Discussioni su The children - Film (2008)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Buiomega71 • 31/01/13 14:27
    Pianificazione e progetti - 24416 interventi
    Arrivatomi ora il dvd francese della Images & Vision, unrated e con sub francesi.
  • Schramm • 31/01/13 14:36
    Scrivano - 7364 interventi
    preparati a godere a palla...
  • Rebis • 31/01/13 19:47
    Compilatore d’emergenza - 4350 interventi
    Occhio però, il film è molto parlato, soprattutto all'inizio. Io ho faticato un po' anche con i sub italiani...
  • Buiomega71 • 31/01/13 19:52
    Pianificazione e progetti - 24416 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Occhio però, il film è molto parlato, soprattutto all'inizio. Io ho faticato un po' anche con i sub italiani...

    Immaginavo...D'altronde o così...O nada
  • Pumpkh75 • 31/01/13 20:25
    Addetto riparazione hardware - 421 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Rebis ebbe a dire:
    Occhio però, il film è molto parlato, soprattutto all'inizio. Io ho faticato un po' anche con i sub italiani...

    Immaginavo...D'altronde o così...O nada


    Un pò di sofferenza l'ho avuta anche io, ma ne vale la pena....eccome se ne vale...
  • Buiomega71 • 14/01/17 09:50
    Pianificazione e progetti - 24416 interventi
    Lo si può prendere da tutte le parti che si vuole e ci si vede dentro mezzo secolo di TUTTO il fantacinema dell'infanzia dannata.

    Ok, King/Kiersh, Serrador, Rilla, LeRoy, Prosperi, Du Welz, ma soprattutto (e anche per l'atmosfera gelida/nevosa/invernale) il Cronenberg di Brood.

    Una suspence della Madonna quasi insostenibile (tutto il prefinale all'interno della villa di campagna, per le scale, dietro la porta chiusa a chiave), un crescendo inarrestabile di eventi inquietanti (il vomito dei bimbi, il bosco di notte all'inizio che trasmette paure ancestrali, i bimbi che fanno un casino madornale e non stanno mai fermi, la sberla, il graffio della piccola Miranda-che tutto di un tratto, a tavola, durante il pranzo, sembra posseduta come Linda Blair-)

    L'inizio nella quotidianità (due famiglie in un week end natalizio con rispettivi pargoli), presagio della follia infantile scatenante che sfocerà implacabile di lì a poco.

    Cosa succede ai bambini di Shankland? Non ci e dato saperlo (forse qualche "tossina" portata dagli alberi come in E venne il giorno, o magari una specie di influenza sconosciuta venuta dalla Cina che attacca le difese immunitarie dei pargoletti trasformandoli in cani idrofobi come Cujo) quel che si sà e che il regista inglese , poi, non bada più a spese, e si scivola nella ferocia più lucida e implacabile.

    E se la giovane Casey (la riotgirl scazzata) non solo seduce lo zio nella serra, ma viene additata come capro espiatorio della strage dai pargoletti stessi (che sono sì feroci, ma nemmeno scemi), i genitori paiono dei babbei, pronti a difendere la loro prole e non capendo cosa davvero stia succedendo intorno a loro.

    La pandemia si diffonde e comincia il jeu de massacre

    Shankland non lesina in crudeltà assortire (gambe spezzate, teste spaccate, eye violence fulciani, bambolotti parlanti ficcati nello squarcio allo stomaco, orecchini strappati dai lobi delle orecchie), con tempistiche thriller che non lasciano più respirare.

    E non ha pietà nemmeno per i piccoli mostri (a dire il vero nemmeno io, perchè i bimbetti sciroccati erano un pò odiosetti, e godevo come un riccio vederli spatasciati dalla Volvo, infilzati nella serra o dalle schegge della porta) e chiude il suo allucinante racconto con un pessimismo apocalittico romeriano da pelle d'oca senza speranza (e l'ultima inquadratura , sul volto di Casey, rammenta quella di Brood-guarda caso- e quella della Maledizione della vedova nera)

    La glacialità del piccolo Paulie (mentre osserva i genitori dormire in camera da letto) che continua a strimpellare nervosamente sul quel cavolo di pianola, le crisi di Miranda, la piccola Leah che si trucca da donna con fard e rossetto, l'ecatombe sanguinaria di quattro marmocchi verso i loro genitori, in una villa sperduta nella campagna inglese circondata dai boschi e dalla neve.

    Notevole la regia di Shankland (bellissima la ripresa dall'alto che segue Eva Birthistle tra la scia di sangue nella neve) che si impreziosisce di particolari e non stacca mai la presa della tensione.

    Un gioco da bambini gelido e crudele, forse un pò derivativo per chi avvezzo al genere, ma di grande presa emotiva.

    Insieme a Vinyan , uno dei più raggelanti film sui pargoli assassini degli ultimi anni.

    Già che i bambini mal li sopporto, e la visione sarebbe un ottimo metodo contraccettivo.

    Chi ha detto che i bambini non si toccano?

    Aveva proprio ragione lo zio Lucio nell' "epitaffio" pre-titoli di coda di Quella villa accanto al cimitero.
    Ultima modifica: 14/01/17 15:09 da Buiomega71
  • Capannelle • 23/10/18 19:42
    Scrivano - 2966 interventi
    Rivisto ieri: sì di motivi per vederlo almeno una volta ne offre ma va detto che la storia è alquanto tirata per i capelli per quanto i "grandi" sono succubi degli avvenimenti e litigiosi tra loro.
    I bambini più introversi comunque raggiungono livelli di cattiveria/pazzia niente male e concordo con Buio quando si diverte a vedere la fine che fanno.
    Ultima modifica: 23/10/18 19:43 da Capannelle