Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/11/20 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 11/12/20 00:16 - 10325 commenti

I gusti di Daniela

Attraverso l'intreccio tra passato e presente, l'ascesa sociale di un ragazzo che riesce ad entrare a Yale nonostante provenga da una famiglia rurale del Sud ed abbia una madre tossica che cambia continuamente casa e compagno. L'esito è scontato dato che è lui stesso a narrare la sua storia, tratta da un best seller autobiografico. Questa prevedibilità di fondo è uno dei difetti di un film diretto e interpretato con professionalità ma troppo simile a tanti altri incentrati sull'American dream e sull'esaltazione dei valori tradizionali, qui incarnati da nonna Glose. Illustrativo. 

Herrkinski 26/11/20 15:01 - 5765 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra dramma e biopic (è basato sulle memorie di un ragazzo), una produzione Netflix che racconta una storia di vita familiare del profondo sud degli Stati Uniti tra gli anni '80 e oggi, in un continuo alternarsi tra flashback dell'infanzia e ritorni al presente; storie di droga, povertà, fallimenti ma anche di valori e rinascita, in un'elegia del sogno americano di cui Howard è esperto cantore. Tutto già visto e la retorica è evidente ma il film è salvato dalle prove attoriali, tutte ottime (specialmente la Close), con una somiglianza ai personaggi reali davvero impressionante.

Galbo 29/11/20 19:23 - 11611 commenti

I gusti di Galbo

L' America profonda della provincia fa da sfondo alle vicende di una famiglia dalla forte impronta matriarcale. Ron Howard, cantore americano per eccellenza, dirige una storia dal forte impatto drammatico in cui abbondano però la retorica e gli stereotipi nella caratterizzazione dei personaggi. Funzionano l'ambientazione e la prova del cast, che annovera una grande Glenn Close e una brava (anche se a volte troppo "urlata") Amy Adams. Bravo il giovane Gabriel Basso, personaggio ispirato all'autore del romanzo da cui è tratto il film.

Domino86 10/02/21 12:26 - 571 commenti

I gusti di Domino86

Storia che probabilmente purtroppo accumuna molti americani (e non solo) che però dà speranza e può incentivare a reagire d ifronte a determinate avversità nelle quali ci si ritrova senza volere. Sicuramente nel cast è Glenn Close quella che tiene maggiormente in piedi il film grazie a un'ottima interpretazione. A tratti lento ma nel complesso più che passabile.

Enzus79 11/02/21 17:56 - 2006 commenti

I gusti di Enzus79

Ennesima storia sulla formazione e sul sogno americano. Tutti gli stereotipi e i cliché che ci si possono aspettare da una storia del genere qui non mancano. La durata di quasi due ore sembra eccessiva e la scontatezza di un finale altamente prevedibile non riesce a coinvolgere più di tanto. Ottime le interpretazioni di Glenn Close e soprattutto di Amy Adams. Colonna sonora così così.

Lou 9/05/21 12:03 - 1036 commenti

I gusti di Lou

Tratto dal best seller autobiografico di J. D.Vance, la classica storia americana di chi riesce ad avere successo nella vita nonostante le condizioni famigliari penalizzanti, che Howard porta sullo schermo radicalizzando oltremodo il concetto, con abbondante uso di enfasi retorica. Una storia vera che mostra per l'ennesima volta la cruda realtà rurale arretrata della provincia americana, da cui risulta molto duro riscattarsi. Molto convincente nel ruolo la Close.

Capannelle 17/05/21 00:08 - 3874 commenti

I gusti di Capannelle

E' tutto composto in maniera ordinata e professionale e non si può parlare di una regia anonima perché Howard ci prova a caratterizzare la storia e e mantenere il ritmo su livelli decorosi. Però è tutto dannatamente prevedibile e già visto, al cinema, come lo sono le tematiche della redenzione, del pagamento delle cure mediche e del colloquio nello studio di avvocati. E il ritmo paga le due ore che potevano essere tagliate soprattutto nella parte centrale e nei flashback.

Freida Pinto HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 18/04/21 11:02
    Gran Burattinaio - 5506 interventi
    Doppia candidatura per Glen Close

    Glen Close colleziona la sua ennesima candidatura all'Oscar, questa volta come migliore attrice non protagonista con questa Elegia americana in cui interpreta il ruolo della nonna-cardine della famiglia Vance.
    Il film è stato stroncato da buona parte della critica USA, che però ha generalmente "salvato" la prova di Close.
    Non sono stati dello stesso parere i selezionatori del Razzie Awards che l'hanno candidata come peggior attrice non protagonista per lo stesso ruolo.

  • Discussione Caesars • 19/04/21 09:28
    Scrivano - 12896 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Doppia candidatura per Glen Close

    Glen Close colleziona la sua ennesima candidatura all'Oscar, questa volta come migliore attrice non protagonista con questa Elegia americana in cui interpreta il ruolo della nonna-cardine della famiglia Vance.
    Il film è stato stroncato da buona parte della critica USA, che però ha generalmente "salvato" la prova di Close.
    Non sono stati dello stesso parere i selezionatori del Razzie Awards che l'hanno candidata come peggior attrice non protagonista per lo stesso ruolo.

    Si, credo che sia la prima volta che un attore/attrice venga candidato, per lo stesso ruolo nello stesso film, sia al premio Oscar che al Razzie Awards.