Dopo il matrimonio

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/12/06 DAL BENEMERITO XAMINI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Xamini 24/12/06 21:59 - 1050 commenti

I gusti di Xamini

Che dettagli! Che inquadrature! La trama è semplice: Jacob aiuta i bimbi in India e torna a Copenhagen per trattare una donazione. Viene invitato al matrimonio della figlia del benefattore. Perché? Importante sino a un certo punto. Quel che conta è il modo in cui i sentimenti dei personaggi vengono a galla su schermo: dita che accarezzano, labbra immobili, occhi. Si dirà: troppi, ma che delizia!

Baby FC 3/02/07 01:37 - 3 commenti

I gusti di Baby FC

Una vera storia nel senso più classico del termine: vite che si svelano, colpi di scena. Potrebbe essere un dramma o una telenovela e invece i temi dell'amore, della morte, del tradimento sono trattati con toni lievi, accorati, a tratti malinconici. Una grande regia (d'impronta inequivocabilmente femminile).

Capannelle 14/03/09 15:19 - 3864 commenti

I gusti di Capannelle

Il cinema "nordico" ci ha abituato a colpi ben assestati senza troppo patetismo o clichè. Colpi che rischiano di sprofondare nel pessimismo o nei personaggi manichei ma non è il caso della Blier. Che per questo film può contare su un ottimo Madelsen e su altri validi attori. L'unico appunto che le si può rivogere è l'eccesso di primi piani e movimenti liberi della mdp, che fa tanto cineasta d'autore ma può anche stancare. Ma la visceralità della storia e il fiorire improvviso di drammi e rinunce sono condotti con bravura.
MEMORABILE: L'annuncio al matrimonio.

Giacomovie 29/06/11 00:45 - 1362 commenti

I gusti di Giacomovie

Ha un inizio semplice e confuso e ci mette una buona mezz'ora per carburare, ma poi comincia a trovare la sua dimensione intessendo un intreccio intimista che tocca una vasta gamma di delicati e profondi sentimenti umani. La regia ha uno stile quasi kieslowskiano ed è un elogio del dettaglio. La trama, in cui ogni scena ed ogni personaggio ha la sua collocazione, riesce a toccare le corde giuste per lasciare un segno nell'animo. L'analisi di esperienze ed emozioni è asciutta, riesce ad evitare i pietismi e per questo risulta diretta e concreta.

Mickes2 20/08/11 16:17 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Il tocco femminile in regia si nota tutto: un mèlo ricco di sentimenti in cui si affrontano temi universali come l’amore, il senso della vita e l’importanza di donare o lasciare qualcosa di concreto ai tuoi cari. Grande importanza per i dettagli: labbra, sorrisi, mani che accarezzano, occhi pieni di disillusione che piangono. La Bier tocca gli animi più sensibili e ci riesce pregevolmente senza eccessi di patetismo o ricatti. Gli si perdonano un paio di didascalismi di troppo e il jump-cut godardiano dell’Ultimo respiro, francamente evitabile.
MEMORABILE: L'incontro tra il padre e la figlia.

Cotola 3/09/11 23:54 - 7846 commenti

I gusti di Cotola

Il cinema della Bier non riesce a convincermi e questo film ne è la conferma. Furbesco poiché fa leva in modo troppo semplicistico sulle emozioni dello spettatore, create ad arte grazie ad una sceneggiatura con troppi colpi di scena che sembrano confarsi più ad una soap che ad un melodramma. Eppure c'è chi parla di grandi contenuti, di alto profilo. In realtà mi è sembrato solo che la regista ci racconti una “semplice” storia, dignitosa ma nulla più. Le grandi opere e le profondità sono da tutt’altra parte.

