Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA SANTA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/1/14 DAL BENEMERITO DANIELA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Daniela
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Galbo, Rocchiola
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Rebis


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 29/1/14 5:53 - 10827 commenti

Il tentativo di Cosimo Alemą di rappresentare la violenza quasi tribale in un contesto sulla carta distante come quello di una festa padronale in un piccolo paese meridionale, puņ dirsi sostanzialmente riuscito grazie soprattutto al talento visivo del regista che č evidente nella ricostruzione ambientale e nelle scene pił movimentate. Difetta la sceneggiatura non abbastanza corposa che pure presenza qualche "guizzo" interessante, specie nel finale. Buona la prova degli attori.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 22/1/14 8:39 - 7801 commenti

In un paesino pugliese, quatto uomini progettano il furto della preziosa statuetta della patrona locale. Sembra un colpo facile, ma hanno fatto i conti senza gli osti, ossia gli abitanti decisi a difendere a mano armata la loro santa... Quasi una versione cattiva del film di Mazzacurati, un noir a basso costo di bella e spettrale ambientazione, non del tutto riuscito a livello di scrittura e con un cast disomogeneo nelle prestazioni, ma anche originale, non sentimental-ombellicale, coraggioso per la mancanza di qualsiasi catarsi conciliatoria. .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 4/2/16 11:51 - 2073 commenti

Ambizioso nell'elaborare in chiave antropologica l'heist movie, ma incapace di generare un efficace crescendo drammaturgico, procede per inerzia verso la tragedia, nemesiaca e ineludibile, tra ingenuitą di sceneggiatura, felici intuizioni visive affioranti da una costruzione poco coesa, pistolotti che mettono impietosamente in luce pregi e difetti di un cast discontinuo ma indiscutibilmente impegnato. Chiusura a effetto, sulle orme dei pił insigni epigoni del cinema noir.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Rocchiola 19/4/19 11:57 - 510 commenti

Piccolo film di genere ruspante e a tratti feroce, piuttosto insolito nell’odierno cinema italiano infestato da commediole para-televisive. Inizia come La lingua del santo e poi si trasforma in un assedio degno di Carpenter e Romero, con i villici assetati di sangue e privi d’identitą al pari degli assalitori di Distretto 13 e dei morti viventi di Zombi puntualmente citato da uno dei protagonisti. Peccato solo per qualche calo di tensione e per una fotografia troppo desaturata che penalizza i suggestivi scenari del Comune di Specchia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Diego finito a bastonate da donne e bambini; La pausa dal fornaio Santino; Gianni ferito tra gli uliveti; Agostino freddato sul tetto della chiesa.
I gusti di Rocchiola (Guerra - Poliziesco - Western)