Disorder - La guardia del corpo

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/10/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 9/10/16 23:35 - 9096 commenti

I gusti di Daniela

Soldato reduce dal Medio Oriente esonerato dal servizio per stress post-traumatico accetta l'incarico di guardia del corpo per moglie e figlio di un ricco uomo d'affari libanese... Incentrato per buona parte della sua durata sulla percezione di un pericolo dai contorni indefiniti che potrebbe anche essere frutto di paranoia, il film punta molto sull'interpretazione introversa, nervosa e ruvidamente fisica del protagonista, ma la bravura di Schoenaerts non può riscattare una sceneggiatura tanto inconsistente. Da segnalare la resa sonora delle allucinazioni acustiche, piuttosto efficace.

Hackett 24/07/17 20:39 - 1720 commenti

I gusti di Hackett

Discreto thriller che parte dall'ambiguità del suo protagonista, un bravo Matthias Schoenaerts, reduce traumatizzato che non può contare del tutto nelle sue suggestioni. Purtroppo l'intreccio perde troppo presto quest'ambiguità e ci fa capire con eccessivo anticipo da che parte stia la verità. Torna alla mente lo splendido Allucinazione percersa, dove però la storia era meglio gestita. Rimane un thriller godibile, ma un po' sciupato.

Pinhead80 28/10/17 12:26 - 3830 commenti

I gusti di Pinhead80

Un reduce tornato sofferente da una missione in Medio Oriente sbarca il lunario come bodyguard per una famiglia altolocata. Tra paranoia e realtà il compito si dimostrerà più arduo del previsto. L'effetto straniante della prima parte, in cui non si capisce bene la natura delle preoccupazioni del protagonista, è ciò che riesce meglio. Dopodiché al film rimane pochissimo da dire e non sono sufficienti le prestazioni rambesche di Matthias Schoenaerts a dare un senso al tutto. Peccato.

Piero68 2/01/18 09:29 - 2751 commenti

I gusti di Piero68

L'intenzione era quella di fare un film sugli effetti dello stress post-traumatico della guerra. Nella realtà ne viene fuori una sorta di thriller senza pretese dai risvolti fanta-politici, che si tiene in piedi solo grazie alla prova maiuscola di Schoenaerts. Inguardabile la Kruger, messa lì solo per la sua bellezza e personaggi di contorno altamente ininfluenti. Regia passabile ma arrivare alla fine è dura!
MEMORABILE: Il primo vero attentato in macchina, al ritorno dalla spiaggia e la reazione della guardia del corpo.

Alf62 30/04/19 11:33 - 64 commenti

I gusti di Alf62

Visto da un'angolatura diversa dall'action movie, questo film trova più senso in un'ottica antimilitarista. Gran parte del film è incentrato sulle turbe psichiche del protagonista reduce di guerra. La percezione del pericolo è costante, le paranoie, le allucinazioni uditive, la violenza esercitata e subita con "naturalezza", tutto dimostra il cambiamento profondo che la guerra provoca. La separazione finale è un atto d'amore per evitare che quel buco nero contamini l'"innocenza".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.