[7.01] Poirot: L'assassinio di Roger Ackroyd

Media utenti
Titolo originale: The Murder Of Roger Ackroyd
Anno: 2000
Genere: giallo (colore)
Note: Aka "Il diario di un omicida" o "Diario di un assassino". E' il primo episodio della settima serie.
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/07/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 12/07/07 12:20 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo episodio della serie Poirot (che ci presenta il detective belga in pensione). Molto cupo, per tutto l'episodio si respira una certa tristezza, che raggiunge il culmine nel cupissimo finale (da osservare il monologo finale di Poirot). Ottimo anche l'intrigo giallo, con un cast di buoni attori..
MEMORABILE: Il monologo finale di Poirot.

Cotola 20/03/10 23:53 - 7517 commenti

I gusti di Cotola

Tratto da uno dei romanzi più celebri e belli della Christie, è ben scritto e riesce ad avvincere più di altri episodi della serie. Il merito è ovviamente dell’ottimo materiale di partenza. L’idea del diario è interessante e l’intreccio avvince pur nella sua semplicità. E’ chiaro che se lo si vede conoscendo il colpo di scena finale, la tensione andrà a farsi benedire e il divertimento sarà monco.

Galbo 16/12/10 08:40 - 11384 commenti

I gusti di Galbo

Il migliore romanzo di Agata Christie ottiene una discreta trasposizione in questa serie televisiva. Il clima del romanzo è mantenuto e sono efficaci sia l'ambientazione che la caratterizzazione dei personaggi. Di buon livello in particolare l'interpretazione del protagonista Poirot da parte del bravo attore belga (come il suo personaggio) David Suchet.

Rambo90 20/06/15 21:23 - 6343 commenti

I gusti di Rambo90

Da uno dei migliori romanzi della Christie, uno degli episodi migliori della serie. Non era facile ricreare la particolare struttura del testo originale, ma grazie a qualche cambiamento e alla bravura degli interpreti rimane intatto il fascino di questo giallo. Adeguati anche l'inserimento di Japp e la nota malinconica di cui si avvolge il ritiro di Poirot.
MEMORABILE: L'incontro tra Poirot e Japp.

Zender 22/02/16 20:53 - 280 commenti

I gusti di Zender

Da uno dei più celebri racconti della Christie (nonché uno dei più difficilmente filmabili) un episodio piuttosto riuscito che in qualche modo, pur a fatica e con qualche inevitabile libertà, risolve l'inghippo narrativo di fondo (chi ha letto il romanzo capirà). Vanno in scena un assassinio e un suicidio legati a un delitto ancor precedente. Poirot è in pensione ma da amico della vittima affianca il collega londinese. Suchet è sempre delizioso, la storia intrigante. Purtroppo si avverte qualche semplicizzazione di troppo, ma il tutto fila.

Ultimo 3/08/20 14:08 - 1358 commenti

I gusti di Ultimo

Uno dei migliori prodotti di Agatha Christie viene ben trasposto in questo giallo con David Suchet sempre ottimo nelle vesti del detective belga. La trama è complessa ma viene ben rappresentata grazie a una regia attenta ai dettagli (si veda la ricostruzione finale) e a un cast in forma. Si sente la mancanza del capitano Hastings, ma nel complesso rimane uno dei migliori Poirot televisivi di sempre.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 7/07/10 12:48
    Consigliere - 43510 interventi
    Copio dalle note la
    scheda di doppiaggio:

    Eugenio Marinelli: Poirot
    Stefano De Sando: Japp
    Paolo Lombardo: Shepard
    Glauco Onorato: Ackroyd
    Sabrina Duranti: Ursul
  • Discussione Deepred89 • 15/12/10 21:26
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Ho appena finito il libro e vorrei fare un paio di considearazioni:

    SPOILER




    -Quando si parla di L'assassinio di Roger Ackroyd viene quasi sempre citata la presenza di un notevole (e notevole in effetti lo è) colpo di scena conclusivo ("tra i finali più originali della storia del poliziesco" "impossibile indovinare il colpevole" e via dicendo). Tenendo conto di queste premesse ho intuito l'identità del colpevole fin dalla prima pagina del libro. Gli indizi effettivamente ci sono (narratore fin troppo impersonale, alcune ambiguità di troppo) ma di sicuro senza tali "premesse" ci sarei arrivato un po' più in là della prima pagina. Alla fine queste cose fanno male quasi quanto gli spoiler veri a propri.

    -Restando in tema, vedo nella scheda del film degli AKA ultraspoiler.