Lantana

Media utenti
Titolo originale: Lantana
Anno: 2001
Genere: drammatico (colore)
Note: Il soggetto del film è tratto dall'opera teatrale "Speaking In Tongues" di Andrew Bovell.
Numero commenti presenti: 11

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/09/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 12/09/07 10:49 - 2693 commenti

I gusti di Caesars

Piacevolissima sorpresa questo giallo firmato da Ray Lawrence: una psicologa scompare nel nulla e sul caso indaga un detective, che si troverà così coinvolto nelle vicende di alcune persone che gravitavano attorno alla donna. Quello che genera maggior interesse nella pellicola è proprio l'analisi dei rapporti che ci sono tra i vari personaggi e l'atmosfera che si respira, più ancora della spiegazione del mistero. Prodotto non banale che merita sicuramente di essere conosciuto.

Almayer 24/04/08 08:52 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Inizia come un giallo, in realtà si sviluppa più come Grand Canyon. Finale che sembra tendere al mieloso e invece è perfetto. Il film è ottimamente girato e interpretato (su tutti un bravissimo Anthony LaPaglia e un ottimo Geoffrey Rush). Da vedere (merita proprio), se possibile, in originale con i sottotitoli: l'accento australiano è alquanto ostico.

Stefania 1/03/09 19:00 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Incomunicabilità, indifferenza, menzogne, sospetti soffocano e avvelenano le vite di vari personaggi, tutti in qualche modo coinvolti, o almeno sfiorati, dal mistero della scomparsa di una psichiatra. La verità che il detective Leon (un ottimo LaPaglia) scopre è incredibilmente triste, ma il finale (la bellissima scena del ballo) suggerisce che la fiducia e l'amore possono, forse, sopravvivere all'ineluttabilità del Male.
MEMORABILE: Il crescendo drammatico dell'ultima serata della psichiatra Valerie.

Domino86 13/09/10 11:40 - 546 commenti

I gusti di Domino86

Un bel thriller, meglio di quello che aspettavo. Procede con lentezza ma non annoia anzi, cresce poco alla volta catturando lo spettatore, immergendolo nell'intrecciarsi delle storie dei vari personaggi. Lascia intendere delle cose per poi mescolare le carte e cambiare i fatti. Buon film.

Belfagor 18/09/10 13:47 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

È sorprendente quanto si possa ancora parlare sul tema dell'incomunicabilità. Come per la pianta citata nel titolo, un'apparenza vivace e colorata (che parrebbe più adatta ad un telefilm che ad un film) nasconde un groviglio aspro e spinoso, fatto di tradimenti, segreti, menzogne, colpe inconfessabili. In mezzo ad un cast variegato e ben scelto, La Paglia spicca come un novello Jeffrey Beaumont (ma privo di innocenza) alla ricerca di uno spiraglio di luce per sfuggire al dramma del male nell'esistenza umana.
MEMORABILE: Il ballo nel finale.

Ducaspezzi 31/07/12 03:00 - 222 commenti

I gusti di Ducaspezzi

Attorno al mistero della sparizione di una giovane donna, si dipana l'altrettanto fitto mistero delle relazioni umane, della loro capricciosa fluidità o smarrita staticità. Ed è su queste che si innesta pian piano il più genuino coinvolgimento, in una vicenda che se ha nel suo nucleo un "giallo", è tuttavia nella sua materia "drammatica" (corretta, anche se non scontata, l'attribuzione di genere) che trova non solo la sua definizione, ma anche il grosso della suspense. Regia e script duettano succosamente, con il supporto di attori in forma.

Saintgifts 4/01/15 10:19 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un centro con tanti raggi (le persone) che vanno a formare un cerchio che tutti coinvolge. Le vite dei personaggi all'interno del piccolo mondo del cerchio (rappresentativo di un mondo più grande) finiscono per incontrarsi, per intrecciarsi e per svelare le parti più nascoste di essi, le più "sordide" ma anche le più umane. Notevole, ben diretto e ben interpretato, con una sceneggiatura ben costruita che invita a seguire con interesse, rendendo sempre più comprensibile il coinvolgimento dei personaggi: tutti essenziali, nessuno innocente.
MEMORABILE: Barbara Hershey durante le sedute.

Daniela 5/01/15 12:34 - 9396 commenti

I gusti di Daniela

Attorno alla scomparsa di una psicologa di successo, del cui probabile omicidio viene sospettato il marito, si dipanano le storie di alcuni personaggi, tutti alle prese con problemi sentimental/familiari, a cominciare dal detective che indaga sul caso... un film australiano che, partendo da uno spunto tipicamente thriller, abbandona ben presto le strade battute per farsi affresco di un malessere esistenziale di cui il tradimento è spia e non causa, fino ad un finale che saggiamente lascia conti in sospeso. Eccellente la prova corale del cast, con LaPaglia e Rush sugli scudi.

Bubobubo 19/07/20 01:49 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Ogni uomo è un'isola, solo con sé stesso e con i propri fallimenti. Ad individuare inaspettate connessioni tra individui atomizzati, la misteriosa scomparsa di una psicologa di successo, reduce da un profondo trauma privato e divorata dal timore di un tradimento omoerotico. Non ingannino gli sparuti richiami ambientali alla circolare viscosità di Strade perdute: il giallo di Lawrence è un noir dell'anima, proscenio in penombra di penultimi i cui segreti inconfessabili si sono sostituiti alla vita vera. Imperfetto e a tratti televisivo, ma con qualcosa di tremendamente magnetico.
MEMORABILE: Il tarlo del dubbio comincia ad insinuarsi nella mente della psicologa (Hershey); Ballo tra moglie (Armstrong) e amante (Blake).

Pinhead80 6/08/20 18:30 - 3948 commenti

I gusti di Pinhead80

Nelle notti australiane della periferia di Sydney le storie di alcune persone si incrociano e finiscono per dare vita a una serie di eventi di cui non potranno controllare la portata. Affascinante film a metà strada tra il thriller e il drammatico che non racconta soltanto dell'essere umano e dei labirinti della mente, ma anche dell'impossibilità di riuscire a essere sinceri e di quanto questo porti alla distruzione delle relazioni. I personaggi vengono approfonditi adeguatamente e possiamo godere delle eccezionali interpretazioni di Anthony La Paglia e Rachael Blake.
MEMORABILE: Lo scontro fortuito durante il jogging; Le sedute di psicoterapia.

Fromell 28/08/20 09:32 - 65 commenti

I gusti di Fromell

Pregevole dramma/thriller poco conosciuto in Italia in cui più linee narrative convergono disegnando una società medioborghese la cui assoluta mancanza di difetti è una facciata dietro cui si nascondono solitudini, nevrosi e tradimenti. La lantana del titolo è un genere di pianta in cui viene ritrovato il cadavere di una psicologa. Da qui il giallo sulla sua morte e il lento, ma mai noioso, emergere della vera natura di ogni singolo personaggio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 21/11/16 11:07
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Il soggetto del film è tratto dall'opera teatrale "Speaking In Tongues" di Andrew Bovell,

    La lantana del titolo originale, rimasto immutato per la versione doppiata, è una pianta appartenente alla famiglia delle verbenacee, originaria dell’America e dell’Africa, ma coltivata anche in Europa per scopi ornamentali.