Giùan 5/01/12 15:56 - 3273 commenti

I gusti di Giùan

Croci (tante) e delizie (rare) del contemporaneo cinema d'autore (nord)europeo. Splendida messa in scena, utiizzo abile degli espedienti narrativi (ma già lì è un abilità che troppo confina con l'astuzia) e un reparto attoriale ben al di sopra della media (eccezionale Lassgard). La sensazione generale che il film della Bier lascia addosso, tuttavia, è quella di un melò saccente, patinato, nel quale i fili si aggrovigliano senza né mai stringerti troppo a sè, né crear nessuna forma di giusta distanza. Val la pena rivedersi un Sirk d'annata, un Loach o un Leigh.

Cloack 77 31/05/12 18:45 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

La storia si fa interessante man mano che le carte si scoprono e il volto "svampito" di Mikkelsen diviene funzionale o "disfunzionale" per un dramma necessariamente lento nelle proprie meccaniche. Anche Susanne Bier scopre pian piano il suo progetto di regia, insistendo continuamente su dettagli, occhi, scatti nervosi, reazioni impercettibili: disfunzionale anche questo modo di dirigere, che può piacere o infastidire per l'eccessivo personalismo ma che nel contesto della storia non stona.

Luchi78 26/09/12 09:02 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Film piuttosto freddo nonostante la quantità di situazioni sentimentali ed affettive messe sul fuoco. Un'incredibile serie di complicazioni familiari, tanti discorsi altisonanti e scene da disperazione strappalacrime che però non riescono completamente a convincere e a lasciare un segno a fine film. Lo ritengo un lavoro che non ha definitivamente raggiunto il suo scopo, nonostante l'ottima regia della nordica Bier. Piccola delusione.

Galbo 22/11/12 15:42 - 11596 commenti

I gusti di Galbo

Presenta uno stile asciutto e nervoso la regista danese Susanne Bier, in questo suo film, quasi a volere sottolineare la solitudine interiore e le incertezze del protagonista, uomo che ha trovato tra i derelitti un precario equilibrio emotivo. La contrapposizione tra due civiltà agli antipodi, non solo geografici, e la descrizione psicologica dei personaggi sono gli elementi migliori di un film che rivela invece il limite principale nella necessità di colpi di scena narrativi, non sempre funzionali al racconto. Ottima la prova degli attori.

Sidse Babett Knudsen HA RECITATO ANCHE IN...

Nando 27/03/15 11:33 - 3546 commenti

I gusti di Nando

Una pellicola con numerosi colpi di scena familiari che ben s'intersecano nello sviluppo narrativo e nell'azzeccato confronto tra due stili di vita totalmente opposti benché sottilmente legati tra loro. Cast come sempre appropriato, con i due interpreti maschili principali sopra tutti ben supportati dagli altri. La Bier rimane sempre una certezza.

Daniela 10/10/15 13:05 - 10235 commenti

I gusti di Daniela

Da molti anni residente in India, dove opera come volontario in un orfanotrofio prossimo alla chiusura, Jacok è costretto a ritornare in Danimarca per procacciarsi i fondi necessari... Melodramma sotto forma di thriller sentimentale - quali sono le reali intenzioni del "filantropo" Jorgen? - di elegante fattura ma a tratti ricattatorio oppure eccessivamente programmatico (troppe coincidenze nella trama, oltre quelle volute). Più che per la storia, merita ampiamente la visione grazie alla bella prova corale del cast, con lo svedese Lassgard che se la vede alla pari con Mikkelsen.

Gottardi 19/04/21 10:59 - 78 commenti

I gusti di Gottardi

Volontario danese in India rientra in patria per cercare fondi: introdotto nella famiglia di un benefattore, in occasione del matrimonio della figlia nascono avvenimenti legati al passato che ritorna, e tutti non sono quel che sembrano. Classico film che divide i giudizi. Rimane incontrovertibile il tocco lieve della Blier nel trattare la materia dei sentimenti senza scadere nel lacrimevole o nel banale, così come la levatura degli interpreti, tutti meravigliosamente in parte. Melò? Forse, ma nel senso elevato di una lirica classica pervasa di umanità dolente. Ce ne fossero.
MEMORABILE: I primi piani degli occhi vitrei degli animali impagliati; I primi piani degli occhi dei protagonisti in trappola.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.