Io, l'amore - Film (1967)

Io, l'amore

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/12/10 DAL BENEMERITO FAUNO
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fauno 11/12/10 12:49 - 2219 commenti

I gusti di Fauno

Se lo si guarda al volo si rischia di considerare la classica Bardot everlasting sex symbol here at her best e poco altro e anch'io ho fatto così la prima volta e mi sono lustrato le pupille... devo però dire che oltre che divertente è anche terribilmente drammatico, perché dimostra che i caratteri leggendari (e ce ne sono due e tutti e due uomini!) prima o poi fanno acqua dappertutto... Ci si rimane male per come finisce, ma per estetica e per situazioni da sogno ben espresse nel film, se ne esce comunque contenti...

Lucius 12/11/15 00:45 - 3015 commenti

I gusti di Lucius

Troppo breve per far discernere il pianeta amore, la vita di coppia, le relazioni extraconiugali, i sapori corporali e la chimica sessuale. Troppo blando per enfatizzare le sensazioni sottopelle di chi resta travolto dai sensi. Il regista fa leva sulla coppia (bellissima) al centro del film, ma la sensazione è che resti molto di inesplorato. D'altronde nel 1967 non si poteva osare più di tanto a livello di erotismo. La resa filmica non convince appieno per via di un'eccessiva timidezza.

Homesick 21/12/17 12:48 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il dissidio tra la comodità del ménage borghese e l'anelito all'amore libero e avventuroso è un elemento diegetico che caratterizza parecchio cinema tra fine anni Sessanta e Settanta; la pellicola di Bourguignon ne costituisce esempio succinto e molto visivo - in particolare rilievo estetico i servizi fotografici delle modelle e il paesaggio scozzese -, in cui la coppia Bardot-Terzieff, giovane e passionale, infonde i propri umori palpitanti sia nella serenità vacanziera del carpe diem che nella pungente consapevolezza del drammatico epilogo.
MEMORABILE: L'adorabile cane di Terzieff; Le telefonate al marito; Lo scontro con i teppisti in motocicletta; Le lacrime finali.

Ronax 24/05/24 01:33 - 1274 commenti

I gusti di Ronax

Sull'onda della Swinging London e alle porte del '68, il cinema del tempo amava bazzicare nell'ambiente presunto trasgressivo della moda e delle fotomodelle. In realtà, a dispetto della apparente spregiudicatezza, il film di Bourguignon è un tradizionalissimo melodramma sentimentale con dialoghi da fotoromanzo declamati con aria ridicolmente ispirata e aggiornato con gli eleganti nudi "vedo non vedo" offerti da una B. B. in gran forma, ma censurati nella versione italiana. Al di là della splendida fotografia e della confezione smagliante, è il trionfo dell'aria fritta.
MEMORABILE: Il dialogo sull'infedeltà coniugale fra la Bardot e la sua compagna di camera.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Massaggiami dolce... massaggiami pianoSpazio vuotoLocandina L'uomo che morì tre volteSpazio vuotoLocandina Beau travailSpazio vuotoLocandina Vagon fumador
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Musiche Zender • 21/05/18 08:22
    Capo scrivano - 47992 interventi
    Come scrive Marcel M. J. Davinotti jr. nella sua recensione a Wider Horizons, nella colonna sonora di "Io, l'amore" (A coeur joie, 1967) sono contenuti due brani scritti da Michel Magne ("Do You Want To Marry Me" e "I Must Tell You Why") che David Gilmour, non accreditato, cantò prima di unirsi ai Pink Floyd l'anno successivo (venne chiamato dagli autori del film e si limitò, per l'appunto, a cantarli). L'ha svelato lo stesso chitarrista durante l'intervista rilasciata in Wider Horizons.

    Ecco qui i due brani, per chi li volesse ascoltare.
    Ultima modifica: 12/10/21 12:45 da Zender
  • Homevideo Digital • 19/11/22 23:58
    Portaborse - 4029 interventi
    Dvd Film Boutique disponibile dal 13/01/2023.