il dittatore e a vivere con una donna che vuole proteggere un'orfana invisa al regime. Bel film, ottimo nei momenti in cui la grande storia viene vista dalla piccola prospettiva del protagonista (stalinista ingenuo e convinto), e comunque ben fatto anche nelle parti più normalmente drammatiche e sentimentali. Buona interpretazione di Hulce e interessante ricostruzione del terrore nella vita quotidiana dei russi del periodo.

Lythops 4/05/11 10:00 - 989 commenti

I gusti di Lythops

Il film prende spunto dalla vera vita di Aleksander Ganshin, proiezionsta di Stalin ottimamente interpretato da Tom Hulce (viene spontaneo accomunarlo al Mozart di Forman) che capirà i diabolici meccanismi del potere quando sarà troppo tardi. Ben confezionato, emotivamente coinvolgente anche grazie ad un intelligente commento musicale, realistico, offre interessanti spunti di riflessione non solo sul periodo storico, ma sugli uomini e tutte le dittature. Interessanti i filmati di propaganda dell'epoca, così identici a quelli fascisti.

Stelio 27/06/14 13:00 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Un punto di vista biografico e circoscritto per raccontare l'epoca stalinista: l'obbiettivo è riuscito, grazie a un'ottima sceneggiatura e ad attori veramente in gamba. Hulce probabilmente sforna la sua prestazione migliore (superiore anche a quella del più famoso Amadeus), tutti gli altri lo seguono sulla stessa linea. Menzione particolare al trucco e alla scelta della somiglianze: perfetto Hoskins nei panni di Beria (anche se in versione più "large"). Perla.

Myvincent 19/03/15 19:59 - 3418 commenti

I gusti di Myvincent

La scalata sociale di un esperto proiezionista ai vertici della nomenklatura stalinista; firmerà un patto col diavolo, a scapito dei rapporti umani e dei sentimenti. Come un freddo, lucido reportage sugli anni scuri dell'assolutismo sovietico, il film segna un parallelismo storico con il "1984" di orwelliana memoria, riproponendo però fatti e climi realmente vissuti.

Andrey Konchalovskiy HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Blsabbath • 12/01/09 22:44
    Galoppino - 11 interventi
    il film dovrebbe essere incentrato sul proiezionista privato di Stalin.. e da russofilo quale sono (in senso culturale) non può che interessarmi.. nessuno l'ha visto? :)
  • Curiosità Blsabbath • 12/01/09 22:48
    Galoppino - 11 interventi
    ah piccola nota: ci sarebbe da modificare il regista.. ho sbagliato a traslitterare! è "Andrei Konchalovsky", per altro già presente in qualche scheda..

    sorry!