Winter Lake - Il segreto del lago - Film (2020)

Winter Lake - Il segreto del lago

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Un mistero che è poco tale, una trama che si potrebbe scrivere su di un fazzoletto, la durata di un'ora e mezza che pare raddoppiare minuto dopo minuto. L'isolatissima campagna irlandese ospita un thriller che del thriller non ha molto, se si escludono un paio di scene indubbiamente ben girate che sfruttano i colori scurissimi di cui si tinge in più parti il film e che sembrano immergere nell'inchiostro tutti coloro che finiscono nelle acque del lago. La qualità delle riprese è in alcuni casi evidente, ma la storia sembra non procedere mai. Protagonista ne è Tom (Boon), un ragazzo che parla pochissimo e vive con la madre (Murphy) in un casolare lontano da tutto tranne che dal lago del titolo, nel...Leggi tutto quale un giorno ritrova lo scheletro d'un bimbo appena nato che conserverà gelosamente in una scatola. Quando casualmente sua madre conosce Holly (Mackey), una bella giovane che pare solitaria nell'intimo quanto Tom, tra i due nasce una sincera amicizia, anche se al solito le parole scarseggiano. Per lungo tempo non succede praticamente nulla, mentre acquisiscono lentamente importanza la figura del padre di Holly e della madre di Tom. Altri personaggi quasi non ne esistono e si continua sfruttando i suggestivi paesaggi ai quali una fotografia insolitamente fredda sottrae i colori del caratteristico verde dell'erba irlandese. La progressione della componente più mystery - considerato non tanto il titolo italiano (in fondo "abusivo" rispetto a quello originale, decisamente più neutro) quanto le atmosfere rarefatte, gravide di rivelazioni che dovranno riguardare magari lo scheletrino ritrovato nel lago - non mancherà (togliete anche quella e non resta nulla), ma il tutto avrà in fondo una spiegazione elementare. Si rientra insomma più nel campo del dramma a tinte forti, con una lenta discesa verso l'abisso metaforicamente desunta da quella fisica nel lago che ci viene mostrata già in apertura. Non è tuttavia difficile intuire quel paio di idee su cui la trama si sostiene e risulta evidente che al regista Phil Sheerin interessi maggiormente soffermarsi sul ritratto psicologico della coppia protagonista, contrapponendo il carattere introverso e quasi assente di Tom a quello più socievole e vivace (ma nemmeno poi troppo) di Holly. Del passato del primo qualcosa ci viene nascosto; forse si tratta di qualcosa legato alla madre, la quale farà presto luce sulle proprie debolezze; ma non sono molti gli elementi forniti per scoprire la chiave di un comportamento tanto dissociato mentre ci si accorge che, come detto, i tempi si allungano senza un perché, senza che li si riesca a caricare di quella gravità che giustifichi le attese; troppi i momenti in cui il nulla si condensa occupando ogni pausa. Esteticamente il lavoro presenta più di un'attrattiva, ma fallisce nell'appassionare se non superficialmente, grazie alla singolarità dei due protagonisti.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/10/22 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.