LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/07/11 DAL BENEMERITO REBIS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 22/07/11 16:20 - 2192 commenti

I gusti di Rebis

Travaglio di un'anima innamorata il cui destino predispone una deriva di solitudine. Esplorazione di una psicologia femminile restituita come un teorema filosofico (o viceversa): gelido, cerebrale, verboso. Il recitato è straniante, i piani sequenza millimetrici e le inquadrature improntate a un rigore formale prossimo all'astrazione. Ma Dreyer, qui al suo ultimo film, si prende troppo sul serio, calca la mano e i dialoghi – solenni e perentori – rischiano sovente l'autoparodia. La teatralità (da una pièce di Hjalmar Soderberg), che dovrebbe sublimare in allegoria metafisica, è schiacciante.

Pigro 10/08/11 09:59 - 8867 commenti

I gusti di Pigro

Diabolico d’un Dreyer! A 75 anni crea la sua opera più estrema e straziante, intensamente e passionalmente (e nostalgicamente) dedicata all’amore. E lo fa nella più stupefacente asciuttezza: delle inquadrature, della fotografia (senza contrasto), perfino della recitazione, giocata tutta su un’atonalità che sembra far provenire da un altro mondo le parole, che quindi rimbalzano con una densità pazzesca. La donna che ha troppo amore ed è circondata da tre uomini che non amano fino in fondo è un’eroina dell’assolutezza. Implacabile e seducente.

Cotola 8/08/14 19:30 - 8397 commenti

I gusti di Cotola

Intendiamoci: siamo dinanzi ad un buon film. Tuttavia l'ultima pellicola di Dreyer non convince ed appassiona come altre sue opere. Sarà a causa di scelte registiche molto coraggiose che possono spiazzare e non incontrare il gusto di tutti o almeno non appieno. Non è quindi un problema di lentezza o teatralità quanto piuttosto di coinvolgimento emozionale. Ecco: forse sconta dei toni glaciali troppo programmatici (si veda la voce atonale dei protagonisti), sebbene essi siano funzionali al narrato ed alle intenzioni del regista. Ottima la scrittura dei personaggi, specie quello di Gertrud.

Daniela 31/01/22 14:30 - 11628 commenti

I gusti di Daniela

Signora altoborghese lascia il marito che la trascura per un musicista vanesio indegno del suo amore... Dreyer si congeda con un film di derivazione platealmente teatrale in cui i personaggi, quasi sempre immobili e ripresi frontalmente, non interpretano ma declamano le battute: il contrasto fra questa scelta estetica e la materia melodrammatica, pur ammirevole nel suo rigore, impedisce ogni empatia se non si condivide l'idea dell'amore come valore assoluto a prescindere dal soggetto verso cui è diretto. Film significativo ma scostante e discutibile nei suoi contenuti.
MEMORABILE: Eroina romantica o donna imbevuta di idee sull'amore romantiche quanto illusorie? La compostissima Gertrud è tanto diversa dalla sognatrice Bovary?

Carlottokj 1/07/22 18:11 - 4 commenti

I gusti di Carlottokj

Ultimo film di Dreyer, e si sente. La cifra stilistica inconfondibile del grande regista danese, l'accuratezza ascetica delle millimetriche sequenze ne fanno un capolavoro, stavolta, troppo formale e astratto. Siamo qui giunti, probabilmente, al distillato estremo di questa magistrale parabola filmica. E anche solo per questo non si può infierire con i momenti di stanchezza ed eccessiva rigidità della pellicola.

Carl Theodor Dreyer HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.