Seduto alla sua destra - Film (1968)

Seduto alla sua destra
Media utenti
Anno: 1968
Genere: drammatico (colore)
Note: Originariamente doveva essere uno degli episodi di "Amore e Rabbia", poi sostituito dall'episodio girato da Bellocchio e trasformato in un film autonomo.

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/07/10 DAL BENEMERITO RONAX
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ronax 22/07/10 00:49 - 1252 commenti

I gusti di Ronax

Il '68 è alle porte e Zurlini si tuffa nel terzomondismo cattolico in chiave post-conciliare con una ricostruzione assolutamente personale della vicenda del leader indipendentista congolese Patrice Lumumba. Tema nobile ma assolutamente fuori dalle corde di Zurlini che imbastisce una cupa parabola sulla violenza e sul martirio del tutto avulsa dalla realtà storica. Woody Strode ce la mette tutta ma non basta, comunque sempre meglio di uno spaesatissimo Franco Citti. Decisamente più a suo agio Luciano Catenacci nel ruolo di sadico mercenario.
MEMORABILE: Gli esterni girati nelle campagne laziali e spacciati per vera Africa.

Fauno 18/06/12 12:12 - 2212 commenti

I gusti di Fauno

Film ottimo in quanto scorrevole come davvero pochi altri, cinico in un modo pazzesco e di una crudeltà inaudita per esser del '68, molto attinente alla realtà dei massacri in Congo da parte dei belgi e dei governi fantoccio. In più si delinea in maniera istantanea, ma sconvolgente, la figura del Giuda nero, che agisce per un motivo dal mio punto di vista talmente incredibile da far capire anche perché in Africa i colonizzatori abbiano quasi sempre avuto vita facile...

Daniela 27/02/24 18:16 - 12654 commenti

I gusti di Daniela

In un paese africano retto da uno spietato dittatore, un leader africano che predica la rivolta non violenta viene torturato da mercenari ex colonialisti per costringerlo a firmata una dichiarazione in cui abiura le sue idee. Gli è accanto nel martirio un truffatore italiano imprigionato per furto che prova pietà nei suoi confronti... Zurlini rende omaggio al 68 con questa rivisitazione in chiave terzomondista del racconto evangelico dei due ladroni accanto al Cristo in croce: intento nobile, interpretazioni ispirate ma il film non convince pienamente per l'eccessivo didascalismo.

Stephen Forsyth HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Il rosso segno della folliaSpazio vuotoLocandina La morte non conta i dollariSpazio vuotoLocandina All'ombra di una coltSpazio vuotoLocandina Sangue chiama sangue
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Musiche Lucius • 30/03/21 10:25
    Scrivano - 9054 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:

    [img size=300]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/seduto.jpg[/img]
    Ultima modifica: 30/03/21 11:13 da Zender